Un canadese intenta una causa contro il governo federale per allontanare i suoi nipoti da Gaza

Un canadese intenta una causa contro il governo federale per allontanare i suoi nipoti da Gaza

Un canadese palestinese ha intentato una causa contro il governo federale nel tentativo di far uscire i suoi quattro nipoti da Gaza.

Mohammed Nofal, 74 anni, sostiene che Global Affairs Canada e i funzionari dell’immigrazione hanno perseguito una politica discriminatoria che ha negato alla sua famiglia l’aiuto nell’evacuazione di una zona di guerra nei giorni successivi all’attacco di Hamas contro Israele il 7 ottobre.

Nella sua istanza alla Corte Federale del 4 dicembre, Nofal sostiene che il Dipartimento degli Affari Pubblici e il Ministro della Cittadinanza e dell’Immigrazione trattano i canadesi con famiglia a Gaza ingiustamente rispetto ai canadesi con famiglia in Israele.

“In questo caso, stiamo accusando di abuso di potere, fornendo informazioni fuorvianti e creando una politica di sfratto discriminatoria”, ha detto Wissam Nofal, la figlia dell’uomo di Burlington, in un’intervista a CTV News.

Disparità di trattamento dei canadesi bloccati

Muhammad Nofal sta cercando un ordine del tribunale federale per costringere il ministro a “correggere il suo abuso di discrezione” e ad esaminare la sua richiesta di visto per i suoi nipoti nel sud di Gaza.

Nofal sostiene nella sua causa che il governo federale era disposto a evacuare i figli e i nipoti dei canadesi e dei residenti stranieri permanenti che vivono in Israele, ma non era disposto a fare lo stesso per i canadesi palestinesi che hanno i propri cari intrappolati a Gaza.

La causa sostiene inoltre che ai canadesi israeliani è stato dato un codice speciale per accelerare i visti dei visitatori, mentre ai canadesi palestinesi no.

Tra il 12 e il 23 ottobre, più di 1.600 persone si sono imbarcate sui ponti aerei canadesi provenienti da Israele.

“Sono felice che stiano trattando i canadesi israeliani nel modo giusto, ma i canadesi palestinesi sono stati privati ​​della loro umanità e trattati come cittadini di seconda classe”, ha detto Wissam.

Le accuse di Novel si concentrano sulle comunicazioni provenienti dall’account di posta elettronica SOS di Global Affairs Canada sette giorni dopo che il Canada aveva iniziato l’evacuazione delle persone da Tel Aviv.

READ  Un alto funzionario della difesa statunitense ha affermato che l'aviazione ucraina ha aggiunto circa 20 velivoli operativi in ​​più dopo un afflusso di pezzi di ricambio

Errore burocratico

Wissam ha chiesto informazioni al GAC sull’allontanamento della famiglia di suo fratello, composta da sei persone, da Gaza.

Il 19 ottobre ha ricevuto una lettera da [email protected], in cui si afferma che l’assistenza alla partenza “è limitata ai cittadini canadesi, ai residenti permanenti del Canada e ai loro parenti stretti non canadesi che si trovano attualmente in Israele”.

Nella corrispondenza e-mail fornita da Nofal a CTV News, GAC ha definito i familiari prossimi come “il nipote non canadese (di età inferiore a 22 anni) e il figlio non canadese (di età inferiore a 22 anni) di un cittadino canadese o residente permanente”.

Wissam ha detto che quando ha contattato il GAC per sapere se i loro parenti a Gaza avevano diritto all’evacuazione, è stata informata che suo fratello e sua cognata non erano idonei, ma che i loro figli avevano diritto all’assistenza.

Ha detto di aver immediatamente avviato la procedura di richiesta dei nipoti per conto di suo padre.

Muhammad Nofal ha quattro nipoti a Gaza. L’età delle ragazze e dei ragazzi varia dai 5 ai 17 anni.

Tuttavia, il 22 ottobre, il GAC ha offerto “scuse sincere” per aver erroneamente detto alla famiglia che i nipoti non canadesi erano idonei.

“Sfortunatamente, sembra che ci sia stato un errore quando abbiamo fornito una risposta alla definizione di famiglia immediata”, ha scritto il rappresentante del GAC, affermando che la responsabilità della definizione è di Citizenship and Immigration Canada.

Muhammad, Ahmed, Fella e Malek con il padre Amjad a Gaza l’anno scorso.

Fluttuazioni politiche

Due settimane dopo, mentre i bombardamenti su Gaza si intensificavano, la famiglia Nofal si chiedeva nuovamente se il governo federale avrebbe aiutato a salvare i nipoti. Secondo un’e-mail del 4 novembre, i funzionari del GAC hanno scritto che i bambini avrebbero diritto all’assistenza alla partenza se Mohamed Nofal avesse fornito la documentazione comprovante che suo figlio era disposto a trasferirgli la custodia.

READ  L'uragano Adalia porta una "tempesta catastrofica" dopo essersi abbattuto sulla Florida, Georgia - Nazionale

Attraverso un avvocato di Ramallah in Cisgiordania, la famiglia è riuscita ad ottenere un documento legale che trasferisce la tutela dei quattro bambini dai genitori al nonno. Il processo è durato 16 giorni.

Nel frattempo, Mohammed ha fatto richiesta di visto urgente per i suoi nipoti utilizzando il codice speciale ricevuto dalla famiglia nella prima e-mail da GAC. Ma la legge non si applica ai residenti di Gaza.

Secondo la documentazione del tribunale, il 20 novembre Nofal ha inviato la prova della sua tutela al GAC solo per sentirsi dire dai funzionari che avevano bisogno di una seconda opinione da parte di un avvocato canadese.

“Fare errori”

Due giorni dopo, ha detto la famiglia, hanno fornito la conferma da parte di un avvocato canadese che il documento era vincolante. Ma lo stesso giorno, nonostante quelli che credevano fossero sforzi riusciti per superare numerosi ostacoli burocratici, Mohammed è stato informato il 22 novembre che i suoi nipoti non avevano diritto allo sfratto.

Il ministro dell’Immigrazione Mark Miller ha detto giovedì di non essere a conoscenza di queste accuse specifiche e di non voler fare speculazioni. Ma ha espresso preoccupazione.

“Non ha senso privare i bambini. Abbiamo una finestra limitata per difendere un gruppo limitato di persone. Stiamo parlando di una zona di guerra, dove abbiamo fatto del nostro meglio per essere flessibili e talvolta commettere errori.

Miller ha riconosciuto che gli errori “a volte possono costare la vita alle persone”.

CTV News ha chiesto al GAC se i figli e i nipoti dei canadesi e dei residenti permanenti nati all’estero possono imbarcarsi sui voli provenienti da Israele.

Il GAC non ha risposto alla domanda ma ha affermato in una dichiarazione che “l’ammissibilità all’assistenza viene applicata in modo coerente a tutti i canadesi ammissibili, ai residenti permanenti e ai familiari”.

READ  Gli Stati Uniti hanno inviato sottomarini nucleari in Iran

“Per motivi di privacy, il GAC non commenta casi consolari specifici.”

Dalla loro casa a Burlington, Ontario, Mohamed Nofal e sua moglie Intisar cercano di contattare quotidianamente la famiglia del figlio. Spesso nessuno risponde al cellulare per ore o giorni, lasciando la coppia a temere il peggio.

“Sono distrutto”, ha detto Muhammad, indicando il suo cuore, con le lacrime agli occhi.

La famiglia di suo figlio si trova attualmente rifugiata in una località vicino al confine egiziano, dove sono riuniti in una stanza con circa altre 100 persone.

Sono vicini al valico di Rafah, l’unica via d’uscita da Gaza, ma la sicurezza non è alla loro portata.

L’Egitto controlla la Porta di Rafah, mentre i funzionari palestinesi gestiscono l’elenco dei nomi delle persone che possono andarsene. Israele monitora da vicino chi entra e chi esce, e l’uscita attraverso i cancelli non è possibile in mezzo ad attacchi aerei e battaglie di terra.

GAC afferma che più di 600 cittadini canadesi, residenti permanenti e le loro famiglie più strette sono passati da Gaza all’Egitto dal 1° novembre. Ma ci sono ancora quasi 200 canadesi intrappolati a Gaza.

All’inizio di questa settimana, l’NDP ha chiesto misure speciali sull’immigrazione per consentire ai canadesi palestinesi di richiedere visti di emergenza per i membri della famiglia allargata. Miller ha detto che sta lavorando ad una politica per aiutare più palestinesi che hanno legami con il Canada. Ma il ministro ha osservato che anche se il Canada rilasciasse più visti, non vi è alcuna garanzia che gli sarà permesso di partire. Il Canada non controlla la Porta di Rafah.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *