La Russia accetta alcuni coscritti tra le truppe inviate in Ucraina

Il ministero della Difesa russo ha riconosciuto mercoledì che alcuni coscritti stanno prendendo parte al conflitto con l’Ucraina dopo che il presidente russo Vladimir Putin lo ha negato in varie occasioni, dicendo che sono stati inviati solo soldati e ufficiali professionisti.

Alcuni di loro, in servizio nelle unità di rifornimento, sono stati catturati dall’esercito ucraino, ha detto il ministero, da quando i combattimenti sono iniziati il ​​24 febbraio.

L’agenzia di stampa RIA ha citato il portavoce di Putin, Dmitry Peskov, che ha affermato che Putin aveva ordinato ai pubblici ministeri militari di indagare e punire i responsabili della violazione delle sue istruzioni di escludere le reclute dall’operazione.

Le madri dei soldati russi suscitano timori

Alcune associazioni di madri di soldati in Russia hanno espresso preoccupazione per un certo numero di coscritti che sono rimasti in incommunicado all’inizio di quella che il Cremlino chiama una “operazione militare speciale” in Ucraina, suggerendo che avrebbero potuto essere inviati a combattere nonostante la mancanza di un’adeguata formazione. .

Finora il Cremlino e le autorità militari lo hanno negato. La scorsa settimana, il parlamento russo ha approvato una legge che impone una pena detentiva fino a 15 anni Per aver deliberatamente diffuso “false” notizie sui militari.

Un membro delle forze di difesa regionali ucraine è stato visto camminare martedì vicino ai resti di un aereo d’attacco russo Sukhoi Su-25 che si è schiantato contro un edificio a Kharkiv, in Ucraina. (Sergey Popock/AFP/Getty Images)

“Purtroppo, abbiamo scoperto diversi fatti sulla presenza di coscritti nelle unità che partecipano all’operazione militare speciale in Ucraina. Quasi tutti questi soldati sono stati ritirati in Russia”, ha affermato il ministero della Difesa, giurando di prevenire tali situazioni in futuro. .

La madre della recluta, che ha parlato in condizione di anonimato, ha detto che l’unità militare del figlio diciannovenne è stata inviata a sud, nella città russa di Kursk, poco dopo aver iniziato il servizio militare, poi si è trasferita a Belgorod, una città più vicina all’Ucraina confine per la formazione.

Dice che, in base alle poche telefonate che ha ricevuto, non è stato inviato in Ucraina né ha firmato un contratto per farlo.

“Non sono sicura di cosa accadrà domani”, ha detto a Reuters al telefono.

READ  L'Ucraina afferma di aver riconquistato una città vicino a Kharkiv, nel nord-est del paese

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.