Il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite esprime il suo “dispiacere” per gli insediamenti israeliani | Notizie del conflitto israelo-palestinese

Il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite esprime il suo “dispiacere” per gli insediamenti israeliani |  Notizie del conflitto israelo-palestinese

Il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ha espresso la sua “profonda preoccupazione e indignazione” per l’attività degli insediamenti israeliani in una dichiarazione annacquata che ha sostituito una bozza di risoluzione che avrebbe condannato esplicitamente le politiche israeliane.

La dichiarazione presidenziale del Consiglio di sicurezza – approvata lunedì da tutti i 15 membri del consiglio, compresi gli Stati Uniti – ha anche affermato quello che ha definito “l’impegno dell’Autorità palestinese ad abbandonare e affrontare il terrorismo”.

“Il Consiglio di sicurezza ribadisce che la continuazione delle attività di insediamento israeliane mette seriamente in pericolo la fattibilità di una soluzione a due stati basata sulle linee del 1967”, ha affermato il Consiglio di sicurezza.

La misura simbolica è arrivata in risposta alla decisione del governo israeliano all’inizio di questo mese di autorizzare migliaia di unità di insediamento nella Cisgiordania occupata e di legalizzare retroattivamente gli avamposti costruiti illegalmente.

“Siamo molto lieti che ci sia stato un messaggio unificato molto forte da parte del Consiglio di sicurezza contro di esso [Israel’s] Riyad Mansour, l’inviato palestinese alle Nazioni Unite, ha detto lunedì ai giornalisti.

La scorsa settimana, il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite sembrava intenzionato a votare una bozza di risoluzione che chiedesse la fine dell’espansione degli insediamenti israeliani.

Ma i rapporti di diverse agenzie di stampa statunitensi e israeliane, citando fonti diplomatiche, affermano che l’Autorità palestinese ha accettato di abbandonare la sua offerta per il voto tra le pressioni del governo degli Stati Uniti, comprese le promesse di un pacchetto di aiuti finanziari.

READ  Africa - "molti" morti in un attacco nel Niger occidentale

Come parte dell’accordo, hanno detto le fonti, Israele sospenderà temporaneamente la pubblicità di nuove unità abitative e la demolizione delle case palestinesi.

L’agenzia di stampa Reuters ha detto lunedì che gli Emirati Arabi Uniti, che hanno redatto la risoluzione insieme ai funzionari dell’Autorità palestinese, hanno chiesto al Consiglio di sicurezza di abbandonare la risoluzione e votare.

La risoluzione avrebbe chiesto a Israele di “cessare immediatamente e completamente tutte le attività di insediamento nei Territori palestinesi occupati”.

Israele ha conquistato la Cisgiordania, comprese Gerusalemme Est e Gaza, nel 1967. Da allora, ha costruito insediamenti che ospitano centinaia di migliaia di israeliani su terre occupate, che i palestinesi rivendicano come parte del loro futuro stato.

Il diritto internazionale vieta espressamente alle potenze occupanti di trasferire la propria popolazione civile nel territorio occupato. Un esperto delle Nazioni Unite ha precedentemente descritto gli insediamenti israeliani come un “crimine di guerra”.

La dichiarazione del Consiglio di sicurezza di lunedì ha invitato tutte le parti a “mantenere la calma e la moderazione e ad astenersi da azioni provocatorie, incitamento e retorica infiammatoria”.

Ha inoltre sollecitato “il pieno rispetto del diritto internazionale umanitario, compresa la protezione della popolazione civile”.

“Il Consiglio di sicurezza riafferma il diritto di tutte le nazioni a vivere in pace all’interno di confini sicuri e riconosciuti a livello internazionale, e afferma che sia il popolo israeliano che quello palestinese hanno diritto a uguali misure di libertà, sicurezza, prosperità, giustizia e dignità”, si legge nel comunicato. Leggere. , che fa eco al linguaggio usato regolarmente dal presidente degli Stati Uniti Joe Biden e dai suoi principali collaboratori.

Israele ha respinto la dichiarazione definendola “unilaterale”, criticando specificamente Washington per il suo sostegno.

READ  "Un pianeta in vista": il segretario generale delle Nazioni Unite chiede rapidi tagli alle emissioni | Notizie sulla crisi climatica

“La dichiarazione non avrebbe mai dovuto essere rilasciata e gli Stati Uniti non avrebbero dovuto aderirvi”, ha dichiarato l’ufficio del primo ministro Benjamin Netanyahu.

Il Consiglio di sicurezza dovrebbe condannare chiaramente gli insediamenti, ha detto Louis Charbonneau, direttore di Human Rights Watch alle Nazioni Unite.

“Sebbene sia utile per il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite denunciare le violazioni dei diritti umani israeliane contro i palestinesi, la dichiarazione di oggi, annacquata sotto la pressione degli Stati Uniti e di Israele, è tutt’altro che una feroce condanna della grave situazione”, ha scritto Charbonneau. in un tweet.

Lunedì, al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, l’inviata americana Linda Thomas Greenfield ha espresso inequivocabilmente l’opposizione degli Stati Uniti all’attività degli insediamenti israeliani, ma non ha condannato la politica israeliana.

“Queste misure unilaterali stanno esacerbando le tensioni; stanno minando le prospettive per una soluzione negoziata a due stati”, ha detto dell’annuncio dell’insediamento israeliano.”Gli Stati Uniti non supportano queste misure, fermatela completamente”.

Nella sua dichiarazione al consiglio di lunedì, Mansour, l’inviato palestinese, ha avvertito che la situazione potrebbe “raggiungere presto un punto di non ritorno”.

“Ogni azione che intraprendiamo ora conta. Ogni parola che diciamo conta. Ogni decisione che rimandiamo conta”, ha detto.

Israele, che è stato accusato di imporre un regime di apartheid da importanti organizzazioni per i diritti umani come Amnesty International, riceve annualmente almeno 3,8 miliardi di dollari di aiuti statunitensi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *