L’Italia e il Regno Unito esortano i leader europei a mantenere la questione migratoria in cima all’agenda

L’Italia e il Regno Unito esortano i leader europei a mantenere la questione migratoria in cima all’agenda

I leader italiani e britannici hanno concordato di collaborare per parlare di immigrazione in un vertice politico attualmente in corso in Spagna.

Questioni come l’immigrazione “attraversano i confini nazionali e richiedono soluzioni creative a livello europeo”, ha affermato il primo ministro britannico Rishi Sunak prima del vertice della Comunità politica europea (CPE) giovedì (5 ottobre) a Granada, in Spagna.

All’ordine del giorno si parla di allargamento dell’Ue, difesa, intelligenza artificiale, sicurezza energetica ed emergenza climatica. Inizialmente non era previsto che l’immigrazione fosse uno dei principali punti focali, finché il primo ministro italiano Giorgia Meloni non ha chiesto aiuto a Sunak. I due dovrebbero ora presiedere un incontro insieme.

“L’Italia non è affatto isolata”, ha detto la Meloni al suo arrivo a Granada. La Repubblica. Il leader italiano si riferiva ai recenti accordi annunciati dai diplomatici dell’Unione Europea riguardo al Patto Europeo sulla Migrazione. La Meloni ha affermato di ritenere che l’Europa possa “fare meglio” sulla questione.

Meloni: L’approccio europeo alle migrazioni è “in evoluzione”

Meloni ha affermato di ritenere che l’approccio europeo alla migrazione si stia “evolvendo e diventando più realistico”.

Dal dossier: l’italiana Giorgia Meloni, insieme all’olandese Mark Rutte e alla presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen, hanno guidato l’accordo dell’UE con il presidente tunisino Kais Saied | Foto: Reuters

Si prevede che i due leader affronteranno ulteriormente questo approccio durante il loro incontro congiunto durante il vertice di due giorni. L’immigrazione è una questione importante per entrambi, poiché l’impegno a controllarla faceva parte delle promesse elettorali che hanno portato i loro partiti al potere.

Durante l’incontro, i due leader dovrebbero sollevare la necessità di un maggiore coordinamento tra l’Unione Europea e il Regno Unito, secondo Bloomberg News. custode. Questa non è la prima volta che i due leader concordano di unire gli sforzi sull’immigrazione.

L’accordo di associazione europea, introdotto per la prima volta lo scorso anno, è il frutto di un’idea del presidente francese Emmanuel Macron. Comprende i leader dell’Unione Europea e non europei dei paesi balcanici e della Turchia.

“Partenariato strategico sulla migrazione” Italia-Regno Unito

Alla luce delle notizie di incontri e visite reciproche tra i due paesi, la stampa si è riempita di speculazioni secondo cui l’Italia e il Regno Unito annunceranno una sorta di “accordo” speciale sull’immigrazione. Ad aprile, Meloni e Sunak hanno firmato un memorandum d’intesa chiamato Partenariato strategico sulla migrazione.

READ  Berlusconi decide di non candidarsi alle presidenziali italiane | notizie di politica

Giornale britannico Il quotidiano Telegraph È stato riferito a luglio che diplomatici e alti funzionari di entrambi i paesi si sono incontrati dopo la firma del memorandum in giugno e luglio per raggiungere una sorta di accordo. Entrambi i paesi sperano di ridurre il numero di piccole imbarcazioni che arrivano sulle loro coste.

Dal dossier: I migranti arrivano al porto di Lampedusa nel settembre 2023 |  Foto: Charlotte Boiteau/Informazione Migrante
Dal dossier: I migranti arrivano al porto di Lampedusa nel settembre 2023 | Foto: Charlotte Boiteau/Informazione Migrante

Molti migranti che arrivano in Italia attraverso la rotta del Mediterraneo alla fine lasciano il paese e attraversano la Francia nella speranza di attraversare la Manica per raggiungere la Gran Bretagna.

Il Partito conservatore di Rishi Sunak terrà una propria conferenza questa settimana a Manchester. L’incontro dovrebbe essere l’ultimo prima delle prossime elezioni del prossimo anno, nelle quali si prevede che la questione dell’immigrazione avrà un ruolo.

Sunak: l’immigrazione “immorale e insostenibile”

Prima dell’incontro spagnolo, Sunak ha detto ai giornalisti che “i livelli di immigrazione illegale nell’Europa continentale sono i più alti in quasi un decennio”. Ha descritto la situazione come “immorale e insostenibile”, ribadendo che i leader europei “non possono permettere alle bande criminali di decidere chi sbarcare sulle coste europee”.

A differenza di altri leader conservatori in carica dopo la Brexit, Sunak ha intensificato i suoi tentativi di raggiungere un accordo con i suoi vicini europei.

Dopo la Brexit, la Gran Bretagna non è stata in grado di deportare i migranti che attraversano la Manica in base al Regolamento di Dublino, che prevede che i migranti debbano essere rimandati nel paese di primo ingresso nell’UE affinché la loro richiesta di asilo venga esaminata lì.

Dopo l’incontro di Granada, Sunak dovrebbe anche annunciare ulteriori iniziative bilaterali sulla migrazione con Belgio, Bulgaria e Serbia. custode Rapporti. Questi accordi sono un tentativo di “aumentare la condivisione dell’intelligence e la cooperazione operativa”.

I conservatori hanno annunciato una riduzione del 20% sugli attraversamenti della Manica

La Gran Bretagna fa già parte di una serie di accordi bilaterali con la Francia che includono miliardi di euro e cooperazione nel campo della polizia e della sorveglianza lungo la costa francese.

READ  14 annegati dopo che una barca diretta in Italia è affondata al largo della Tunisia | Notizie sull'immigrazione

Le autorità francesi affermano che gli accordi hanno impedito a decine di migliaia di migranti di tentare di attraversare il canale. Tuttavia, dall’inizio del 2023, più di 25.330 migranti hanno raggiunto le coste della Gran Bretagna.

Dal dossier: Un gruppo di persone ritenute migranti attraversa il canale su una piccola imbarcazione |  Fotografia: Gareth Fuller/Image Alliance/Associated Press
Dal dossier: Un gruppo di persone ritenute migranti attraversa il canale su una piccola imbarcazione | Fotografia: Gareth Fuller/Image Alliance/Associated Press

Alla conferenza del Partito conservatore, i politici hanno voluto sottolineare che ciò significherebbe una riduzione del 20% del numero di migranti arrivati ​​in Gran Bretagna senza documenti l’anno scorso, ma con centinaia di persone che arrivano quasi tutti i giorni nei mesi estivi del 2023, il governo sta faticando a dimostrare che la situazione è sotto… controllo.

Nel corso della conferenza, il ministro dell’Interno britannico Suella Braverman ha paragonato la migrazione del 21° secolo a un “uragano”, affermando che per “miliardi”, il passaggio da un paese più povero a uno più ricco “non è solo un sogno oggi ma assolutamente reale. ” Prospettiva.”

Braverman paragona la migrazione a un “uragano”

Mentre Braverman, i cui genitori emigrarono in Gran Bretagna nel XX secolo, riconosceva che tutti hanno il diritto di sognare di migliorare la propria vita, la Gran Bretagna “non può accogliere” tutti coloro che potrebbero voler venire dai paesi più poveri.

“Anche se costruiamo le campagne con il cemento… e trasformiamo tutte le nostre città in un gigantesco cantiere… non sarà sufficiente”, ha detto.

Il ministro degli Interni britannico Suella Braverman è figlia di immigrati nel Regno Unito, ma ha paragonato l’immigrazione del 21° secolo a
Il ministro dell’Interno britannico Suella Braverman è figlia di immigrati nel Regno Unito, ma ha paragonato l’immigrazione nel 21° secolo a un “uragano” e ha affermato che la Gran Bretagna non può accogliere tutti coloro che vogliono venire | Fotografia: Stephane Rousseau/Image Alliance/Impex

Secondo quanto riportato dalla British Broadcasting Corporation BBCGiovedì Sunak chiederà “un’azione europea più coordinata” per affrontare il numero crescente di migranti privi di documenti che arrivano ai confini del continente.

Alla conferenza del Partito conservatore del giorno precedente, Sunak ha ammesso nel suo discorso programmatico di “non aver mai preteso che fermare le barche sarebbe stato facile”, ma ha celebrato un calo degli arrivi del “20%” quest’anno. Tutto ciò, ha sottolineato, “accade mentre i redditi in Europa crescono”.

“Fermate le barche”

Sunak festeggia la “nuova legge” del suo governo. [the ‘Illegal migration’ law]Al che ha detto “Sarà garantito se vieni qui [to Britain] Verrai deportato illegalmente.” Sunak si è detto fiducioso che “una volta che i voli cominceranno ad andare regolarmente in Ruanda, le barche [from across the Channel] Smetterà di venire.”

READ  L’Arabia Saudita semplifica i requisiti per i visti e accoglie a braccia aperte i cittadini provenienti da Italia, Kuwait e Albania

Ha sottolineato l’accordo di rimpatrio del governo britannico con l’Albania, firmato poco dopo aver preso il potere, che secondo lui ha visto diminuire del “90%” il numero di cittadini albanesi arrivati ​​in Gran Bretagna.

Sunak ha concluso la parte del suo discorso sull’immigrazione sottolineando di essere sicuro che la Gran Bretagna “sta rispettando tutti i nostri obblighi internazionali, ma sappiate questo: farò tutto il necessario per fermare le barche”.

Dal dossier: il primo ministro britannico Rishi Sunak (a sinistra) ha fatto
Dal dossier: Il primo ministro britannico Rishi Sunak (a sinistra) ha fatto del “fermare le barche” in transito attraverso la Manica uno dei cinque temi politici chiave del suo governo | Foto: Yui Mok/pictureAlliance/empics

Anche il governo di destra italiano vorrebbe molto fermare le barche. In passato, i membri del governo, tra cui Meloni, hanno suggerito che un blocco navale nel Mediterraneo, così come i centri di trattamento nel Nord Africa, potrebbero contribuire a ridurre il numero di arrivi.

La Meloni ha avuto un ruolo attivo anche nel recente accordo siglato dall’Unione Europea con la Tunisia per cercare di ridurre il numero di migranti in arrivo in Italia.

Tuttavia, finora, il numero degli arrivi è aumentato costantemente da quando la Meloni è salita al potere, e non è diminuito.

Arrivi in ​​Italia

Secondo gli ultimi dati del Ministero dell’Interno, aggiornati il ​​4 ottobre, dall’inizio dell’anno sono arrivati ​​in Italia più di 135.000 migranti. La maggior parte di loro ora parte dalla Tunisia, anche se alcuni stanno ancora lasciando la Libia per raggiungere l’Unione Europea.

I dati attuali mostrano che la maggior parte degli arrivi è originaria della Guinea, seguita da cittadini della Costa d’Avorio e della Tunisia. Dall’inizio dell’anno sono sbarcati sulle coste italiane anche 12.330 minori non accompagnati.

Da aprile il governo italiano ha dichiarato diversi stati di emergenza per far fronte al numero di richiedenti asilo in arrivo nel Paese e ha ripetutamente fatto appello all’Unione Europea affinché aiuti a trasportare alcuni dei richiedenti asilo in arrivo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *