Lettera di un soldato del Texas che descrive donne e bambini feriti al confine | Notizie sul confine tra Stati Uniti e Messico

Lettera di un soldato del Texas che descrive donne e bambini feriti al confine |  Notizie sul confine tra Stati Uniti e Messico

Un’e-mail che si presume provenga da un soldato del Dipartimento della pubblica sicurezza del Texas ha suscitato indignazione negli Stati Uniti per aver descritto rischiosi valichi di frontiera e politiche “disumane”.

La lettera – secondo quanto riferito scritta dal paramedico e soldato Nicholas Wingate – cerca di evidenziare le “preoccupazioni” sorte durante l’operazione Lone Star, un programma in Texas per combattere l’immigrazione illegale e il contrabbando attraverso il confine tra Stati Uniti e Messico.

“Credo davvero nella missione dell’operazione Lone Star”, ha scritto Wingate, riferendosi alla necessità di “proteggere il confine dai cattivi”.

Ma, continua, “penso che abbiamo oltrepassato il limite”. Ha spiegato che gli era stato ordinato di “respingere” i migranti che rischiavano di annegare nel Rio Grande e di aver assistito a lesioni devastanti a coloro che cercavano di attraversare.

Scrive: “Dobbiamo renderci conto che queste sono persone fatte a immagine di Dio e devono essere trattate come tali”.

Lo Houston Chronicle ha riferito per la prima volta della lettera del 3 luglio al sergente maggiore Colin Kolopski.

I contenuti dell’e-mail hanno rinnovato il controllo della politica di frontiera a livello statale e nazionale, poiché l’immigrazione rimane una questione critica nella politica americana.

Il fiume Rio Grande tra Brownsville, Texas, e Matamoros, Messico, il 20 giugno [File: Daniel Becerril/Reuters]

Nel suo briefing quotidiano, il segretario stampa della Casa Bianca Karen Jean-Pierre ha affrontato le notizie di martedì sull’e-mail, definendone il contenuto “davvero inquietante”.

Abbiamo visto quei rapporti. Ovviamente, se è vero, è aberrante. È spregevole. È pericoloso. E parliamo dei valori fondamentali di chi siamo come Paese.

“L’oscenità, l’umana indecenza, che vediamo – probabilmente, se questo è vero – è semplicemente sbagliata. È completamente e assolutamente sbagliata”.

Le sue osservazioni hanno anche suscitato aspre critiche al governatore del Texas Greg Abbott, un repubblicano la cui amministrazione ha lanciato l’operazione Lone Star e che è stato un critico esplicito delle politiche sull’immigrazione del presidente Joe Biden.

READ  tempo metereologico. Neve eccezionale in Giappone con venti gelidi dalla Siberia «3B Meteo»

ha detto Jean-Pierre, riferendosi a un incidente nel 2022 quando un autobus dal Texas ha lasciato immigrati e richiedenti asilo davanti alla casa del vicepresidente Kamala Harris a Washington, DC.

La segretaria stampa statunitense Karen Jean-Pierre si rivolge a un soldato del Texas durante il suo briefing alla Casa Bianca il 18 luglio. [Evelyn Hockstein/Reuters]

Da parte sua, Abbott ha risposto alle rivelazioni via e-mail negando che le vite fossero intenzionalmente messe in pericolo lungo il confine.

Una dichiarazione congiunta dell’ufficio del governatore afferma: “Nessun ordine o direttiva è stato emesso nel quadro dell’operazione Lone Star che metterebbe in pericolo la vita di coloro che tentano di attraversare illegalmente il confine”.

Tuttavia, il comunicato stampa ha difeso l’uso del filo spinato da parte del Texas, noto anche come filo spinato, un metodo che Wingate ha evidenziato nella sua e-mail.

“Il Texas utilizza ogni strumento e strategia per scoraggiare e respingere gli attraversamenti illegali tra i porti di ingresso”, si legge nella dichiarazione del governatore. “La mancanza di questi strumenti e strategie – incluso il filo spinato che impiglia i vestiti – incoraggia i migranti a effettuare traversate potenzialmente letali e illegali”.

Il governatore del Texas Greg Abbott ha difeso l’uso del filo spinato lungo il confine tra Stati Uniti e Messico [File: Dustin Safranek/USA TODAY Sports, via Reuters]

Tuttavia, Wingate ha descritto il filo spinato come causa di gravi lesioni. Ha detto che una donna di 19 anni è rimasta intrappolata nel filo il 30 giugno, e lui l’ha piegata in due ed era “in evidente dolore”.

“L’abbiamo tagliata dal filo e l’abbiamo fatta valutare dal punto di vista medico. Era incinta e ha avuto un aborto spontaneo”, ha scritto.

Lo stesso giorno, Wingate ha affermato che il filo spinato ha costretto un quindicenne ad attraversare un fiume, “dove non è sicuro viaggiare”. L’adolescente alla fine si è rotto una gamba.

Un’altra bambina, di appena quattro anni, sarebbe stata “spinta all’indietro” dopo aver tentato di attraversare il filo il 30 giugno. Alla fine è svenuta “per la stanchezza” quando le temperature pomeridiane sono aumentate.

READ  La furia dell'inverno provoca una fredda settimana mortale in Texas

Wingate ha chiesto che “la barriera metallica sia costantemente presidiata e pattugliata” per evitare ulteriori vittime.

Ha aggiunto: “Il filo sulla spiaggia deve essere illuminato di notte in modo che le persone possano vedere il filo e non inciamparci sopra come una trappola”.

Gli agenti della pattuglia di frontiera degli Stati Uniti incontrano migranti e richiedenti asilo dal Venezuela nel 2022 vicino a Ciudad Juarez, in Messico, lungo il fiume Rio Grande. [File: Jose Luis Gonzalez/Reuters]

Wingate ha anche criticato gli ordini ricevuti, ordinando a lui e agli altri di “spingere le persone in acqua” nel Rio Grande per “andare in Messico”.

Di fronte a “molti bambini molto piccoli e neonati che venivano allattati al seno”, WinGate ha detto di temere “il vero potenziale dell’annegamento delle persone esauste”.

Dopo aver espresso questa preoccupazione al suo comandante, a lui e agli altri membri della sua pattuglia è stato permesso di andarsene e gli agenti della polizia di frontiera sono arrivati ​​per esaminare i migranti ei richiedenti asilo.

Negli ultimi anni il Texas ha intensificato le protezioni alle frontiere, installando di recente una barriera galleggiante nel mezzo del Rio Grande per scoraggiare gli attraversamenti vicino alla città di Eagle Pass.

Il governatore Abbott ha anche fatto appello ad altri stati affinché dispieghino truppe della Guardia Nazionale e altro personale delle forze dell’ordine al confine, nel tentativo di sopprimere l’immigrazione irregolare. Quasi 14 stati a guida repubblicana hanno risposto alla chiamata.

Ma le politiche di confine di Abbott hanno suscitato critiche per essere crudeli, se non pericolose per la vita. Il governo messicano ha anche denunciato il muro galleggiante come una possibile violazione dei trattati di confine tra i due Paesi.

Nella sua e-mail, Wingate ha osservato che le misure che costringono migranti e richiedenti asilo a rientrare in Messico potrebbero contribuire alla criminalità lungo il confine.

READ  Il leader kazako ordina l'uso della forza letale in ogni ulteriore manifestazione

“Costringere i rifugiati a tornare indietro li rimette nelle mani dei cartelli, dove vengono aggrediti, derubati e violentati”, ha scritto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *