Guerra in Ucraina: donne che combattono in prima linea

Guerra in Ucraina: donne che combattono in prima linea

Le donne che hanno combattuto in prima linea nella guerra in Ucraina, per più di un anno, lo hanno fatto senza attrezzature adeguate, ha detto un ente di beneficenza ucraino.

Dal 24 febbraio 2022, quasi 60.000 donne si sono unite alla lotta contro l’invasione illegale dell’Ucraina da parte della Russia, hanno dichiarato a CTVNews.ca i fondatori di Zemliachky, un’organizzazione di beneficenza che aiuta le donne soldato in prima linea.

Le loro uniformi non si adattano correttamente, i loro elmetti coprono gli occhi mentre si sfilano dalla testa e i loro stivali sono troppo grandi.

“La cosa più importante è l’uniforme”, ha detto in una e-mail a CTVNews.ca Karina, vice comandante di prima linea in Ucraina. “L’uniforme che viene distribuita non è sempre della taglia giusta, e quando fa più freddo, devi indossare abiti caldi e di alta qualità.”

L’accesso ai prodotti mestruali è un’altra difficoltà che queste donne devono affrontare. Assorbenti e tamponi sono difficili da trovare e ancora più difficili da cambiare quando il bagno è un buco scavato nel pavimento.

Per tre donne che hanno inviato un’e-mail a CTVNews.ca, l’onore di servire il proprio paese in un momento di bisogno supera di gran lunga le difficoltà della vita quotidiana in prima linea.

Per proteggere le loro famiglie, CTVNews.ca ha accettato di mantenere segreti i cognomi delle donne. Le citazioni seguenti provengono da e-mail a CTVNews.ca, modificate per chiarezza e tradotte dall’ucraino.

Veronica: “Trova la felicità nelle piccole cose”

“Sono arrivata qui per caso, ma ora non riesco nemmeno a immaginarmi da nessun’altra parte”, ha detto Veronica a CTVNews.ca (collaboratore).

Il momento in cui la guerra è sembrata reale a Veronica è stato quando le è stata consegnata una granata dopo che i russi hanno fatto una breccia nella linea di difesa ucraina.

“Questo è al posto della prigionia”, le è stato detto.

Il 26enne è nato a Dnipro e viveva a Kiev quando è scoppiata la guerra. Aveva appena completato uno stage e si stava preparando a diventare un’anestesista.

Ha iniziato la sua giornata ogni mattina con un cappuccino in un “bellissimo caffè”, ha detto a CTVNews.ca. Tuttavia, il rituale mattutino di Veronica sembra molto diverso dal lavorare in prima linea come medico da combattimento.

“Invece di prendere un cappuccino da un bar in una bella tazza, ho un caffè istantaneo, se sono fortunata, anche con panna o latte”, ha detto.

Veronica lavora nella divisione Azov di un’unità di artiglieria nella parte orientale dell’Ucraina.

“Fornisco assistenza ai soldati sul campo e li mando in ospedale se necessario, e insegno le basi della medicina tattica”, ha detto. “Ecco perché sono andato a studiare per diventare un anestesista perché amo le situazioni in cui devi prendere una decisione rapida.”

READ  Duda afferma che la Polonia invierà 4 MiG-29 in Ucraina entro pochi giorni | Notizie della guerra tra Russia e Ucraina

Le sue capacità decisionali erano richieste quando fu chiamata sul campo di battaglia per aiutare un soldato ferito con una sospetta frattura al collo.

“Sono corsa da lui con una barella, gli ho messo un collare (un tutore per il collo) ed è stato subito portato in ospedale”, ha detto Veronica. “Gli ho parlato per tutto il tempo. Mi ha chiesto se stava muovendo la mano, e io ho detto: ‘Ce ne sono alcuni, dai, puoi farlo’, anche se non ci sono stati movimenti”.

Ogni giorno è diverso per Veronica, ma dice che cerca di “trovare la felicità nelle piccole cose”.

Un giovane soldato ucraino è di stanza fuori dal campo di battaglia in attesa di essere chiamato ad assistere nell’evacuazione e nel trattamento. È fortunata ad avere una doccia all’aperto e un pasto caldo cucinato da volontari nelle vicinanze.

Karina: “Avevo paura, ma ce l’ho fatta”

Karina ha detto: “La guerra in (Crimea) nel 2014 mi ha spinto a unirmi ai ranghi delle forze armate, poiché la mia casa era in bilico”. (Ha contribuito)

La realtà della guerra per Karina è molto diversa. Combatte nell’esercito ucraino da quando la Russia ha annesso la Crimea nel 2014.

“Sono qui da un anno senza rotazione, mi mancano l’acqua calda e un bagno normale più di ogni altra cosa”, ha detto a CTVNews.ca in una e-mail.

Karina, 26 anni, è il vice comandante della sua unità spesso mobile durante la guerra. La batteria, di 48 uomini e due donne, costruisce tutto: bagni, servizi igienici e strutture per dormire.

Ogni volta che il gruppo si sposta, abbandona le strutture e ricomincia da capo.

Kareena ha detto che si è abituata alla sua nuova realtà, ma fatica ancora a prendersi cura di se stessa. Dice che la cistite, un’infiammazione della vescica spesso causata da una cistite non trattata o UTI, è comune tra i suoi compagni.

I caschi dati alle donne, ha detto, sono “di tre taglie più grandi”, e gli indumenti intimi che usano per gli uomini.

Karina è entrata nel dipartimento quando aveva 23 anni. Ha lasciato il comandante dell’unità subito dopo, lasciando la sua carica con circa 50 uomini.

“Avevo paura, ma ci sono riuscita. Sono rispettata e obbedita”, ha detto.

La sua funzione principale è quella di raccontare ai propri cari quando sono stati uccisi.

“È difficile”, ha detto, “e devo trovare forza, compassione e sensibilità”.

Ad agosto, Karina ha dovuto fare una telefonata difficile alla famiglia di un soldato di 23 anni.

READ  In che modo il governo del Regno Unito intende fermare gli attraversamenti del canale? | Notizie sull'immigrazione

“Ho chiamato suo padre – all’inizio non mi ha creduto”, ha detto Karina. “C’è una pausa profonda ed è così doloroso, è spaventoso. Perché capisci cosa sta provando la persona dall’altra parte.”

Kareena trova motivazione nella sua solitudine, che chiama la sua seconda famiglia. I soldati che lavorano con lei sono molto diversi, dice, ma sono comunque leali, amichevoli, brillanti e divertenti.

Guarda al futuro e immagina dopo la guerra come comprerà una nuova casa da quando la sua casa è stata distrutta il 15 marzo 2022.

Lisa: “Molti di loro sono morti difendendo la mia città natale”

Ho lavorato, studiato, girato per la città con gli amici e mi sono goduto la vita. E dal 24 febbraio (2022) ha cominciato subito a prestare assistenza, prima ai civili della sua zona, ha perquisito cantine e comprato viveri. (Ha contribuito)

In un’altra unità, Lisa, un’artigliera di 21 anni, dice di essere fortunata quando ha l’acqua calda.

“(C’è) una mancanza di luce, acqua, riscaldamento e internet”, ha detto Lisa a CTVNews.ca in una e-mail. “Il gabinetto è un buco scavato e la doccia è riscaldata sul fuoco. Spesso non c’è posto dove lavarsi.”

Quando sei sul campo, porta con te assorbenti, assorbenti interni e antidolorifici nel caso in cui rimarrai lontano dal campo per un po’.

Ha detto: “All’inizio, i miei commilitoni mi hanno offerto qualcosa di dolce durante le mestruazioni, ma ho detto che non mangio dolci, quindi ora mi portano sottaceti e pomodori”.

L’inverno è stato molto freddo. Lisa indossa quattro paia di calzini e di notte dorme sotto quattro sacchi a pelo estivi.

Ha vissuto a Mariupol orientale, una delle prime aree bombardate in Ucraina. Il 24 febbraio 2022, Lisa è stata svegliata alle 5 del mattino da un’esplosione e ha immediatamente chiamato il suo fidanzato che lavora nell’esercito.

Ad aprile, si era unita alla forza e sapeva di voler lavorare nei mortai, seguendo le orme del suo ragazzo. Trova motivazione dai suoi amici ad Azov (una piccola città a nord di Mariupol), che le instillano l’amore per il loro paese e per i loro libri.

“Ora, molti di loro sono morti difendendo la mia città natale”, ha detto Lisa. “I russi hanno distrutto la mia città natale, ucciso molti civili e rovinato la mia vita anche adesso. Ogni singolo giorno uccidono bambini e donne[e]uccidono la mia nazione”.

“E chi, se non noi, dovrebbe fermarli?” Lei disse.

“Questa è la nostra ragion d’essere”: come aiuta ZemLIACHY

Zemliachky si è formato un mese dopo lo scoppio della guerra e ha pubblicato la sua prima storia su Instagram con una donna soldato.

READ  Sue Gray: Boris Johnson condannato per "fallimenti di leadership" nel rapporto "Partygate".

“La salute mentale è in realtà molto importante, perché comunichiamo con 7.000 reclute donne ed era chiaro a tutti noi che avevano bisogno di questo supporto mentale”, ha affermato Andrei Kolesnik, co-fondatore di Zemliachky. “Non è che ti unisci all’esercito e ti alleni da qualche parte. In realtà è la guerra, e tutte le cose tragiche e orribili che incontrerai, che sentirai e tutte queste morti, tutte queste omicidi… Ti dà la cicatrice della tua salute mentale.”

L’organizzazione è stata creata da Kolesnyk e Ksenia Draganyuk che hanno legami con l’aiuto alle donne, in particolare nell’esercito. La sorella minore di Kolesnik e suo marito si arruolarono entrambi nell’esercito poco prima che scoppiasse la guerra.

Draganyuk era una giornalista televisiva che raccontava le storie di donne in tutta l’Ucraina che lavoravano in campi dominati dagli uomini come vigili del fuoco, polizia o piloti.

“Così abbiamo deciso di combinare l’idea di aiutare con l’idea di offrirlo (Draganyuk) prima della guerra, e volevamo raccontare storie di donne al fronte”, ha detto Kolesnik.

Attraverso brevi questionari, la coppia ha potuto capire chi erano le donne in prima linea e di cosa avevano bisogno. L’organizzazione ha iniziato a inviare pacchi di articoli necessari ai soldati come prodotti mestruali, cibo e messaggi di incoraggiamento.

All’inizio Zelmiachky spediva circa 40 pacchi al mese, ora sono passati da 50 a 100 al giorno.

“Non inviamo attrezzature basate esclusivamente sulle nostre idee, in ogni scatola ci sono articoli specifici di cui sappiamo che una persona specifica ha bisogno”, ha detto Draganyuk in ucraino. “Li mandiamo anche come piccole cose per mantenere alto il morale in modo che sappiano che là fuori ci sono persone che si prendono cura di loro”.

Con la crescita dell’ente di beneficenza, è cresciuta anche la domanda di attrezzature e uniformi specifiche per le donne. L’organizzazione si occupa di migliaia di reclute donne e delle loro esigenze con un team di 11 persone. La domanda è costante mentre la guerra si trascina.

Con l’aiuto di partner di tutto il mondo, a luglio Zemliachky ha iniziato a inviare alle donne soldato attrezzature adatte a loro.

“Non solo la società si aspettava che un gran numero di donne si arruolasse nell’esercito (ma) il governo non si aspettava nemmeno che molte donne si arruolassero nell’esercito, ed è per questo che non aveva alcuna possibilità di prepararsi in uniforme femminile. Scarpe di piccole dimensioni con attrezzature “, ha detto Kolesnik. più leggero.” “Questo è il motivo per cui esistiamo.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *