Le evacuazioni dall’Afghanistan prendono slancio mentre i talebani promettono la pace

Più di 2.200 altri diplomatici e civili sono stati evacuati dall’Afghanistan su voli militari, ha detto mercoledì a Reuters un funzionario della sicurezza occidentale, con sforzi intensificati per far uscire le persone dopo che i talebani hanno preso il controllo della capitale.

I talebani hanno affermato di volere la pace, di non vendicarsi dei loro vecchi nemici e di rispettare i diritti delle donne nel quadro della legge islamica. Ma migliaia di afgani, molti dei quali hanno aiutato le forze straniere guidate dagli USA per due decenni, hanno un disperato bisogno di andarsene.

“Stiamo continuando con uno slancio molto veloce, la logistica non ha mostrato alcun problema tecnico finora e siamo stati in grado di rimuovere più di 2.200 membri del personale diplomatico, personale della sicurezza estera e afghani che lavoravano nelle ambasciate”, ha detto il funzionario della sicurezza occidentale.

Ha detto che non è chiaro quando riprenderanno i voli civili.

Il funzionario non ha fornito una ripartizione di quanti afgani erano tra le oltre 2.200 persone che se ne sono andate e non era chiaro se quel numero includesse gli oltre 600 uomini, donne e bambini afgani che hanno viaggiato domenica, stipati in un esercito americano. 17 aerei da carico.

Martedì, le forze armate canadesi hanno dichiarato di essere impegnate ad aiutare gli afgani “che sono a rischio a causa della loro stretta e duratura relazione con il Canada” a uscire dall’Afghanistan.

Le risorse aeree sono in viaggio verso la regione, ha affermato in una nota, aggiungendo che i voli charter che trasportano cittadini afgani sono arrivati ​​a Toronto lunedì sera e martedì pomeriggio.

Rifugiati dall’Afghanistan e cittadini canadesi salgono a bordo di un autobus dopo essere stati curati all’aeroporto Pearson di Toronto martedì dopo essere arrivati ​​indirettamente dall’Afghanistan. (Shawn Kilpatrick/The Canadian Press)

I talebani, che hanno combattuto sin dalla loro cacciata nel 2001 per espellere le forze straniere, domenica hanno sequestrato Kabul dopo un attacco sconsiderato mentre le forze occidentali guidate dagli Stati Uniti si sono ritirate in base a un accordo che includeva l’impegno dei talebani a non attaccarla quando se ne sarebbero andati.

Le forze statunitensi che gestiscono l’aeroporto sono state costrette a interrompere i voli lunedì dopo che migliaia di afghani terrorizzati hanno attraversato la struttura in cerca di un volo di uscita. I voli sono ripresi martedì con la situazione sotto controllo.

Uno dei fondatori dei talebani torna in Afghanistan

Mentre i talebani consolidavano il loro potere, i talebani hanno affermato che uno dei suoi leader e partner fondatori, il mullah Abdul Ghani Baradar, era tornato in Afghanistan per la prima volta in più di 10 anni. Un funzionario talebano ha detto che i leader si sarebbero mostrati al mondo a differenza del passato, quando vivevano in segreto.

“Lentamente e gradualmente il mondo vedrà tutti i nostri leader e non ci sarà ombra di segretezza”, ha detto a Reuters l’alto funzionario talebano.

Guarda | Gli afghani scettici nei confronti dei talebani affermano di volere la pace:

Gli afgani mettono in dubbio le pretese di cambiamento dei talebani

I talebani affermano di aver cambiato le loro brutali tattiche, ma dopo aver preso il controllo della maggior parte dell’Afghanistan, le persone dubitano che rispetteranno i diritti umani, in base ai loro precedenti. 2:01

Con il ritorno di Baradar, un portavoce dei talebani ha tenuto il primo briefing informativo del movimento dal loro ritorno a Kabul, osservando che avrebbero fatto rispettare le loro leggi più dolcemente di quanto non avessero prima al potere, tra il 1996 e il 2001.

“Non vogliamo nemici interni o esterni”, ha detto ai giornalisti Zabihullah Mujahid, il principale portavoce dei talebani.

Ha detto che le donne potranno lavorare e studiare e “saranno molto attive nella società ma nel quadro dell’Islam”.

Durante il loro governo, erano anche guidate dalla legge islamica, i talebani vietavano alle donne di lavorare. Le ragazze non potevano andare a scuola e le donne dovevano indossare un burqa completamente incapsulato per uscire e solo allora se accompagnate da un parente maschio.

Ramez Alakbarov, il coordinatore umanitario delle Nazioni Unite in Afghanistan, ha dichiarato a Reuters in un’intervista che i talebani hanno assicurato alle Nazioni Unite di poter continuare il lavoro umanitario in Afghanistan, che soffre di una grave siccità.

L’Unione europea ha affermato che coopererà con le autorità talebane solo se i diritti fondamentali, compresi i diritti delle donne, saranno rispettati.

Ad alcune donne è stato ordinato di lasciare il lavoro

All’interno dell’Afghanistan, le donne hanno espresso i loro dubbi. L’attivista per l’educazione delle ragazze afghane Pashtana Durrani, 23 anni, era diffidente nei confronti delle promesse dei talebani. “Devono parlare. Al momento non lo sono”, ha detto a Reuters.

A molte donne è stato ordinato di lasciare il lavoro durante la rapida avanzata dei talebani attraverso l’Afghanistan.

Mujahid ha affermato che i talebani non cercheranno vendetta contro ex soldati e funzionari governativi e concederanno l’amnistia a ex soldati, appaltatori e traduttori che hanno lavorato con le forze internazionali.

“Nessuno ti farà del male e nessuno busserà alle tue porte”, ha detto, aggiungendo che c’era una “grande differenza” tra i talebani di oggi e 20 anni fa.

Ha anche detto che le famiglie che cercano di fuggire dal paese all’aeroporto dovrebbero tornare a casa e non accadrà loro nulla.

Centinaia di persone si sono radunate martedì davanti all’aeroporto internazionale di Kabul. (The Associated Press)

Il tono conciliante di Mujahid è in contrasto con i commenti del primo vicepresidente afghano Amrullah Saleh, che si è dichiarato “presidente ad interim legittimo” dopo che il presidente Ashraf Ghani è fuggito dal paese e ha promesso di non inchinarsi ai nuovi governanti di Kabul.

Saleh sembra essere decollato e non è chiaro quanto sostegno possa raccogliere in un paese esausto da decenni di conflitto.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden e il primo ministro britannico Boris Johnson hanno dichiarato di aver concordato di tenere una riunione virtuale dei leader del Gruppo dei Sette la prossima settimana per discutere una strategia e un approccio comuni all’Afghanistan.

La decisione di Biden, un democratico, di attenersi all’accordo di recesso stipulato dal suo predecessore repubblicano Donald Trump lo scorso anno ha suscitato critiche diffuse in patria e tra gli alleati degli Stati Uniti.

Biden ha detto che deve scegliere tra chiedere alle forze statunitensi di combattere a tempo indeterminato o perseguire un accordo di ritiro con Trump. Ha incolpato del controllo dei talebani i leader afgani che sono fuggiti e la riluttanza dell’esercito a combattere.

Il Canada ha istituito un programma speciale di immigrazione per gli afgani ancora nel paese devastato dalla guerra che ha avuto finora diversi viaggi di evacuazione, il leader liberale Justin Trudeau Egli ha detto. Ha anche creato un gruppo separato per i rifugiati sopravvissuti all’Afghanistan e ha promesso di reinsediare fino a 20.000 persone.

READ  Il flusso di lava sta rallentando sull'isola spagnola, facendo temere che possa distruggere più case

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *