L’Ucraina intenta causa contro Polonia, Slovacchia e Ungheria per la messa al bando dei cereali: POLITICO | Notizie della guerra tra Russia e Ucraina

L’Ucraina intenta causa contro Polonia, Slovacchia e Ungheria per la messa al bando dei cereali: POLITICO |  Notizie della guerra tra Russia e Ucraina

Polonia, Slovacchia e Ungheria hanno imposto un embargo dopo che un afflusso di grano ucraino ha provocato le proteste degli agricoltori locali.

Kiev sta valutando la possibilità di citare in giudizio Polonia, Ungheria e Slovacchia per il divieto sui prodotti agricoli ucraini POLITICO Lo riporta la notizia.

Lunedì la rivista ha citato il rappresentante commerciale ucraino Taras Kachka, secondo cui Kiev potrebbe anche imporre misure reciproche alla Polonia se Varsavia non rinuncia ai suoi ulteriori passi.

“Dovremo reagire all’aumento dei prodotti e vietare l’importazione di frutta e verdura dalla Polonia”, ha affermato.

A maggio, l’Unione Europea ha imposto restrizioni sui cereali ucraini per consentire a Polonia, Bulgaria, Ungheria, Romania e Slovacchia di vietare le vendite interne di grano, mais, colza e girasole ucraini, consentendo al tempo stesso il transito di queste spedizioni per l’esportazione altrove.

Mentre il divieto è scaduto la scorsa settimana, Varsavia, Bratislava e Budapest hanno annunciato il loro divieto sui cereali ucraini, affermando di agire nell’interesse delle loro economie e che questo passo mira a proteggere i loro agricoltori.

I tre paesi si sono lamentati del fatto che l’abbondanza di grano ucraino minacciava i loro mercati interni.

Kaczka ha detto che il divieto è “ridicolo”.

I lavoratori caricano il grano al porto di Izmail, Ucraina, aprile 2023 [File: Andrew Kravchenko/AP Photo]

Ha aggiunto: “Penso che l’Ungheria qui stia facendo una dichiarazione politica secondo cui vuole ostacolare il commercio con l’Ucraina e ignorare completamente Bruxelles. Ecco perché penso che questa sia una mossa molto coraggiosa contro di noi da parte di Budapest”.

L’Unione Europea ha lasciato scadere il divieto venerdì dopo che l’Ucraina ha dichiarato che avrebbe adottato misure per rafforzare i controlli sulle esportazioni verso i paesi vicini.

Kachka ha detto che Kiev è pronta ad “assumersi la responsabilità di garantire che le esportazioni dall’Ucraina non portino ad alcuno tsunami nei paesi vicini” e imporrà un sistema di licenze per l’esportazione di grano “in tempo reale”.

READ  Una fabbrica di cioccolato è stata multata di 44.000 dollari per non aver evacuato i lavoratori prima dell'esplosione di gas che ha ucciso 7 persone

Ma il funzionario ucraino ha anche osservato che la decisione di imporre l’embargo al di fuori del sostegno dell’UE avrebbe sollevato “la più grande preoccupazione sistemica” nel caso in cui i partner non fossero stati sicuri che Bruxelles stesse parlando a nome del blocco.

Secondo Politico, Kiev prevede anche di citare in giudizio i paesi presso l’Organizzazione Mondiale del Commercio, piuttosto che attraverso il suo accordo commerciale con l’Unione Europea.

Ha aggiunto: “Penso che il mondo intero dovrebbe vedere come si comportano gli stati membri dell’UE nei confronti dei partner commerciali e della loro unione, perché ciò può influenzare anche altri paesi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *