Una petroliera fa una chiamata di soccorso a causa di molestie da parte di motoscafi iraniani

Una petroliera fa una chiamata di soccorso a causa di molestie da parte di motoscafi iraniani

Motoscafi iraniani si sono avvicinati e hanno navigato vicino alla nave mercantile (foto della 5a flotta della US Navy)

Pubblicato il 4 giugno 2023 18:54 da

Dirigente marittimo

Una nave mercantile non identificata ha emesso una chiamata di soccorso nel pomeriggio di domenica 4 giugno, mentre transitava nello Stretto di Hormuz mentre le forze americane e britanniche rispondevano. La petroliera ha riferito di essere stata molestata da navi d’attacco veloci iraniane, ma non è stato fatto alcun tentativo di abbordare o sequestrare la nave e alla fine si sono ritirate. Ciò avviene in un momento in cui le forze internazionali hanno annunciato la loro intenzione di aumentare i pattugliamenti nella regione in risposta alle misure aggressive dell’Iran nei confronti della navigazione commerciale.


Il comando centrale delle forze navali statunitensi per la quinta flotta statunitense ha riferito che la nave mercantile ha effettuato una chiamata di soccorso radio alle 16:56 ora locale. La nave si trovava nello Stretto di Hormuz e ha riferito che tre motoscafi che trasportavano personale armato si stavano avvicinando e seguendo la nave a distanza ravvicinata. Tuttavia, la nave sembrava continuare la sua rotta.


Cacciatorpediniere missilistico guidato USS garantita e la fregata HMS della Royal Navy britannica Lancaster Entrambi hanno ricevuto una chiamata di soccorso. IL Lancaster Elicottero lanciato per fornire sorveglianza. Gli Stati Uniti hanno diretto sulla scena un aereo da pattugliamento marittimo Poseidon e stavano monitorando l’attività.


Circa un’ora dopo, la Marina degli Stati Uniti ha riferito che la situazione era “regredita”. La petroliera ha dichiarato che la nave a gravità veloce, che la marina ha detto di ritenere appartenere al Corpo delle guardie rivoluzionarie iraniane, aveva lasciato la scena. La nave mercantile ha proseguito attraverso lo Stretto di Hormuz senza ulteriori incidenti.




Per evidenziare la sua crescente presenza, il Comando Centrale degli Stati Uniti ha rilasciato una foto di un cutter della Guardia Costiera degli Stati Uniti, una corvetta missilistica della Royal Saudi Navy e un veicolo senza pilota di pattuglia nel Golfo Persico la scorsa settimana (foto della Quinta Flotta della Marina degli Stati Uniti)



La Marina degli Stati Uniti ha detto il mese scorso che lo è aumentarne la presenza Nella regione dopo aver riferito che l’Iran ha Ha catturato due petroliere battenti bandiera straniera. Gli iraniani hanno anche riferito di aver sequestrato una terza nave, che non è stata confermata in modo indipendente dal comando centrale o da fonti occidentali. Gli Stati Uniti hanno cacciatorpediniere, cacciatorpediniere della Guardia Costiera e aerei da pattugliamento marittimo di stanza nell’area e hanno recentemente evidenziato il loro maggiore utilizzo di sistemi senza pilota per le attività di sorveglianza.


In risposta a un’interrogazione in Parlamento la scorsa settimana, il governo britannico ha affermato che stava aumentando la sua attività nel Golfo Persico. Baronessa Goldie, Segretario di Stato presso il Ministero della Difesa risposto a una domanda Sull’attività del Regno Unito nel Golfo Persico, riferendosi all’esistenza di Lancasterche si diceva navigassero regolarmente nel Golfo di Oman e attraverso lo Stretto di Hormuz. La risposta evidenzia che “il Regno Unito sta attualmente aumentando i pattugliamenti marittimi difensivi nello Stretto di Hormuz per fornire una maggiore sicurezza per il commercio marittimo nella regione”.


L’Iran ha detto la scorsa settimana che intende aumentare le sue attività nella regione, annunciando che è in procinto di formare un’alleanza navale. I media statali iraniani hanno affermato che Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti, Qatar e Bahrein si uniranno allo sforzo, insieme a India e Pakistan. Hanno evidenziato una dichiarazione rilasciata dagli Emirati Arabi Uniti tramite il suo servizio di notizie che annunciava il suo ritiro dalla Task Force marittima combinata a partire da febbraio.


La Task Force marittima combinata ha 38 stati membri, con un portavoce degli Stati Uniti che conferma che gli Emirati Arabi Uniti rimangono membri. Hanno detto che gli Emirati Arabi Uniti dovrebbero commentare il loro livello di partecipazione, ma rimarranno membri. Il giornale di Wall Street menzionato Che le frustrazioni stavano crescendo nella regione dopo che l’Iran è stato recentemente arrestato con gli Emirati Arabi Uniti che si lamentavano e chiedevano maggiori attività da parte degli Stati Uniti e di altri alleati occidentali.


Il newsfeed di Breaking Defense ha rilasciato un bollettino esclusivo un report Hanno detto che i funzionari statunitensi hanno risposto all’annuncio dell’Iran che avrebbe formato un’alleanza dicendo che “sfida la ragione”.


È stato eseguito da forze ritenute collegate alla Marina del Corpo delle guardie rivoluzionarie islamiche iraniane Movimenti di molestie simili Informazioni sulle navi della US Navy e della US Coast Guard nell’area. Analogamente all’attività odierna, hanno navigato vicino alle navi americane, tagliandole davanti, provocando risposte da parte degli Stati Uniti compreso almeno un colpo di avvertimento, ma come oggi dopo una dimostrazione di forza si sono ritirate.


READ  Duro lavoro, sorprese, scelte difficili: storie di immigrazione a Ottawa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *