La First Lady siriana ringrazia la Cina per essere stata al fianco del suo Paese e per aver impedito piani “ancora in fase di preparazione”.

La First Lady siriana ringrazia la Cina per essere stata al fianco del suo Paese e per aver impedito piani “ancora in fase di preparazione”.

La First Lady siriana, Asma al-Assad, ha ringraziato la Cina per essere stata al fianco del suo Paese durante i forum internazionali per prevenire “i piani che erano e sono ancora orditi contro i paesi indipendenti”.

Martedì ha detto, secondo una lettera vista dal giornale, che i due paesi rischiano di cancellare le loro culture nazionali “attraverso vari mezzi… in nome dello sviluppo e della modernizzazione”. Ha aggiunto che l’obiettivo è “distruggere le comunità e cancellare l’identità”.

La Siria consente la ripresa della consegna degli aiuti delle Nazioni Unite attraverso il confine turco

Al-Assad ha fatto le osservazioni in arabo durante un incontro presso il College of Arab Studies dell’Università di studi esteri di Pechino. All’incontro hanno partecipato l’ambasciatore cinese in Siria, Shi Hongwei, oltre ai diplomatici della Siria e degli Emirati Arabi Uniti, secondo una dichiarazione dell’università.

Parlare arabo con te riflette i forti legami storici e culturali tra Cina e Siria, che esistono da migliaia di anni, quando le carovane viaggiavano tra la Cina e la regione di Sharm El Sheikh attraverso il Mediterraneo. Via della SetaDisse il leone.

06:32

Belt and Road in Cina, 10 anni dopo

Belt and Road in Cina, 10 anni dopo

Al-Assad ha elogiato lo sviluppo raggiunto dalla Cina grazie “allo straordinario progresso scientifico e tecnologico raggiunto dal suo governo e dal suo popolo sulla base della preservazione delle sue culture e lingue uniche”.

IL Iniziativa Belt and RoadHa aggiunto che l’iniziativa per il commercio globale e le infrastrutture focalizzata sulla Cina “preserva e rivitalizza il patrimonio culturale locale” e “sostiene il trasferimento di conoscenza e cultura”.

02:43

Nella Siria devastata dalla guerra, inizia la produzione di un film di Jackie Chan sugli eroici diplomatici cinesi

Nella Siria devastata dalla guerra, inizia la produzione di un film di Jackie Chan sugli eroici diplomatici cinesi

La First Lady era in viaggio con suo maritoIl presidente siriano Bashar al-Assad durante la sua prima visita in Cina dopo la visita in Siria Guerra civile È iniziato nel 2011. Il viaggio di sei giorni, terminato mercoledì, è stato il viaggio più lungo di Assad fuori dal paese dallo scoppio della guerra.
Assad governa la Siria da 23 anni ed è ampiamente considerato dall’Occidente come colui che ha ostacolato le forze democratiche e causato una rivoluzione. Crisi umanitaria Nel paese è ancora soggetto a sanzioni.

Prima della loro visita a Pechino, gli Assad erano tra gli ospiti della cerimonia dei Giochi asiatici a Hangzhou. In un’intervista con l’emittente statale CCTV, Assad ha detto di essere stato commosso dagli applausi cinesi per la delegazione siriana durante la cerimonia di apertura dei giochi, aggiungendo che la scena era “la prova che la Cina è emotivamente vicina al popolo siriano”.

I tifosi cinesi fischiano la nazionale di calcio fuori dal campo e applaudono la Siria dopo la sconfitta

Al-Assad ha aggiunto che il suo figlio più giovane studia cinese da più di sette anni.

Secondo un rapporto pubblicato dall’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i diritti umani nel 2022, la guerra civile in Siria ha provocato circa 300.000 vittime.

La Cina ha sostenuto Damasco nel conflitto ma ha negato qualsiasi intervento militare diretto.

READ  Pelosi annuncia i piani per una "Commissione 9/11" per indagare sull'attacco al Campidoglio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *