Meta afferma che gli account Facebook dei soldati ucraini sono stati presi di mira dagli hacker

Le tattiche utilizzate dai gruppi, secondo Meta, includono fingere di essere giornalisti online indipendenti e testate giornalistiche per spingere i punti di discussione russi, cercare di hackerare dozzine di account Facebook dei soldati ucraini e condurre campagne coordinate per cercare di ottenere post da critici della Russia. È stato rimosso dai social media.

Meta ha detto che gli hacker sono riusciti in “un piccolo numero di casi” e “hanno pubblicato video che invitavano i militari ad arrendersi come se questi post provenissero da legittimi titolari di account. Abbiamo bloccato la condivisione di questi video”.

Meta ha anche osservato che le azioni dei gruppi legati ai governi russo e bielorusso sembravano essersi intensificate poco prima dell’invasione. La società ha affermato di aver notato che i resoconti legati al KGB bielorusso “hanno improvvisamente iniziato a pubblicare in polacco e inglese sulla resa delle forze ucraine senza combattere e sulla fuga dei leader della nazione dal paese il 24 febbraio, il giorno in cui la Russia ha iniziato la guerra. ”

Meta ha anche affermato di aver rimosso una rete di circa 200 account operanti dalla Russia che avevano ripetutamente fatto false segnalazioni su persone in Ucraina e Russia nel tentativo di rimuovere loro e i loro post dalla piattaforma. Gli account hanno riferito erroneamente a Meta che persone in Ucraina e Russia avevano violato le regole dell’azienda sull’incitamento all’odio e altre politiche. Questa tattica, nota come “copertura di massa”, è comunemente usata dalle persone che cercano di chiudere gli account sui social media degli avversari.

Vadim Hedema, co-fondatore di Digital Security Lab Ukraine, un’organizzazione che aiuta a proteggere gli account online di giornalisti e attivisti, ha affermato che l’invasione russa ha portato a “un massiccio aumento degli attacchi contro gli account dei social media tramite rapporti di massa”.

READ  Attivista di Hong Kong condannato a 15 mesi di carcere per il suo ruolo nella veglia di Tiananmen

Molti degli account Twitter e Facebook presi di mira non sono stati verificati, il che ha reso difficile il recupero degli account di organizzazioni che, ad esempio, stavano raccogliendo fondi e coordinando forniture mediche in risposta all’invasione russa, ha detto Hidema alla CNN.

“Molte pagine dei social media sono state temporaneamente chiuse. Probabilmente ne abbiamo recuperate la maggior parte molto rapidamente. Ma questo è stato un pasticcio”.

Meta ha anche affermato che continua a vedere immagini del profilo false utilizzate nelle campagne di disinformazione.

In un precedente annuncio di febbraio, Meta ha affermato di aver scoperto e chiuso un’operazione segreta di influenza russa che gestisce account che si spacciano per persone a Kiev, compresi i redattori di notizie, che prendono di mira gli ucraini.

Dead ha detto in un giornalePost sul blog.

Meta ha collegato gli account falsi a persone precedentemente sanzionate dal governo degli Stati Uniti. Gli account e i siti Web gestiti da questa operazione di influenza non sembrano aver avuto molto successo nel raggiungere molte persone, secondo i dati esaminati dalla CNN.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.