Il Consiglio di Sicurezza dell’Onu chiede la fine dei combattimenti a Gaza per ottenere aiuti

Il Consiglio di Sicurezza dell’Onu chiede la fine dei combattimenti a Gaza per ottenere aiuti

I delegati osservano un minuto di silenzio per le vittime dell’attacco lanciato dal movimento islamico palestinese Hamas contro Israele il 7 ottobre e per i palestinesi uccisi nel conflitto tra Israele e Hamas, durante una riunione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, presso la sede delle Nazioni Unite Sede delle Nazioni a New York. Stati Uniti, 10 novembre 2023. Reuters/David D… Ottenere i diritti di licenza Per saperne di più

NAZIONI UNITE (Reuters) – Mercoledì il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ha chiesto una tregua umanitaria urgente ed estesa nei combattimenti tra israeliani e militanti palestinesi di Hamas nella Striscia di Gaza per un “numero di giorni sufficiente” per consentire l’arrivo degli aiuti.

Il consiglio formato da 15 membri ha superato un’impasse che ha visto il mese scorso quattro tentativi falliti di agire per adottare una risoluzione che chiedeva anche il rilascio immediato e incondizionato di tutti gli ostaggi detenuti da Hamas.

Mercoledì gli Stati Uniti, la Russia e la Gran Bretagna, che hanno potere di veto nel Consiglio, si sono astenuti dal voto sulla risoluzione elaborata da Malta. I restanti 12 membri hanno votato a favore della delibera.

L’impasse nel Consiglio è in gran parte incentrata sulla decisione se indire una tregua umanitaria o un cessate il fuoco. Una pausa è generalmente meno formale e più breve di un cessate il fuoco, che deve essere concordato dalle parti in guerra. Gli Stati Uniti hanno sostenuto il cessate il fuoco, mentre la Russia ha insistito per un cessate il fuoco.

La Russia ha fallito nel suo tentativo dell’ultimo minuto di modificare la risoluzione per chiedere una tregua che portasse alla cessazione delle ostilità. L’ambasciatore Vasily Nebenzia ha detto al consiglio che la Russia si è astenuta dal voto perché non vi era alcuna richiesta di un cessate il fuoco immediato.

READ  Attivista di Hong Kong condannato a 15 mesi di carcere per il suo ruolo nella veglia di Tiananmen

La risoluzione è il quinto tentativo del Consiglio di agire da quando Israele afferma che i militanti di Hamas hanno ucciso 1.200 persone e preso circa 240 in ostaggio in un attacco a sorpresa il 7 ottobre. Il testo non condanna nemmeno l’attacco di Hamas, motivo di controversia per l’alleato di Israele. Stati Uniti e Gran Bretagna.

“In definitiva, gli Stati Uniti non possono votare sì a un testo che non condanna Hamas – o afferma il diritto di tutti gli stati membri a proteggere i propri cittadini dagli attacchi terroristici”, ha detto al consiglio l’ambasciatrice americana alle Nazioni Unite Linda Thomas-Greenfield. Dopo la votazione.

Anche la Gran Bretagna si è astenuta dal voto perché non vi è stata alcuna condanna degli attacchi del 7 ottobre compiuti da Hamas.

L’ambasciatrice britannica presso le Nazioni Unite Barbara Woodward ha dichiarato al consiglio: “La brutalità di questi attacchi deve essere chiara a tutti noi”. Ha aggiunto: “Ma vorrei essere assolutamente chiaro. Era necessario e necessario che il Consiglio parlasse di questa crisi, e noi sosteniamo fermamente l’obiettivo della risoluzione: far arrivare gli aiuti e liberare gli ostaggi”.

Il Consiglio ha chiesto “una tregua umanitaria urgente ed estesa e l’apertura di corridoi in tutta la Striscia di Gaza per un numero sufficiente di giorni per consentire… l’accesso completo, rapido, sicuro e senza ostacoli agli aiuti umanitari”.

Israele ha promesso di eliminare Hamas, che governa Gaza, colpendo dal cielo l’enclave di 2,3 milioni di persone, imponendo un assedio e invadendo con soldati e carri armati. Funzionari sanitari di Gaza, considerati affidabili dalle Nazioni Unite, affermano che sono stati confermati morti circa 11.500 palestinesi.

READ  La contea sta accelerando il processo di richiesta per gli infermieri CFA per lavorare nei Paesi Bassi

“Hamas si è profondamente radicato tra la popolazione civile di Gaza”, ha detto Thomas-Greenfield. “Ma siamo stati chiari ai massimi livelli: le azioni di Hamas non diminuiscono la responsabilità di Israele nel proteggere le persone innocenti a Gaza”.

In ottobre il Consiglio di Sicurezza ha tentato quattro volte in due settimane di agire. La Russia non è riuscita due volte a ottenere i voti minimi richiesti, poiché gli Stati Uniti hanno utilizzato il proprio potere di veto contro un progetto di risoluzione redatto dal Brasile, mentre Russia e Cina hanno utilizzato il proprio potere di veto contro un progetto di risoluzione redatto dagli Stati Uniti.

La risoluzione adottata mercoledì richiede il rispetto del diritto internazionale, in particolare della protezione dei civili, in particolare dei bambini. Invita inoltre tutte le parti a non privare i civili di Gaza dei servizi di base e dell’assistenza umanitaria necessari per la loro sopravvivenza e accoglie con favore le limitate spedizioni iniziali di aiuti, ma ne chiede l’aumento.

Dopo lo stallo del Consiglio di Sicurezza del mese scorso, l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, composta da 193 membri, ha adottato il 28 ottobre – con 121 voti a favore – una risoluzione redatta dagli stati arabi che chiedono una tregua umanitaria immediata e chiedono l’accesso degli aiuti a Gaza. Espropriazione e protezione dei civili.

Lo riferisce Michelle Nichols. A cura di Paul Grant, Emilia Sithole Matarese, Grant McCall e Daniel Wallis

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Ottenere i diritti di licenzaapre una nuova scheda

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *