El Niño si sta formando presto, probabilmente per aggiungere più calore a un mondo in riscaldamento – Notizie dal Mondo

El Niño si sta formando presto, probabilmente per aggiungere più calore a un mondo in riscaldamento – Notizie dal Mondo

Il primo El Niño si è formato ufficialmente, ed è probabile che sia forte, ribaltando il tempo in tutto il mondo e già dando il riscaldamento globale I meteorologi hanno annunciato che un ulteriore impulso di calore normale.

Giovedì, la National Oceanic and Atmospheric Administration ha emesso un avviso El Nino, annunciando l’arrivo delle condizioni meteorologiche. Potrebbe non essere come gli altri.

Si è formato uno o due mesi prima della maggior parte di El Niños, ha detto il climatologo Michele Laureux, il che “gli dà spazio per crescere”, e c’è una probabilità del 56% che sia considerato forte e una probabilità del 25% di raggiungere livelli superlativi. , capo dell’Ufficio Previsioni El Niño/La Nina dell’Amministrazione Nazionale Oceanica e Atmosferica.

“Se questo El Niño si trasforma nella più grande classe di eventi… avrà il periodo di ricorrenza più breve nella documentazione storica”, ha detto Kim Cobb, climatologo della Brown University. Questa breve pausa tra El Ninos lascia alle comunità meno tempo per riprendersi dai danni alle infrastrutture, all’agricoltura e agli ecosistemi come le barriere coralline.

Normalmente, l’attività di El Nino si gonfia nell’Oceano Atlantico, dando sollievo alle regioni costiere negli stati dal Texas al New England, all’America centrale e ai Caraibi, stanche degli ultimi anni record di affollamento. Ma questa volta, i meteorologi non si aspettano che accada perché Caldo record di temperatura nell’Oceano Atlantico Resisterebbe ai venti di El Niño che di solito decapitano molte tempeste.

Gli uragani diventano più forti e crescono quando viaggiano su acque marine calde, e i tropici atlantici sono “eccezionalmente caldi”, ha detto Christopher Karnauskas, assistente professore all’Università del Colorado Boulder. Quindi, quest’anno, la National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA) et al Stagione degli uragani quasi media nell’Atlantico.

READ  Agli studenti filippini viene detto di restare a casa mentre il Sud-est asiatico affronta un'ondata di caldo estremo - World News

In passato, forti eventi di El Niño hanno causato un aumento record delle temperature globali, come hanno fatto nel 2016 e nel 1998. All’inizio di quest’anno, gli scienziati affermavano È probabile che il prossimo anno stabilisca una temperatura recordSoprattutto perché El Ninos di solito raggiunge il massimo della sua forza in inverno. Ma questo El Nino è iniziato anche prima del solito.

“L’emergere di El Niño ha implicazioni per mettere il 2023 in corsa per essere l’anno più caldo mai registrato se combinato con uno sfondo di riscaldamento climatico”, ha affermato Marshall Shepherd, professore di meteorologia presso l’Università della Georgia.

El Niño è un riscaldamento naturale, temporaneo ed episodico di una parte dell’Oceano Pacifico che altera i modelli meteorologici in tutto il mondo, spesso spostando le tracce aeree delle tempeste. mondo prima Quest’anno è uscito Una La Nina insolitamente forte e duratura – l’altra faccia di un El Nino con un raffreddamento – è questo Siccità in peggioramento negli Stati Uniti occidentali e un aumento della stagione degli uragani nell’Atlantico.

In un certo senso ciò significa che parte del clima selvaggio degli ultimi tre anni, come la siccità in alcuni punti, cambierà nella direzione opposta.

“Se hai avuto tre anni di grave siccità come in Sud America, la tendenza alla bagnatura potrebbe essere benvenuta nello sviluppo”, ha affermato L’Heureux. “Non vuoi inondazioni, ma certamente ci sono parti del mondo che trarrebbero beneficio da un’insorgenza di El Niño”.

Nei prossimi mesi, durante l’estate settentrionale, El Nino sarà avvertito più fortemente nell’emisfero australe con “impatti minori” in Nord America, riferisce L’Heureux.

READ  L'Unione Europea riprende la sua presenza diplomatica a Kiev. L'Italia seguirà l'esempio

Ha detto che El Nino stava fortemente inclinando l’Australia verso condizioni più secche e più calde, con il nord del Sud America – Brasile, Colombia e Venezuela – probabilmente più secco, il sud-est dell’Argentina e parti del Cile probabilmente più umide. Anche l’India e l’Indonesia tendono ad essere secche durante il mese di agosto a El Ninos.

Mentre El Niño significa tradizionalmente meno uragani nell’Atlantico, spesso significa più cicloni tropicali nel Pacifico, secondo Loreux.

El Niño colpisce più duramente da dicembre a febbraio, spostando il percorso della tempesta invernale a sud verso l’equatore. È probabile che il terzo meridionale dell’intera metà meridionale degli Stati Uniti, compresa la California, sia più umido a causa di El Niño. Per anni, la California ha cercato sollievo dalle piogge di El Niño dopo una mega siccità durata decenni, ma i fiumi apparentemente infiniti di questo inverno nell’atmosfera non ne hanno più avuto bisogno, ha detto.

L’Heureux ha affermato che il nord-ovest del Pacifico degli Stati Uniti e parti della valle dell’Ohio potrebbero diventare asciutti e caldi.

L’Heureux ha affermato che è probabile che alcuni dei maggiori impatti si vedranno nell’Indonesia più calda e secca e nelle parti adiacenti dell’Asia. Cerca anche parti del Sud Africa per asciugarsi.

D’altra parte, Azhar Ahsan, ricercatore associato presso la Columbia University, ha affermato che i paesi colpiti dalla siccità nell’Africa nord-orientale accoglierebbero favorevolmente piogge benefiche dopo aver sopportato condizioni di siccità per diversi anni a causa dei prolungati eventi di La Nina.

Alcuni studi economici hanno dimostrato che La Niña provoca più danni negli Stati Uniti e nel mondo rispetto a El Niño.

Uno Studio del 2017 su Economic Journal Si è scoperto che El Nino ha un “effetto di promozione della crescita” sulle economie degli Stati Uniti e dell’Europa, mentre è costoso per Australia, Cile, Indonesia, India, Giappone, Nuova Zelanda e Sud Africa.

READ  Imran Khan rischia l'arresto: come siamo arrivati ​​qui? | Notizia

Ma uno studio recente dice El Nino è molto più costoso Più globale di quanto si pensasse in precedenza, le stime dei danni sono state collocate in trilioni di dollari. La Banca Mondiale ha stimato che El Niño del 1997-1998 È costato ai governi 45 miliardi di dollari.

Anche gli Stati Uniti affrontano i rischi di El Nino nonostante alcuni vantaggi. Ehsan ha sottolineato che l’aumento delle precipitazioni negli stati di California, Oregon e Washington aumenta il rischio di frane e inondazioni improvvise in queste aree. “Sebbene El Nino porti benefici in termini di ricarica delle risorse idriche, pone alcuni rischi che devono essere considerati e gestiti”, ha aggiunto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *