I legislatori russi hanno fissato le elezioni presidenziali per il 17 marzo, aprendo la strada al quinto mandato di Putin – World News

I legislatori russi hanno fissato le elezioni presidenziali per il 17 marzo, aprendo la strada al quinto mandato di Putin – World News

Giovedì i legislatori russi hanno programmato le elezioni presidenziali del paese del 2024 per il 17 marzo, portando Vladimir Putin un passo avanti verso il quinto mandato.

I membri del Consiglio della Federazione, la camera alta del parlamento russo, hanno votato all’unanimità a favore dell’approvazione del decreto che fissa la data.

“In sostanza, questa decisione segna l’inizio della campagna elettorale”, ha detto Valentina Matvienko, presidente del Consiglio della Federazione. Venerdì è in programma una riunione della Commissione elettorale centrale russa sulla campagna presidenziale.

Putin (71 anni) non ha ancora annunciato la sua intenzione di ricandidarsi, ma è ampiamente previsto che lo faccia nei prossimi giorni, dopo la fissazione della data.

In base alle riforme costituzionali da lui orchestrate, ha il diritto di candidarsi per altri due mandati di sei anni dopo la scadenza del suo mandato attuale, il prossimo anno, il che potrebbe consentirgli di rimanere al potere fino al 2036.

Dopo aver imposto uno stretto controllo al sistema politico russo, la vittoria di Putin alle elezioni di marzo era ormai certa. I critici di spicco che potrebbero sfidarlo alle elezioni sono in prigione o vivono all’estero, e la maggior parte dei media indipendenti sono stati banditi.

Né la lunga e costosa guerra in Ucraina né la fallita ribellione del leader mercenario Yevgeny Prigozhin la scorsa estate sembrano aver influito sugli alti indici di approvazione riportati dai sondaggi indipendenti.

Non è chiaro chi lo sfiderà al ballottaggio. Due persone hanno annunciato la loro intenzione di candidarsi: l’ex deputato Boris Nadezhdin, che ricopre un seggio nel consiglio comunale della regione di Mosca, e Yekaterina Dontsova, giornalista e avvocato della regione di Tver a nord di Mosca, che in passato era consigliere locale. Legislatura.

READ  Nazioni Unite: arrestata eminente attivista per l'educazione delle ragazze afghane | Notizie sull'istruzione

Per entrambi, partecipare al ballottaggio può essere una battaglia in salita. A meno che uno dei cinque partiti politici con seggi alla Duma, la camera bassa del parlamento russo, non li nomini come candidati, dovranno raccogliere decine di migliaia di firme in più regioni.

Secondo le leggi elettorali russe, i candidati gestiti da un partito che non è rappresentato alla Duma o da almeno un terzo delle legislature regionali devono presentare almeno 100.000 firme da 40 o più regioni. Coloro che si candidano indipendentemente da qualsiasi partito avranno bisogno di almeno 300.000 firme da 40 o più regioni.

Questi requisiti valgono anche per Putin, che nel corso degli anni ha utilizzato tattiche diverse. Si è candidato come indipendente nel 2018 e la sua campagna ha raccolto firme. Nel 2012, il partito Russia Unita del Cremlino lo ha nominato, quindi non ne ha avuto bisogno.

La Commissione elettorale centrale sta pianificando il voto online in aggiunta alle tradizionali schede cartacee in circa 30 regioni russe, e sta valutando la possibilità di estendere il voto su tre giorni, una pratica adottata durante la pandemia e ampiamente criticata dagli osservatori elettorali indipendenti.

Queste misure, combinate con le restrizioni al monitoraggio adottate negli ultimi anni, limiteranno gravemente la possibilità di osservatori indipendenti, secondo Stanislav Adenrychuk, co-presidente di Golos, un importante gruppo indipendente di monitoraggio elettorale.

Solo i candidati registrati o gli organi consultivi sostenuti dallo Stato, le camere civiche, possono nominare osservatori nei seggi elettorali, riducendo la possibilità di organi di controllo veramente indipendenti, ha detto Andreychuk all’Associated Press. Ha affermato che c’è pochissima trasparenza riguardo al voto online e che, se le votazioni continuassero per tre giorni, sarebbe molto difficile coprire i quasi 100.000 seggi elettorali del paese, per non parlare di garantire che le schede elettorali non vengano manomesse di notte. .

READ  La First Lady siriana ringrazia la Cina per essere stata al fianco del suo Paese e per aver impedito piani “ancora in fase di preparazione”.

“Il monitoraggio regolare (alle urne) è il problema più grande in questa fase”, ha detto Andreychuk.

“Ma lavoreremo comunque”, ha detto riferendosi ai piani di Golos, aggiungendo che condurranno la sorveglianza durante tutta la campagna e sosterranno gli attivisti che arriveranno ai seggi elettorali il giorno delle elezioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *