Scontri tra la polizia di Londra e manifestanti anti-pace a Gaza

Scontri tra la polizia di Londra e manifestanti anti-pace a Gaza

Londra-

I manifestanti filo-palestinesi hanno marciato pacificamente attraverso il centro di Londra sabato, anche se i contro-manifestanti di destra si sono scontrati con la polizia, dopo una settimana di acceso dibattito sull’opportunità o meno di consentire che l’evento abbia luogo nel giorno in cui la Gran Bretagna onora i suoi caduti in guerra.

La giornata si è svolta sullo sfondo delle tensioni alimentate dal ministro dell’Interno Suella Braverman, che all’inizio di questa settimana ha descritto le manifestazioni filo-palestinesi come “marce dell’odio” e ha chiesto il divieto dell’evento di sabato in segno di rispetto per gli eventi del Giorno dell’Armistizio che segnano la fine del Prima guerra mondiale. .

Le scaramucce tra la polizia e i contro-manifestanti che portavano la bandiera bianca e rossa dell’Unione Jack e dell’Inghilterra sembravano confermare i timori che i commenti di Braverman avrebbero attirato elementi di destra in cerca di una scusa per affrontare i manifestanti filo-palestinesi. .

Humza Yousaf, il primo ministro scozzese, ha detto che Braverman, che sovrintende alle forze dell’ordine in Gran Bretagna, dovrebbe ora dimettersi.

“Il ministro dell’Interno ha incoraggiato l’estrema destra”, ha detto Youssef su X, precedentemente noto come Twitter. “Ha passato la settimana ad alimentare il fuoco della divisione. Ora stanno attaccando la polizia nel giorno dell’armistizio. La posizione del ministro dell’Interno è insostenibile.”

La polizia di Londra ha arrestato 82 persone in un unico luogo per impedire una violazione della quiete pubblica. Le forze dell’ordine hanno affermato di far parte di un gruppo di manifestanti dell’opposizione che hanno cercato di raggiungere la principale marcia di protesta. Altri dieci sono stati arrestati nel corso della giornata con l’accusa di possesso di un coltello e aggressione a un operatore dei servizi di emergenza.

“Ci sono un certo numero di gruppi all’interno di questa contro-protesta che si sono divisi e sembrano intenzionati a cercare lo scontro all’interno della principale marcia palestinese”, ha detto il vice commissario Matt Twist in una dichiarazione video. “Il processo di polizia attualmente è efficace nel prevenire che ciò accada”.

READ  La chiesa luterana di 112 anni di San Giovanni si trasferisce a costruire su Okanagan Landing Road - Vernon News

Ha detto che la marcia è stata la più grande tenutasi a Londra dall’inizio del conflitto. La polizia stimò il numero dei partecipanti a circa 300.000 persone, e si fecero strada attraverso la città da Hyde Park fino all’ambasciata americana, a circa cinque chilometri di distanza.

Il servizio di polizia metropolitana ha affermato che più di 2.000 agenti, alcuni chiamati dalle forze circostanti, sono nelle strade della capitale questo fine settimana per garantire che i manifestanti rispettino la legge e prevenire potenziali scontri con i contro-manifestanti.

La polizia sta inoltre adottando misure per rassicurare la comunità ebraica, presa di mira da un’ondata di episodi di antisemitismo da quando gli attivisti di Hamas hanno attaccato Israele il 7 ottobre e le forze israeliane hanno risposto con attacchi e con l’invio di truppe nella Striscia di Gaza.

“Conosciamo l’impatto cumulativo delle proteste in corso, delle crescenti tensioni, dell’aumento dei crimini d’odio in tutta Londra e della paura e dell’ansia provate dalle nostre comunità ebraiche in particolare”, ha affermato la polizia in una nota. “Hanno il diritto di sentirsi sicuri nella loro città, sapendo che possono viaggiare per Londra senza sentirsi intimiditi o molestati”.

Un contro-manifestante sventola una bandiera dell’Union Jack davanti agli agenti di polizia in Parliament Square a Londra, l’11 novembre 2023, durante una marcia di protesta filo-palestinese. (AP Photo/Alberto Peasali)

L’operazione di contrasto arriva dopo che il commissario della polizia metropolitana Mark Rowley ha resistito alle pressioni dei leader politici per vietare la marcia.

Il primo ministro Rishi Sunak e Braverman hanno anche espresso preoccupazione per il fatto che le proteste potrebbero estendersi fino a domenica, quando il re Carlo III e i primi ministri dei paesi del Commonwealth deporranno corone di fiori al National War Memorial, noto come Cenotafio.

Sunak ha affermato in una dichiarazione prima dell’inizio degli eventi di sabato che gli eventi commemorativi sono “sacri” per la Gran Bretagna e dovrebbero essere un momento di unità e “seria riflessione”.

Ha aggiunto: “Grazie a coloro che hanno combattuto per questo Paese e per la libertà che ci sta a cuore, coloro che desiderano protestare possono farlo, ma devono farlo rispettosamente e pacificamente”.

READ  Foto dell'eruzione del vulcano islandese scattate dal fotografo dell'Alberta

Sebbene i commenti di Sunak e Braverman fossero diretti ai manifestanti filo-palestinesi, i critici hanno affermato che rischiavano di innescare scontri tra manifestanti e gruppi di estrema destra.

Ancora più inquietanti sono stati i commenti di Braverman che suggeriscono che la polizia di Londra è stata più indulgente con i manifestanti filo-palestinesi e i sostenitori di Black Lives Matter rispetto ai manifestanti di destra o agli hooligan del calcio. Braverman ha detto che le forze di polizia di Washington ignorano le violazioni della legge da parte di “folle filo-palestinesi”.

Sabato sono scoppiati scontri vicino al memoriale tra la polizia e manifestanti di destra che cantavano “Inghilterra finché non muoio”. La polizia ha usato manganelli per fermare i manifestanti e la cerimonia commemorativa non si è fermata. Altri scontri si sono verificati in altre parti della città, tra cui Chinatown e vicino al Parlamento.

Dopo lo stallo vicino al memoriale, la polizia ha detto che i contro-manifestanti non erano un unico gruppo e gli agenti li stavano seguendo mentre si spostavano in altre parti di Londra. La polizia ha detto che se tentassero di attaccare la marcia filo-palestinese, “useremo tutti i poteri e le tattiche a nostra disposizione per evitare che ciò accada”.

Gli organizzatori della manifestazione filo-palestinese affermano di aver preso provvedimenti per garantire che non sia in conflitto con gli eventi del Giorno dell’Armistizio. La marcia è iniziata poco dopo mezzogiorno, più di un’ora dopo che la nazione ha osservato un silenzio di due minuti, seguendo un percorso da Hyde Park all’ambasciata americana che non si avvicina al memoriale.

Ben Jammal, direttore della Palestine Solidarity Campaign, ha detto che i manifestanti chiedevano la fine dei bombardamenti su Gaza e ha criticato Braverman per aver descritto i manifestanti come estremisti che stavano profanando il memoriale. Il gruppo ha sponsorizzato marce ogni sabato a Londra dall’inizio della guerra.

Jamal ha detto alla BBC: “Abbiamo detto alla polizia che non volevamo essere vicini a Whitehall l’11 novembre e che non volevamo interrompere i preparativi per la commemorazione di domenica”. “È inconcepibile, a meno che non abbia parlato con la polizia, che il ministro dell’Interno non lo sapesse quando ha fatto i suoi commenti.”

READ  Il segretario generale delle Nazioni Unite invita i talebani ad abolire il divieto imposto alle lavoratrici | Notizie sui diritti delle donne

Nel tentativo di prevenire gli scontri, la polizia ha dichiarato una zona interdetta all’accesso attorno al memoriale e ha dispiegato guardie 24 ore su 24 intorno al memoriale. Ai manifestanti è stato inoltre impedito di uscire nelle strade circostanti l’ambasciata israeliana, verso l’inizio della marcia, e in alcune aree adiacenti all’ambasciata americana.

Sebbene la marcia sia stata in gran parte pacifica, i manifestanti hanno continuato a usare un linguaggio che ha sollevato preoccupazione tra molti gruppi ebraici e tra coloro che vedono le azioni israeliane a Gaza come legittimi atti di autodifesa.

I manifestanti portavano striscioni che accusavano Israele di aver commesso un genocidio a Gaza e cantavano: “Dal fiume al mare, la Palestina sarà liberata”. Mentre i sostenitori palestinesi affermano che il canto è un appello alla libertà per tutti coloro che vivono nella regione tra il fiume Giordano e il Mar Mediterraneo, molti ebrei lo vedono come un appello alla distruzione di Israele.

Lee Harbin, redattore politico di Jewish News, ha dichiarato a Sky News che tale linguaggio alimenta la paura nella comunità ebraica. Ha aggiunto che, nonostante sostenga il diritto di protestare, le immagini delle manifestazioni spesso contengono elementi marginali che esprimono opinioni violente.

“È giusto dire che la maggior parte della comunità ebraica guarda i social media e vede alcuni striscioni, slogan di odio cantati, fasce che sembrano essere collegate a Hamas, per usare un eufemismo. Ha aggiunto : “È molto spaventoso che stiamo assistendo a manifestazioni di massa per le strade di Londra.” “Ciò non significa che tutti in queste manifestazioni siano… violenti o odiosi. Ma c’è sicuramente del margine in queste demo ogni settimana.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *