La Corte internazionale di giustizia ordina a Israele di fermare il suo attacco a Rafah e Gaza con una nuova sentenza | Notizie sul conflitto israelo-palestinese

La Corte internazionale di giustizia ordina a Israele di fermare il suo attacco a Rafah e Gaza con una nuova sentenza |  Notizie sul conflitto israelo-palestinese

I giudici della Corte Suprema delle Nazioni Unite hanno ordinato a Israele di fermare l’attacco alla città di Rafah, nel sud di Gaza, e di ritirarsi dalla Striscia, in una causa intentata dal Sudafrica che accusava Israele di aver commesso un genocidio, citando un “enorme pericolo” per la popolazione palestinese. .

La decisione di venerdì segna la terza volta quest'anno che la giuria di 15 giudici ha emesso ordinanze preliminari cercando di frenare il bilancio delle vittime e alleviare la sofferenza umana a Gaza. Sebbene gli ordini siano giuridicamente vincolanti, il tribunale non ha la polizia per farli rispettare.

Leggendo la sentenza della Corte internazionale di giustizia, il presidente della corte Nawaf Salam ha affermato che le misure temporanee ordinate dalla corte a marzo non affrontano pienamente la situazione nell’enclave palestinese ora assediata e che non sono state soddisfatte le condizioni necessarie per l’avvio del processo di pace. Nuova ordinanza d'urgenza.

Salam ha affermato che Israele deve “fermare immediatamente il suo attacco militare e qualsiasi altra azione nel Governatorato di Rafah che imponga condizioni di vita al gruppo palestinese a Gaza che potrebbero portare alla loro completa o parziale distruzione fisica”. La situazione umanitaria a Rafah è “catastrofica”

La scorsa settimana gli avvocati sudafricani hanno chiesto alla Corte internazionale di giustizia dell’Aia di imporre misure di emergenza, affermando che gli attacchi israeliani a Rafah devono cessare per garantire la sopravvivenza del popolo palestinese.

In un reportage dall'Aia, in Olanda, Stipe Vaessen di Al Jazeera ha affermato che 13 dei 15 giudici della Corte internazionale di giustizia hanno concordato di chiedere a Israele di fermare il suo attacco.

“[Salam] Ha detto che 800.000 persone sono state sfollate e che non credeva alle parole di Israele riguardo al fornire loro sicurezza e alla possibilità che gli aiuti umanitari li raggiungessero. Egli ha sottolineato che non vi è alcuna prova di ciò.

READ  La lotta infuria in prima linea in Ucraina mentre la Russia continua ad attaccare | Notizie della guerra tra Russia e Ucraina

“Ecco perché la Corte ha ora emesso un ordine molto forte secondo cui Israele deve immediatamente interrompere la sua operazione offensiva e militare a Rafah e ritirare le sue forze da lì. “Ha anche emesso una decisione riguardante i valichi di frontiera, che devono essere riaperti il più presto possibile per portare aiuti umanitari”, ha aggiunto Weissen.

Ha detto che il giudice ha anche sottolineato la necessità che gli osservatori delle Nazioni Unite arrivino il prima possibile per garantire che nessuna prova di possibili crimini di guerra scompaia dalla zona.

La Corte internazionale di giustizia ha inoltre ordinato a Israele di presentare alla corte entro un mese un rapporto sui progressi compiuti nell'attuazione delle misure ordinate dall'istituzione.

Questo mese Israele ha lanciato il suo attacco alla città meridionale di Rafah, costringendo centinaia di migliaia di palestinesi a fuggire dalla città, che è diventata un rifugio per circa la metà della sua popolazione di 2,3 milioni di persone.

Rafah, sulla punta meridionale di Gaza, era anche la principale via per gli aiuti, e le organizzazioni internazionali affermano che l’operazione israeliana ha isolato la Striscia e aumentato il rischio di carestia.

Hind Al-Khudari di Al Jazeera ha affermato in un rapporto da Deir Al-Balah, nel centro di Gaza, che le persone nella Striscia di Gaza non hanno ancora interagito con la sentenza della Corte internazionale di giustizia perché molti di loro non hanno accesso a Internet.

“Le persone qui nella Striscia di Gaza stanno attualmente cercando di nutrirsi… dopo il loro continuo sfollamento. Quindi le persone non sono ben consapevoli di ciò che sta accadendo e chiedono ai giornalisti… se c'è qualcosa di positivo”, ha detto.

READ  La Svezia aderirà finalmente alla NATO: anteprima Europa 2024

Al-Khudari ha aggiunto che, come giornalisti a Gaza, non vogliono dare false speranze alla gente della regione e stanno aspettando di ricevere maggiori informazioni su come verrà applicata la sentenza della Corte internazionale di giustizia a Rafah, dove la situazione è ancora tesa.

L'Autorità Palestinese ha accolto con favore la decisione della Corte Internazionale di Giustizia di venerdì, affermando che rappresenta un consenso internazionale per porre fine alla guerra nella Striscia di Gaza, ha detto all'agenzia di stampa Reuters il portavoce presidenziale palestinese Nabil Abu Rudeina.

Poco dopo l’emissione della sentenza, il ministro delle finanze israeliano Bezalel Smotrich ha dichiarato: Egli ha detto Sulla piattaforma di social media X, “lo Stato di Israele è in guerra per la sua esistenza”.

“Coloro che chiedono che lo Stato di Israele metta fine alla guerra, chiedono che esso stesso ponga fine alla sua esistenza. “Non saremo d’accordo su questo”, ha detto.

“Continuiamo a lottare per noi stessi e per l’intero mondo libero La storia giudicherà chi oggi si schiererà con i nazisti, Hamas e l’Isis”. [ISIL],” Ha aggiunto.

Imran Khan, corrispondente di Al Jazeera ad Amman, in Giordania, ha detto che fonti diplomatiche hanno informato il canale israeliano 13 che il primo ministro Benjamin Netanyahu terrà una riunione di emergenza.

All'incontro parteciperanno il ministro degli Esteri Israel Katz, il ministro della Difesa Benny Gantz e il consigliere legale del governo. “Questo è quanto seriamente stanno prendendo questa sentenza”, ha detto Khan.

Ha aggiunto: “Abbiamo sentito da fonti politiche parlando ai media locali che Israele non risponderà alla decisione della corte, né politicamente né militarmente”.

READ  Controversia sulla terra per la casa di Amartya Sen, una rissa nel Bengala occidentale

Secondo il procuratore per crimini di guerra Reed Brodie, la Corte internazionale di giustizia ha intensificato i suoi sforzi per affrontare la realtà nella Striscia di Gaza.

“Sono davvero impressionato, innanzitutto, dalla perseveranza e dalla perseveranza del Sud Africa e dal ritorno in campo. La corte ha risposto quasi all'unanimità”, ha detto ad Al Jazeera.

Brody ha sottolineato che il Sudafrica ha chiesto a Israele l'ordine di fermare l'attacco militare dall'inizio della guerra a Gaza, poiché la corte ha affermato che non poteva fare alcun passo perché Hamas e la parte palestinese non erano presenti sulla piattaforma.

“Ma questo è ciò che alla fine hanno scelto di fare qui, e questa è una testimonianza di questa corte e di ciò che sta facendo”, ha aggiunto.

“Insieme alla decisione del procuratore della Corte penale internazionale [to recommend arrest warrants against top Israeli officials]”È un vero colpo legale.”

I membri del team legale sudafricano (a sinistra) partecipano a un'udienza presso la Corte internazionale di giustizia come parte della richiesta del Sudafrica per un cessate il fuoco a Gaza all'Aia
I membri del team legale sudafricano, a sinistra, partecipano a un'udienza presso la Corte internazionale di giustizia [Nick Gammon/AFP]

La Corte internazionale di giustizia, conosciuta anche come Corte mondiale, è il massimo organo delle Nazioni Unite preposto a giudicare le controversie tra paesi. Le sue sentenze sono definitive e vincolanti, ma sono state ignorate in passato.
In una sentenza molto dura di gennaio, la corte ha ordinato a Israele di fare tutto ciò che è in suo potere per prevenire il genocidio a Gaza, ma si è fermata prima di ordinare la fine dei combattimenti.

Israele ha ripetutamente respinto le accuse di genocidio come infondate e ha sostenuto in tribunale che le sue operazioni a Gaza sono di autodifesa e prendono di mira i combattenti di Hamas che hanno attaccato Israele il 7 ottobre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *