Il missionario di Springdale dice che l’Haiti che amava non c’è più dopo i rapimenti

Immagine gentilmente concessa da: Hands Across the Sea (HATS Haiti)

Una missionaria che ha lavorato ad Haiti per più di 26 anni si dice rattristata di assistere a ciò che sta accadendo nel paese caraibico.

La potente banda di 400 Mawozo ha recentemente rapito 17 missionari, tra cui un canadese, chiedendo riscatti che vanno da poche centinaia a più di un milione di dollari.

Solo tra gennaio e agosto di quest’anno sono stati segnalati alle autorità haitiane più di 300 casi di rapimento.

Karen Hoxter di Springdale ha fondato una missione cristiana interconfessionale e una scuola ad Haiti che attualmente educa circa 400 bambini.

Ha dovuto lasciare Haiti con il figlio adottivo più di un anno fa in modo che potesse beneficiare dei servizi sanitari canadesi, ma non sono stati in grado di tornare dopo essere stati avvertiti della gravità della questione.

Hexter si rammarica che l’Haiti che conosceva e amava non esistesse più.

“Il mio cuore è lì”, dice Huxter, “voglio essere lì, e tutte le lacrime che ho attaccato non aiutano”.

Ha ammesso malinconicamente: “Il paese come lo conoscevo non c’è”.

Dice che le cose sono andate così male che le bande controllano le strade.

Crede che l’unico modo per tornare alla missione sia prendere un elicottero da Port-au-Prince, ma le è stato detto che anche quello sarebbe molto pericoloso.

READ  Gli Stati Uniti hanno riunito 4 famiglie disperse al confine con il Messico all '"inizio" di uno sforzo più ampio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *