In centinaia hanno salutato per l'ultima volta il presidente russo Alexei Navalny, rischiando l'arresto Notizie sui diritti umani

In centinaia hanno salutato per l'ultima volta il presidente russo Alexei Navalny, rischiando l'arresto  Notizie sui diritti umani

Persone in lutto partecipano al funerale del defunto leader dell'opposizione russa, dopo che il Cremlino ha messo in guardia contro le proteste “non autorizzate”.

Enormi folle si sono radunate per dare l'ultimo addio ad Alexei Navalny, con molti che cantavano il suo nome e affermavano che non avrebbero mai perdonato le autorità russe per la sua morte mentre seppellivano il leader dell'opposizione.

Centinaia di persone in lutto si sono radunate venerdì vicino a una chiesa nel sud di Mosca, aspettando ore per rendere omaggio a Navalny sotto la sorveglianza di un gran numero di poliziotti, dopo che il Cremlino aveva avvertito di proteste “non autorizzate”.

Alti canti di “Navalny, Navalny” hanno risuonato mentre la bara del disertore veniva rimossa da un carro funebre nero quando arrivava alla chiesa nel quartiere Marino, con la navata aperta nonostante la forte presenza della polizia antisommossa. Gli alleati di Navalny hanno detto che erano presenti migliaia di persone.

Dopo una breve funzione, i portatori hanno trasportato la sua bara per la sepoltura nel cimitero Borisovskoe della capitale.

In un video trasmesso dal cimitero Borisovskoe, la madre di Navalny, Lyudmila, e il padre Anatoly si sono chinati sulla sua bara aperta per baciarlo un'ultima volta mentre un piccolo gruppo di musicisti suonava.

Le persone in lutto, che si sono fatte il segno della croce, si sono fatte avanti per accarezzargli il volto prima che il sacerdote gli mettesse delicatamente un sudario bianco e chiudesse la bara.

Anatoly Navalny, a destra, e Lyudmila Navalnaya, genitori del leader dell'opposizione russa Alexei Navalny, si recano in chiesa per il suo servizio funebre a Mosca, Russia, venerdì 1 marzo 2024 [AP Photo]

Navalny, il critico più severo del presidente Vladimir Putin in Russia, è morto all'età di 47 anni in una colonia penale artica il 16 febbraio, scatenando le accuse da parte dei suoi sostenitori di essere stato assassinato.

READ  Biden dice che non discuterà di Trump a meno che non agisca: il presidente dice che c'è la possibilità di uno scontro teatrale nel 2024 con il suo rivale

Il Cremlino ha negato qualsiasi coinvolgimento dello Stato nella sua morte.

Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov aveva precedentemente avvertito che “gli assembramenti non autorizzati costituiranno una violazione della legge e coloro che vi parteciperanno ne saranno responsabili”, secondo l'agenzia di stampa russa TASS.

L'organizzazione per i diritti umani OVD-Info afferma che circa 400 persone in lutto sono state detenute nei memoriali di Navalny dopo la sua morte.

Venerdì hanno partecipato alla manifestazione gli ambasciatori francese e tedesco, così come alcuni degli ultimi politici liberi e indipendenti della Russia.

Tra la grande folla in lutto, alcuni hanno cantato: “La Russia sarà libera”, “No alla guerra”, “La Russia senza Putin”, “Non perdoneremo” e “Putin è un assassino”. La polizia era presente in gran numero ma non è intervenuta.

“Le persone come lui non dovrebbero morire: sono oneste, hanno dei principi e sono pronte a sacrificarsi”, ha detto Anna Stepanova, una delle persone in lutto, fuori dalla chiesa.

“Di cosa hanno paura? Perché così tante macchine?”, ha detto. “Le persone che vengono qui non hanno paura. Alessio non era così.

interattivo-navalny_bured

Morte misteriosa

Navalny era noto per le sue critiche schiette e aspre nei confronti di Putin.

Il suo funerale è avvenuto dopo una battaglia con le autorità per il rilascio del suo corpo in seguito alla sua morte, finora inspiegabile, mentre era in custodia. Il suo corpo è stato tenuto all'obitorio per otto giorni prima di essere restituito alla famiglia.

La vedova di Navalny, Yulia Navalnaya, è fuori dalla Russia e non ha partecipato al funerale; Né il figlio di Navalny.

READ  Un tribunale sudcoreano respinge l'appello dell'ex presidente Park Geun-hye contro la sua condanna per corruzione

Yulia aveva precedentemente accusato Putin di aver ucciso suo marito e di aver poi ritardato la liberazione del suo corpo nel tentativo di impedirgli di dargli una dignitosa sepoltura pubblica.

Il portavoce del Cremlino Peskov ha criticato le accuse mosse da lei e da alcuni leader occidentali, definendole “volgari”.

Diplomatici stranieri, tra cui l'ambasciatore francese in Russia Pierre Lévy e l'ambasciatore statunitense in Russia Lynn Tracy, aspettano vicino alla chiesa Soothe My Sorrows prima di un funerale e di una festa di addio per il politico dell'opposizione russa Alexei Navalny a Mosca, Russia.
Diplomatici stranieri, tra cui l'ambasciatore francese in Russia Pierre Lévy e l'ambasciatore statunitense in Russia Lynn Tracy, aspettano prima del funerale e della festa di addio del politico dell'opposizione russa Alexei Navalny a Mosca, Russia, il 1 marzo 2024. [Stringer/Reuters]

I governi occidentali si sono affrettati a ritenere responsabile il Cremlino, ma si sono astenuti dal muovere accuse dirette di coinvolgimento.

Diverse chiese a Mosca si sono rifiutate di celebrare la messa prima che la squadra di Navalny ottenesse il permesso dalla chiesa dell'icona della Vergine Maria, “Irritate i miei dolori”, che è vicina a dove Navalny viveva prima di essere avvelenato nel 2020, curato in Germania e arrestato dopo il suo ritorno in Russia nel 2020. 2021.

Nel suo discorso al Parlamento europeo questa settimana, Yulia ha detto ai legislatori che suo marito è stato torturato per tre anni.

“È stato fatto morire di fame in una piccola cella di pietra, tagliato fuori dal mondo esterno e gli sono state negate visite, telefonate e persino lettere”, ha detto.

Navalnaya si è impegnato a continuare il lavoro della sua vita, esortando a “combattere più disperatamente, più ferocemente di prima”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *