Un tribunale russo respinge l’appello contro l’arresto del giornalista del Wall Street Journal Ivan Gershkovich

Un tribunale russo respinge l’appello contro l’arresto del giornalista del Wall Street Journal Ivan Gershkovich

Martedì un giudice russo ha confermato la detenzione preventiva del giornalista americano imprigionato Ivan Gershkovich, arrestato con l’accusa di spionaggio nell’ambito della repressione radicale del Cremlino contro il dissenso durante la guerra in Ucraina. Lui e il governo degli Stati Uniti hanno negato con veemenza le accuse.

Giornalisti e sostenitori del tribunale della città di Mosca hanno visto per la prima volta in settimane un giornalista del Wall Street Journal, il primo reporter americano dopo la Guerra Fredda ad essere trattenuto in Russia per presunto spionaggio. Vestito con jeans azzurri e una camicia a quadri, il giornalista di 31 anni sembrava calmo e sorrideva di tanto in tanto mentre si trovava all’interno di una gabbia di vetro per fare appello contro il suo arresto.

L’FSB russo ha arrestato il 31enne a Ekaterinburg il 29 marzo e lo ha accusato di aver tentato di ottenere informazioni riservate su una fabbrica di armi russa.

Gershkovitch, il suo datore di lavoro e il governo degli Stati Uniti hanno tutti negato il suo coinvolgimento nello spionaggio e hanno chiesto il suo rilascio.

Martedì un giudice del tribunale della città di Mosca ha respinto l’appello del giornalista contro la sua detenzione, stabilendo che dovrebbe rimanere in carcere almeno fino al 29 maggio.

Gershkovitch rischia fino a 20 anni di carcere se condannato. Gli avvocati russi hanno affermato che le precedenti indagini su casi di spionaggio sono durate da un anno a 18 mesi, durante i quali ha avuto pochi contatti con il mondo esterno.

È detenuto nella prigione moscovita di Lefortovo, che risale all’epoca zarista ed è stato un terrificante simbolo di oppressione fin dall’epoca sovietica.

READ  Ritorna la prima parata completa del giorno di San Patrizio a Montreal

ascolta | L’amico intimo di Gershkovitch parla dell’arresto del giornalista:

L’alba dell’Alberta8:16Il migliore amico di Ivan Gershkovich sull’arresto del giornalista in Russia

Il giornalista canadese Jeremy Burke si unisce a noi. È il migliore amico dello scrittore del Wall Street Journal Ivan Gershkovich, arrestato dal governo russo con l’accusa di spionaggio.

“In generale non è un posto molto carino, ma le condizioni sono buone e lui non si lamenta”, ha detto l’avvocato del giornalista, Tatiana Nozhkina, dopo l’udienza di martedì.

Ha detto che Gershkovitch era di buon umore, non aveva problemi di salute, si esercitava e leggeva molto.

Ha anche detto che Gershkovich aveva ricevuto messaggi dai suoi genitori e sostenitori, ma finora non gli era stata concessa alcuna telefonata. Ha anche detto al suo avvocato che sta pensando di scrivere un libro sul calvario quando sarà libero.

L’ambasciatore americano visita Gershkovitch

Gli Stati Uniti fecero pressioni su Mosca affinché concedesse l’accesso consolare a Gershkovitch. L’ambasciatrice statunitense Lynn Tracy ha detto lunedì di aver visitato Gershkovitch in prigione per la prima volta dal suo arresto. Sta “stando bene e rimanendo forte”, ha detto Tracy su Twitter, ribadendo un appello americano per il suo rilascio immediato.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha parlato con i genitori di Greshkovich la scorsa settimana e ha nuovamente condannato il suo arresto.

“Stiamo chiarendo che ciò che sta accadendo è completamente illegale e lo abbiamo reso pubblico”, ha affermato.

guarda | Il critico del Cremlino Bill Browder elogia i principi e il coraggio di Kara-Murza:

Kara-Murza è un “eroe del popolo russo”, afferma il suo collega critico del Cremlino

Bill Browder, amico e collega giornalista russo Vladimir, paragona Kara-Murza a figure leggendarie disposte a rischiare la prigione per le loro convinzioni.

READ  Consigli di viaggio in India per lo stato di Rakhine in Myanmar | Notizie dall'India

La scorsa settimana, il governo degli Stati Uniti ha dichiarato Gershkovitch “ingiustamente detenuto”, una designazione che significa che un ufficio designato del Dipartimento di Stato sta assumendo l’iniziativa di chiedere il suo rilascio.

Il Cremlino reprime il dissenso e i giornalisti

L’arresto arriva in un momento di aspre tensioni tra l’Occidente e Mosca per la sua invasione dell’Ucraina, e mentre il Cremlino intensifica la sua repressione contro attivisti dell’opposizione, giornalisti indipendenti e gruppi della società civile.

L’ampia repressione non ha precedenti dall’era sovietica. Gli attivisti dicono che questo spesso significa criminalizzare la professione del giornalismo, insieme alle attività dei comuni russi che si oppongono alla guerra.

Il mese scorso, un tribunale russo ha condannato un padre per post sui social media critici nei confronti della guerra e lo ha condannato a due anni di prigione. Lunedì un tribunale russo ha condannato il dissidente anziano Vladimir Kara-Murza Jr. per tradimento per aver condannato pubblicamente la guerra e lo ha condannato a 25 anni di prigione.

A dicembre, la star del basket americana Brittney Griner è stata scambiata con il trafficante d’armi russo Viktor Bout dopo essere stata processata e giudicata colpevole di possesso di droga. È stata condannata a nove anni di prigione e ha finito per passare 10 mesi dietro le sbarre.

guarda | David Whelan ha detto alla CBC che suo fratello sta lottando con la lunga detenzione:

Il fratello di un ex marine americano imprigionato in Russia afferma che il suo governo l’ha abbandonata

David Whelan, fratello dell’ex marine americano nato in Canada Paul Whelan, dice che la “capacità di recupero di suo fratello è traballante” mentre sta scontando 16 anni in una colonia penale russa con l’accusa di spionaggio.

READ  L'influencer Allison Kimmy critica la tendenza delle "gambe" che ora è vietata su TikTok

Il dirigente della sicurezza aziendale del Michigan Paul Whelan, che possiede anche un passaporto canadese, è stato imprigionato in Russia dal dicembre 2018 con accuse di spionaggio, che la sua famiglia e il governo degli Stati Uniti hanno definito prive di fondamento.

Durante il caso Grenier, il Cremlino ha ripetutamente esortato gli Stati Uniti a utilizzare un “canale speciale” tra i servizi di sicurezza dei due Paesi per elaborare un possibile scambio di prigionieri, affermando che tali contatti privati ​​erano l’unico mezzo appropriato per raggiungere una soluzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *