È fuggita in Canada dopo che il marito legato ai talebani le ha sparato in faccia. Ora la sua famiglia ha bisogno di protezione

Shakila Zarine non ha vissuto una vita facile.

La 25enne aveva 16 anni quando suo cognato l’ha costretta a sposare un uomo di molti anni più grande di lei. È stata picchiata e violentata: l’abuso, dice, è iniziato la prima notte di nozze ed è durato per mesi.

Nel 2013, quando si è rivolta alla polizia afghana, suo marito l’ha scoperto e le ha sparato in faccia. Ha trascorso quattro mesi in prigione.

Nel 2018 è venuta in Canada come rifugiata.

Nonostante tutto ciò, Zarine dice che l’impotenza che sente ora mentre molti della sua famiglia sono bloccati nell’Afghanistan controllato dai talebani è peggiore.

Sta supplicando il governo canadese per chiedere aiuto, per il bene della sua famiglia e di altri afghani che si nascondono nella sua terra natale.

Tutti i miei discorsi sono contro i talebani e la mia pubblica condanna dei talebani [her family] In pericolo immediato ora”, ha detto Zarin.

“Rabbrividisco ogni giorno, ogni momento, per paura che i talebani arrestino e uccidano la mia famiglia”.

Zarine è uno dei tanti afghani in Canada che chiedono aiuto mentre guardano con preoccupazione la crisi in Afghanistan mentre si aggrava.

Il governo canadese ha annunciato giovedì Missione di trasporto aereo in Afghanistan è finita. Zarine spera che riconsidererà come migliaia, inclusa la sua famiglia, sono stati lasciati indietro.

Entro quattro mesi dall’annuncio del presidente Biden che gli Stati Uniti si sarebbero ritirati dall’Afghanistan, i talebani hanno invaso il paese, catturando infine la capitale, Kabul, mentre i funzionari del governo afghano fuggivano dal paese.

Sempre giovedì, due attentatori suicidi e due uomini armati Folle di afghani hanno attaccato Storming all’aeroporto di Kabul. Secondo funzionari statunitensi, almeno 60 afgani e 12 soldati statunitensi sono stati uccisi. Il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti afferma che l’esplosione all’aeroporto è stata il risultato di un attacco complesso.

READ  Inondazioni e piogge torrenziali rallentano i soccorsi mentre un ciclone mortale colpisce il sud-est asiatico
Shakila ha accolto Zarine in Canada dopo che suo marito le ha sparato in faccia in Afghanistan. Gli Stati Uniti inizialmente lo hanno accolto con favore, ma hanno annullato tale decisione dopo che il presidente degli Stati Uniti Donald Trump è entrato in carica, adducendo motivi “legati alla sicurezza”. (Tina Lovegren/CBC)

Paura e impotenza

Dopo continue minacce di morte mentre si stava riprendendo dalle ferite, Zarine ha chiesto aiuto ad altri paesi. Gli Stati Uniti e la Svezia hanno rifiutato la sua richiesta, ma il Canada ha accettato.

Si è trasferita a Vancouver con sua madre e sua sorella, ma tre dei suoi fratelli e la sua famiglia allargata vivono ancora in Afghanistan.

“Rabbrividisco ogni giorno, ogni momento, per paura che i talebani arrestino e uccidano la mia famiglia”.

Zareen era un forte sostenitore dei diritti umani e delle donne e un duro critico del regime talebano. Ha più di 30.000 abbonati su TikTok e dice di essere terrorizzata dal fatto che il suo invito abbia fissato un obiettivo per la sua famiglia.

Inoltre, suo fratello ha prestato servizio nell’esercito nazionale afghano. Zarin dice di aver già ricevuto un messaggio dai talebani che diceva: “Se ti prendiamo, ti uccideremo”.

Dice che l’impotenza è schiacciante per lei e sua madre.

“Non possiamo nemmeno dormire la notte. Non possiamo nemmeno rilassarci o calmarci.”

chiamare per aiuto

Sulla scia della crisi in Afghanistan, il Canada ha annunciato che avrebbe reinsediato fino a 20.000 cittadini afgani.

La famiglia di Zarine ha presentato domanda, ma afferma di non aver ricevuto risposta.

“Nessuno ha risposto”, ha detto. “Per ora, la soluzione è trasferire la mia famiglia in un luogo sicuro”.

Shakila Zarine ha subito molti interventi chirurgici da quando è stata ferita al viso. (Tina Lovegren/CBC)

A partire da giovedì, la missione di trasporto aereo canadese è terminata.

Il ministero della Difesa nazionale ha affermato di essere stato in grado di evacuare più di 3.700 persone da Kabul. Non è chiaro quanti canadesi e persone che hanno chiesto di venire in Canada siano ancora bloccati. I funzionari affermano di aver ricevuto richieste che rappresentano 8.000 persone e due terzi delle richieste sono state elaborate.

Oltre alla sua famiglia, ci sono molti altri afgani in Afghanistan che hanno ancora bisogno di aiuti esterni.

“Ci sono molti bravi cittadini afgani che hanno svolto un lavoro straordinario in città e sono difensori dei diritti umani. Hanno offerto l’uguaglianza di genere. Hanno tutti bisogno di essere salvati”.

Il trasferimento in Canada ha dato a Zarine una nuova vita. Implora che la stessa opportunità possa essere data ad altri.

“Non mi sono mai lamentata, ma ora sto implorando il governo canadese, incluso il Primo Ministro, di sostenere la mia famiglia, aiutare la mia famiglia”, ha detto,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *