Il Segretario Generale delle Nazioni Unite fa appello ai Paesi affinché preparino la strada agli aiuti umanitari per raggiungere l’Afghanistan

Il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres ha dichiarato mercoledì al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite che l’Afghanistan è “appeso a un filo”, invitando i paesi a consentire tutte le transazioni necessarie per svolgere attività umanitarie nel paese governato dai talebani.

Ha anche chiesto la sospensione di qualsiasi regola o condizione che limiti le operazioni di soccorso “salvavita” poiché milioni di persone nel paese soffrono la fame estrema, l’istruzione e i servizi sociali sono sull’orlo del collasso e la carenza di denaro limita le capacità delle Nazioni Unite e gruppi di aiuto per raggiungere i bisognosi.

“Dobbiamo fornire alle istituzioni finanziarie e ai partner commerciali la garanzia legale che possono lavorare con gli operatori umanitari senza timore di violazioni delle sanzioni”, ha affermato Guterres, osservando che il mese scorso il consiglio di 15 membri ha adottato una deroga umanitaria alle sanzioni delle Nazioni Unite imposte all’Afghanistan.

I 9,5 miliardi di dollari di riserve della Banca centrale dell’Afghanistan sono ancora bloccati all’estero e il sostegno internazionale allo sviluppo si è esaurito Da quando i talebani hanno preso il potere in agosto. I donatori cercano di usare il denaro come leva sui talebani su questioni tra cui i diritti umani.

“Ci sono prove convincenti di un ambiente di intimidazione e di deterioramento del rispetto dei diritti umani. Ciò suggerisce che il consolidamento del potere del governo può portare a controllare le popolazioni con paura”, ha detto al consiglio l’inviata speciale delle Nazioni Unite per l’Afghanistan Deborah Lyons.

Urgentemente necessario in inverno

A dicembre, i donatori del congelato Afghanistan Reconstruction Fund gestito dalla Banca mondiale Ha accettato di trasferire $ 280 milioni Al Programma alimentare mondiale e al Fondo delle Nazioni Unite per l’infanzia (UNICEF) per sostenere la nutrizione e la salute in Afghanistan. Guterres ha affermato che i restanti 1,2 miliardi di dollari del fondo devono essere “rilasciati urgentemente per aiutare il popolo afgano a sopravvivere all’inverno”.

READ  Le bande ad Haiti offrono aiuto per i soccorsi; Il bilancio delle vittime del terremoto è salito a 2.207

L’ambasciatore degli Stati Uniti presso le Nazioni Unite, Linda Thomas Greenfield, ha detto al consiglio che Washington si è mossa per garantire che le sanzioni statunitensi non ostacolino l’attività umanitaria e che sta valutando varie opzioni per mitigare la crisi di liquidità.

Sabato un uomo afgano spinge la sua carriola lungo una strada durante la nevicata a Kabul. (Ali Khara/Reuters)

Il capo degli aiuti delle Nazioni Unite Martin Griffiths e il presidente del Comitato internazionale della Croce Rossa Peter Maurer si sono incontrati con il segretario di Stato americano Anthony Blinken all’inizio di questo mese sull’Afghanistan.

Dominic Stillhart, direttore delle operazioni per il Comitato Internazionale della Croce Rossa, ha affermato che le discussioni “intense” tra le Nazioni Unite, il Comitato Internazionale della Croce Rossa, la Banca Mondiale e i principali paesi donatori si sono incentrate sul “Meccanismo di scambio umanitario” che la Banca Mondiale sosterrebbe o gestirebbe e consentirebbe. Inietterà denaro nell’economia afgana.

Ha detto ai giornalisti che il denaro potrebbe essere depositato presso la struttura e “a determinate condizioni il denaro potrebbe essere messo a disposizione dei commercianti in Afghanistan”, anche se ha affermato che si trattava di una misura temporanea perché “dovrebbe essere la banca centrale che dovrebbe essere autorizzata svolgere queste funzioni».

“Un’economia afgana efficace alla fine richiederà una banca centrale indipendente e tecnicamente competente che soddisfi gli standard bancari internazionali”, ha affermato Thomas Greenfield.

Stillhart ha affermato che è necessario un accordo tra le Nazioni Unite, la Banca mondiale e i principali donatori per “avviare questa struttura”, sottolineando che la discussione non era correlata allo sblocco dei beni afgani o alle modifiche alle sanzioni contro i talebani.

Un uomo afgano guarda all’interno del suo negozio durante la nevicata a Kabul il 3 gennaio. (Ali Khara/Reuters)

Ha detto che è stata anche discussa un’idea separata che includerebbe l’utilizzo di denaro dal Fondo fiduciario per la ricostruzione afghano amministrato dalla Banca mondiale per pagare i dipendenti del settore pubblico non di sicurezza.

Nazioni unite All’inizio di questo mese gli Stati Uniti hanno presentato ricorso per 4,4 miliardi di dollari in aiuti umanitari all’Afghanistan nel 2022. Mercoledì, ha affermato di aver bisogno di altri 3,6 miliardi di dollari per la salute, l’istruzione, le infrastrutture di base, il rafforzamento dei mezzi di sussistenza e la coesione sociale, in particolare i bisogni di donne e ragazze.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.