I cittadini polacchi stanno compiendo sforzi straordinari per aiutare i rifugiati ucraini

Yuri dona il suo camion e il suo tempo ai bambini di un ospedale nella città ucraina assediata di Kharkiv. Non è un’impresa da poco, dato che ci vogliono 10 ore per il viaggio di andata e ritorno.

La sua macchina è piena di forniture mediche e alimenti per bambini, e sta guidando verso il confine polacco-ucraino. Lì consegnerà le scatole a un altro autista, che le porterà in Ucraina.

Yuri, che è ucraino, non ha voluto dare a CBC News il suo cognome. Ha detto tramite un interprete che avrebbe voluto essere lì a combattere per il suo paese. Ma per ora, il viaggio di 850 chilometri fino al confine è ciò che può fare per aiutare.

Yuri è una delle dozzine di conducenti a Varsavia, in Polonia, che stanno donando il loro tempo e denaro come parte di uno sforzo per aiutare i rifugiati di guerra.

Non solo portano rifornimenti di cui hanno tanto bisogno come cibo, vestiti e forniture mediche, ma forniscono voli gratuiti per Varsavia per coloro che si presentano al confine. Alcuni hanno fatto più viaggi.

“Molte persone vogliono aiutare, vogliono fare qualcosa in questa situazione molto spaventosa”, ha detto Marta Krzynovic, coordinatrice di All-Poland Women’s Strike (OSK), un gruppo di azione sociale con sede a Varsavia.

OSK organizza il trasporto e le forniture essenziali per il numero crescente di disperati che si riversano in Polonia. Finora, il paese ha accolto circa 1,2 milioni di rifugiati.

Marta Krzynovic, la coordinatrice dell’All-Poland Women’s Strike (OSK) a Varsavia, imballa le forniture mediche donate in borse destinate ai combattenti ucraini. (Margot McDermid/CBC)

Secondo le Nazioni Unite, è la crisi dei rifugiati in più rapida crescita in Europa dalla seconda guerra mondiale.

“È un movimento civico molto, molto ampio per aiutare le persone bisognose”, ha detto Krzynovic.

“Abbiamo persone speciali e volontari che vanno alla stazione centrale quando abbiamo treni con i rifugiati, aiuto con cibo, vestiti e trasporti con le loro auto”, ha detto.

“Era troppo spaventoso per i bambini.”

OSK è stata originariamente fondata nel 2016 per combattere le leggi restrittive sull’aborto in Polonia, ma da allora è diventata un centro umanitario.

L’ufficio è una porta girevole per le persone che consegnano donazioni. I rifugiati, molti dei quali arrivano a Varsavia in treno o in autobus, sono invitati a vagare per le varie stanze piene di provviste e sono incoraggiati a portare con sé ciò di cui hanno bisogno.

Mila Prishliak ei suoi quattro figli sono venuti in ufficio in cerca di vestiti e giocattoli. Sono fuggiti in Polonia dopo aver trascorso tre giorni nei sotterranei di una chiesa a Kiev quando è iniziata la guerra il 24 febbraio.

Prishlyak ha divorziato dal padre dei due figli, che sono rimasti in Ucraina per combattere con le forze di difesa del territorio.

“Era troppo spaventoso per i più piccoli”, ha detto la quindicenne Solomiya Prisliak, in inglese, mentre sua sorella minore e i suoi fratelli guardavano una pila di giocattoli donati.

Mila Prishlyak, che era un’insegnante a Kiev, scosse la testa. Dice qualcosa a sua figlia chiedendole di tradurre.

“È preoccupata per noi”, ha detto Solomiya. “Vuoi che finisca gli studi e vada all’università.”

La famiglia Prishlyak fuggì da Kiev, in Ucraina, e finì a Varsavia, in Polonia. Da sinistra a destra, Nizar, Suleiman, madre Mila, Daoud ed Eva. (Margot McDermid/CBC)

Come molti rifugiati di guerra in Ucraina, per il momento i Prisliak rimarranno con le loro famiglie in Polonia. Ma Marta Limbar, fondatrice di OSK, dice che la famiglia, gli amici e gli estranei gentili non possono fare molto.

Tanto per cominciare, la Polonia aveva un gran numero di ucraini. Nel 2018 oltre 165mila ucraini avevano permessi di soggiorno permanenti o temporanei. Si stima che ci siano da 1 a 2 milioni di persone in più che lavorano in Polonia.

“So che è solo una cosa temporanea.”

Lempart dice che i residenti di Varsavia e gruppi come lei hanno dovuto intervenire perché c’era scarso aiuto per l’alloggio e le necessità di base per i rifugiati dal governo polacco.

ha detto Limbar mentre si destreggiava tra chiamate e riunioni nell’ufficio del gruppo.

Il governo polacco ha aperto una serie di centri di accoglienza per i rifugiati lungo il confine con l’Ucraina.

Martedì ha annunciato aiuti finanziari per la sua crescente popolazione di rifugiati. Ha detto che avrebbe speso otto miliardi di zloty ($ 2,2 miliardi canadesi) in cibo e alloggi temporanei per i rifugiati.

Le scatole di mele sono tra gli oggetti che i polacchi hanno donato ai rifugiati ucraini. (Margot McDermid/CBC)

Sono inoltre in atto misure per consentire loro di lavorare legalmente e accedere all’assistenza sanitaria pubblica e all’assistenza sociale in Polonia.

“La nostra priorità è organizzare aiuti efficaci per centinaia di migliaia e presto milioni di rifugiati”, ha affermato il 5 marzo il ministro degli Esteri polacco Zbigniew Rau in un comunicato stampa con il segretario di Stato americano in visita Anthony Blinken.

Lempart dice di essere orgogliosa dell’aiuto che i polacchi ordinari stanno fornendo, ma avverte che se la guerra continua, le cose cambieranno.

“La risposta mostra come l’impegno civico può battere praticamente tutto, ma ovviamente so che è solo temporaneo e le persone hanno un lavoro, le loro vite e così via”, ha detto.

“Quindi sono orgoglioso… ma lo so anche [this effort] Deve essere regolamentato e deve essere finanziato”.

READ  Il Sudafrica riceve più pioggia mentre le vittime delle inondazioni cercano rifugio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.