Vantaggio Conde nella finale del Bridgestone FIA ​​ecoRally

Vantaggio Conde nella finale del Bridgestone FIA ​​ecoRally

  • ecoDolomitesGT Rally conclude la stagione regolare dei rally 1023 completamente elettrici con un evento di due giorni innevato e spettacolare
  • Quattro punti separano i primi tre piloti in zona punti, con il due volte campione spagnolo Enico Conde che mantiene il comando durante la notte
  • La pilota del circuito Beitske Visser punta alla pole position solo nel suo secondo round della serie

Il gran finale della stagione 2023 del Bridgestone FIA ​​ecoRally completamente elettrico ha preso il via durante il primo giorno dello straordinario ecoDolomites GT, con sede a Fiera di Primero, in Italia. Appena due settimane dopo la stravaganza dell’E-Rallye Monte Carlo, i concorrenti hanno attraversato dalle Alpi Marittime alle Dolomiti in un breve e ripido rally di montagna di due giorni con la neve che scricchiolava sotto i piedi.

Tre equipaggi, separati da soli quattro punti, emergeranno tutti dall’Italia come campioni di quest’anno, e tutte e tre le loro vetture erano in cima all’ordine di partenza prima della gara. Il pilota ceco Michal Zdarski e il copilota Jakub Niblik guidano la classifica a punti e hanno lasciato per primi la linea di partenza con la loro Hyundai Kona.

Sono stati seguiti da due Kia e-Nero dei loro inseguitori: il campione in carica Enico Conde della Spagna e il suo copilota Lucas Cergnessi e l’eroe locale Guido Guerini, guidato dall’italiano Artur Prusac.

Essendo una serie interamente amatoriale composta da rally regolari in cui la capacità dell’equipaggio di mantenere una velocità media target entro i limiti del codice stradale locale e dei limiti di velocità è fondamentale, la Bridgestone FIA ​​ecoRally Cup è una delle serie di sport motoristici internazionali più accessibili di sempre. Non è consentita alcuna modifica alle vetture rispetto alle specifiche dello showroom e la sfida non è solo rispettare i tempi previsti, ma anche consumare meno energia possibile.

READ  L'incontro chiave della Roma lascia il Tottenham in bilico sul destino del direttore sportivo

Sembra facile, ma il famoso pilota su pista Betski Visser è un pilota che sa esattamente quanto possa essere difficile la sfida. L’ex vice campionessa della W Series e pilota di endurance olandese ha fatto il suo debutto nell’ecoRally Cup in Slovenia a settembre al Mahle Eco Rally, dove ha preso un po’ di tempo per adattarsi al nuovo sistema.

Tuttavia, alla fine della giornata finale, i suoi risultati erano tutti in ordine nella metà superiore del gruppo ed è arrivata in Italia come un cavallo oscuro per ottenere il massimo dei voti nell’evento. “In realtà sono arrivata con un foglio di carta pulito, senza alcuna preparazione”, ha detto del suo primo evento.

“Ma la community della serie è fantastica e, parlando con le troupe esperte, osservandole e imparando da loro, sento che questa volta possiamo uscirne un po’ migliori.”

L’ottimismo era giustificato, dato che Visser e il suo copilota tedesco, Arthur Kammerer, sono risaliti al quinto posto nei test di apertura a bordo della loro Volvo Polestar 2. Nel frattempo, era iniziata la battaglia a tre per il titolo del campionato. Sia Visser che la Kia e-Niro della star slovena Franco Spakapan, vincitore dell’evento di casa, hanno gareggiato tra i primi tre posti assoluti.

Tuttavia, mentre gli equipaggi attraversavano la sezione montuosa nel pomeriggio, inclusa la famosa vetta del Paso Roll, il sistema ha iniziato a spostarsi in condizioni di neve. È stato il campione della serie 2021 e 2022 Kounde a emergere in testa davanti a Spakapan con Zd’arsky e Guerrini alle spalle.

Il duo rumeno Mircea Mestre e Sucarisiu Corneil è salito al quinto posto sulla loro Hyundai Ioniq 5, con i compagni di squadra veterani Didier Malga e Anne-Valery Bonnel proprio dietro di loro sulla loro Kia E-Niro mentre si muovevano davanti a Visser.

READ  Un posto fisso nel calendario resta l'obiettivo di Imola

La seconda e ultima giornata vedrà gli organizzatori raggiungere il confine con l’Austria nella regione dell’Alto Adige prima di ritornare alla sede del rally a Fiera di Primeiro.

Una volta completati i risultati di regolarità, il compito più grande sarà scaricare tutti i dati dai dispositivi di misurazione della FIA per identificare i concorrenti più efficienti dal punto di vista energetico sul campo. Solo allora, quando il punteggio combinato di regolarità e consumo sarà confermato, verrà determinata la classifica finale dell’evento, così come il torneo stesso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *