Manifestanti “pro-Palestina” indossano foto di alianti: la polizia arresta sette persone

Manifestanti “pro-Palestina” indossano foto di alianti: la polizia arresta sette persone

Decine di migliaia di persone si sono radunate in manifestazioni filo-palestinesi in tutto il Regno Unito in mezzo alla crescente preoccupazione internazionale per la situazione in Israele e Gaza.

Sabato i manifestanti hanno riempito le strade del centro di Londra e migliaia si sono radunati a Manchester, Liverpool, Edimburgo e in altre parti del Regno Unito.

Tra quelli presenti a Londra c’erano individui che indossavano immagini di alianti sulla schiena – un evidente tributo ai terroristi di Hamas che usarono gli alianti per entrare in Israele dove violentarono, mutilarono e massacrarono 260 giovani durante un festival musicale.

Ricevi The Jewish News Daily Edition via e-mail e non perdere mai le nostre notizie principali: iscriviti gratuitamente

I manifestanti portavano bandiere e torce e cantavano slogan filo-palestinesi, mentre i manifestanti ascoltavano le richieste rivolte ai leader mondiali di condannare le azioni israeliane.

Foto di una donna che indossa un aliante – scattata di fronte.

La polizia metropolitana ha dispiegato più di 1.000 agenti prima della manifestazione di sabato nella capitale, e la polizia ha detto in anticipo che chiunque dimostri sostegno ad Hamas potrebbe essere arrestato.

Alcune aree di Londra sono coperte dalla sezione 60AA della legge, che impone a una persona di rimuovere oggetti che potrebbero essere utilizzati per nascondere la propria identità, come le maschere, fino a prima serata.

L’articolo 12 della legge sull’ordine pubblico riguardava lo svolgimento della manifestazione, che si è conclusa a Whitehall a metà pomeriggio.

La polizia metropolitana ha confermato che alle 17.30 sette persone erano state arrestate durante la manifestazione per una serie di presunti reati, tra cui una persona sospettata di aver causato danni penali.

READ  Museo delle incursioni della polizia di Hong Kong per commemorare le vittime di Tienanmen del 1989

C’erano piccole sacche di caos; “Fiamme, bottiglie e fuochi d’artificio sono stati lanciati contro la polizia”, ​​hanno scritto le forze dell’ordine in un post sui social media.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *