Il presidente iraniano promette vendetta ai funerali delle vittime dei due attentati Notizia

Il presidente iraniano promette vendetta ai funerali delle vittime dei due attentati  Notizia

L'attacco, di cui l'Isis ha rivendicato la responsabilità, è avvenuto mercoledì a Kerman durante una cerimonia commemorativa per il comandante supremo Qassem Soleimani.

Il presidente iraniano Ebrahim Raisi ha promesso vendetta dopo i due attentati avvenuti questa settimana nella città di Kerman, che hanno ucciso e ferito diverse persone presenti alla cerimonia funebre per il generale Qasem Soleimani.

Venerdì, Raisi si è rivolto alle migliaia di persone in lutto riunite a Kerman, a circa 820 chilometri (510 miglia) a sud-est della capitale Teheran.

Ha detto che i nemici di Teheran possono vedere “il potere dell'Iran e il mondo intero conosce la sua forza e capacità”, aggiungendo che “le nostre forze decideranno dove e quando muoversi”.

Mentre le persone rendevano omaggio alle vittime davanti alle bare avvolte nelle bandiere iraniane, gridavano: “Morte all’America!” e “Morte a Israele!”

L'Isis ha rivendicato la responsabilità degli attentati di mercoledì in una dichiarazione di giovedì.

Le esplosioni hanno ucciso almeno 89 persone e ne hanno ferite più di 280. Tra le vittime ci sono anche alcuni cittadini afghani.

“Vi troveremo ovunque voi siate”, ha detto alla folla il comandante in capo della Guardia rivoluzionaria iraniana, il maggiore generale Hossein Salami, riferendosi all’Isis.

L'Isis ha affermato che due dei suoi membri hanno fatto esplodere cinture esplosive nel cimitero affollato dove molte persone si erano radunate per celebrare un memoriale per Soleimani, il comandante della forza Quds della Guardia rivoluzionaria iraniana, morto in un attacco di droni statunitensi in Iraq nel 2020 ordinato dall'allora Stato islamico. Il presidente Donald Trump.

Membri della Guardia rivoluzionaria trasportano la bara, drappeggiata con la bandiera iraniana, di Nazanin Fatemeh Azizi, una bambina afghana di quattro anni, uccisa negli attentati del 3 gennaio 2024. [Vahid Salemi/AP Photo]

La televisione di stato ha mostrato filmati del Centro religioso Imam Ali a Kerman, dove le famiglie in lutto piangevano e la gente cantava “vendetta, vendetta”.

READ  Il miglior candidato presidenziale del Guatemala squalificato prima della gara | Notizie elettorali

Le Nazioni Unite, l'Unione Europea e diversi paesi, tra cui Cina, Arabia Saudita, Giordania, Germania e Iraq, hanno condannato gli attentati.

Teheran sostiene spesso che Israele e gli Stati Uniti sostengono i gruppi armati anti-iraniani coinvolti in precedenti attacchi.

Nel 2022, l’Isis ha rivendicato un attacco a un santuario sciita iraniano che ha ucciso 15 persone. I precedenti attacchi attribuiti all’Isis includono due attentati del 2017 che hanno preso di mira il parlamento iraniano e il santuario dell’Ayatollah Ruhollah Khomeini, il fondatore della Repubblica islamica.

Ali Hashem, corrispondente di Al Jazeera da Teheran, ha affermato che le autorità iraniane collegano l'attacco alle crescenti tensioni regionali durante la guerra israeliana a Gaza.

“Non possono vederlo separatamente da ciò che sta accadendo in tutta la regione”, ha detto Hashem.

Ha aggiunto: “Gli iraniani non hanno preso sul serio la dichiarazione dell’Isis. Il ministro dell'Interno Ahmed Wahidi ha detto che stanno studiando la questione e che nelle prossime ore si esprimerà.

Gli attacchi sono avvenuti il ​​giorno dopo che Saleh Al-Arouri, vice leader del movimento palestinese Hamas, alleato dell'Iran, è stato ucciso in un attacco di droni nella capitale libanese, Beirut, sollevando timori di un'ulteriore escalation nella regione in seguito all'attacco. L'inizio della guerra israeliana a Gaza il 7 ottobre.

Raisi ha affermato che la fine dell’alluvione di Al-Aqsa, questo il nome dell’operazione lanciata da Hamas il 7 ottobre, “segnerà la fine del regime sionista”. [Israel]”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *