L’ONU afferma che i prezzi alimentari globali scenderanno da livelli record nel 2022. Fatta eccezione per questi due elementi essenziali – Business News

L’ONU afferma che i prezzi alimentari globali scenderanno da livelli record nel 2022. Fatta eccezione per questi due elementi essenziali – Business News

I prezzi globali dei prodotti alimentari come cereali e oli vegetali sono diminuiti lo scorso anno rispetto ai livelli record raggiunti nel 2022, quando la guerra della Russia in Ucraina, la siccità e altri fattori hanno contribuito a peggiorare la fame in tutto il mondo, ha affermato venerdì l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura.

L’Indice FAO dei prezzi alimentari, che tiene traccia delle variazioni mensili dei prezzi internazionali dei prodotti alimentari comunemente commercializzati, lo scorso anno è stato inferiore del 13,7% rispetto alla media del 2022, ma le sue misurazioni dei prezzi dello zucchero e del riso sono aumentate nello stesso periodo.

Il mese scorso l’indice è sceso di circa il 10% rispetto a dicembre 2022. Il calo dei prezzi delle materie prime alimentari nel 2023 arriva nonostante un anno difficile per la sicurezza alimentare in tutto il mondo.

Gli impatti climatici come il clima secco, le inondazioni e il naturale fenomeno El Niño, così come le conseguenze di conflitti come la guerra in Ucraina, gli embarghi sul commercio alimentare che hanno aumentato l’inflazione dei prezzi alimentari e le valute deboli, hanno colpito particolarmente i paesi in via di sviluppo.

READ  Le elezioni federali potrebbero non avere un chiaro vincitore lunedì sera: ecco perché

Sebbene nel 2022 i prodotti alimentari come i cereali abbiano registrato dolorosi aumenti, il sollievo spesso non ha raggiunto il mondo reale dei negozianti, dei venditori ambulanti e delle famiglie che cercano di sbarcare il lunario.

Secondo un’altra agenzia delle Nazioni Unite, il Programma alimentare mondiale, nel 2023 più di 333 milioni di persone hanno dovuto affrontare livelli acuti di insicurezza alimentare.

Il riso e lo zucchero in particolare sono stati un problema lo scorso anno a causa degli impatti climatici nelle regioni in via di sviluppo dell’Asia, provocando in risposta un aumento dei prezzi, soprattutto nei paesi africani.

Escludendo il riso, l’indice FAO dei cereali lo scorso anno era inferiore del 15,4% alla media del 2022, “riflettendo l’abbondanza di forniture nei mercati globali”. Ciò nonostante il ritiro della Russia dall’accordo di guerra che consentiva il flusso di grano dall’Ucraina verso i paesi dell’Africa, del Medio Oriente e dell’Asia.

Gli analisti affermano che i paesi che acquistano grano hanno trovato forniture altrove, soprattutto dalla Russia, con prezzi inferiori rispetto a prima dell’inizio della guerra.

L'indice del riso stilato dalla FAO è aumentato del 21% lo scorso anno a causa delle restrizioni imposte dall'India sulle esportazioni di alcuni tipi di riso e delle preoccupazioni per l'impatto del fenomeno El Niño sulla produzione di riso. Ciò significa prezzi più alti per le famiglie a basso reddito, compresi luoghi come il Senegal e il Kenya.

Allo stesso modo, l’indice dello zucchero dell’agenzia lo scorso anno ha raggiunto il livello più alto dal 2011, espandendosi del 26,7% rispetto al 2022 a causa delle preoccupazioni per il calo delle forniture. Ciò è dovuto al clima insolitamente secco che ha danneggiato i raccolti in India e Thailandia, il secondo e il terzo maggiore esportatore mondiale.

READ  Un fuggitivo romano ricercato per 10 anni, ha vissuto una vita lussuosa in Italia

Tuttavia, l’indice glicemico è migliorato nell’ultimo mese del 2023, raggiungendo il minimo di nove mesi a causa delle forti forniture provenienti dal Brasile, il più grande esportatore di zucchero, e dall’India, che ne ha ridotto l’uso per la produzione di etanolo.

Nel frattempo, l’Organizzazione per l’alimentazione e l’agricoltura ha affermato che i prezzi della carne, dei latticini e degli oli vegetali sono diminuiti a partire dal 2022, con l’olio vegetale – una delle principali esportazioni dalla regione del Mar Nero che ha registrato aumenti significativi dopo l’invasione russa dell’Ucraina – che ha raggiunto il minimo di tre anni. Mentre le forniture globali migliorano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *