Perché la riapertura del valico di Rafah è così importante nel contesto dei bombardamenti israeliani su Gaza? Notizie sul conflitto israelo-palestinese

Perché la riapertura del valico di Rafah è così importante nel contesto dei bombardamenti israeliani su Gaza?  Notizie sul conflitto israelo-palestinese

L’Egitto ha affermato che i palestinesi devono rimanere nelle loro terre, ma sta cercando di facilitare gli aiuti umanitari.

Mentre i bombardamenti israeliani sulla Striscia di Gaza continuano, 2,3 milioni di palestinesi rimangono intrappolati dopo che Israele ha dichiarato il blocco completo della Striscia – senza acqua, senza carburante ed senza elettricità – in seguito all’attacco mortale di Hamas del 7 ottobre.

Gli sforzi per aprire il valico di Rafah non hanno ancora prodotto alcun risultato, poiché il ministro degli Esteri egiziano Sameh Shoukry ha affermato che Israele non ha ancora consentito l’apertura del valico che collega Gaza all’Egitto. Ha aggiunto che il Cairo mira a mantenere aperto il valico.

Ci si aspetta che l’Egitto fornisca aiuti umanitari salvavita ai palestinesi intrappolati nella Striscia, ma ha rifiutato le proposte di accogliere i palestinesi di Gaza al suo confine.

Quindi, quale attraversamento controlla l’Egitto, come è collegato l’Egitto a Gaza mentre il conflitto continua, e cosa accadrà dopo?

Cos’è il valico di Rafah?

Circa un milione di palestinesi sono già stati sfollati a causa degli intensi bombardamenti israeliani e dell’ordine israeliano di evacuare il nord di Gaza in preparazione di un chiaro attacco di terra.

Decine di migliaia di persone hanno trovato rifugio nelle scuole delle Nazioni Unite mentre la situazione medica raggiunge il punto di rottura.

Il valico di Rafah, situato nella parte meridionale di Gaza, al confine con la penisola egiziana del Sinai, è l’unico modo per i palestinesi di uscire da Gaza e ricevere aiuti da quando Israele ha imposto un blocco globale sulla Striscia.

Sia Israele che l’Egitto impongono uno stretto controllo sul passaggio di persone e merci come parte di un precedente blocco imposto nel 2007 dopo l’ascesa al potere di Hamas.

READ  Trump appare per la prima volta dopo la presidenza al prossimo raduno conservatore in Florida

Il passaggio è sempre più al centro dei negoziati tra le varie parti mentre cercano di affrontare la guerra scoppiata il 7 ottobre, quando i combattenti di Hamas sono entrati in Israele e hanno iniziato a lanciare razzi, uccidendo finora almeno 1.400 persone. Da allora, negli ultimi otto giorni, Israele ha ucciso almeno 2.700 palestinesi in una continua campagna di bombardamenti.

Il valico di Rafah è stato chiuso dopo l’inizio del conflitto, poiché Israele lo ha ripetutamente bombardato. L’Egitto sostiene che il suo lato del valico rimane operativo, ma gli attacchi aerei israeliani hanno causato danni significativi alle infrastrutture sul lato palestinese.

Due fonti e un testimone hanno detto a Reuters che centinaia di tonnellate di aiuti forniti da organizzazioni non governative e da diversi paesi stavano aspettando lunedì che i camion nella vicina città egiziana di Arish potessero entrare a Gaza.

Penisola egiziana del Sinai e Gaza

La penisola del Sinai, che confina anche con Israele, si trova tra il Mar Mediterraneo a nord e il Mar Rosso a sud. Essendo l’unica parte dell’Egitto situata in Asia, funge da ponte terrestre tra l’Asia e l’Africa.

Il Sinai rimase per secoli sotto il controllo dell’Impero Ottomano, fino al XIX secolo, per poi cadere nelle mani della potenza coloniale britannica, che ne mantenne il controllo fino alla metà del XX secolo.

Israele conquistò il Sinai in seguito alla Guerra dei Sei Giorni con i paesi arabi nel 1967. Israele restituì il Sinai all’Egitto dopo gli accordi di Camp David, con la mediazione degli Stati Uniti. L’Egitto è diventato il primo paese arabo a riconoscere ufficialmente Israele come parte degli accordi di pace. Israele si ritirò completamente dalla penisola del Sinai nel 1982.

READ  L'India incontra Cina e Russia a margine del vertice dell'Organizzazione per la cooperazione di Shanghai | Notizie di politica

La Striscia di Gaza, che era sotto il controllo egiziano dal 1948 al 1967, passò sotto l’occupazione israeliana. Israele manterrà il controllo di Gaza per circa 40 anni prima di ritirarsi sotto la pressione internazionale nel 2005.

E gli aiuti e i rifugiati?

Centinaia di tonnellate di aiuti sono arrivati ​​su più di 100 camion nel Sinai da paesi tra cui Giordania e Turchia, e l’Egitto ha aperto il suo aeroporto ad Al-Arish per accoglierli.

I camion sono in fila nella parte settentrionale della penisola, vicino a Gaza, pronti ad entrare dal valico di Rafah non appena verrà raggiunto un accordo per la sua apertura.

Ma nonostante le visite di alti funzionari americani ed europei in Egitto, Israele ha rifiutato il passaggio sicuro per i camion degli aiuti, e quindi il valico è rimasto chiuso.

Ciò significa che anche gli stranieri e i palestinesi con doppia nazionalità intrappolati nell’enclave assediata non potevano entrare in Egitto, in attesa di un accordo.

La situazione è diversa per i palestinesi e non per altre nazionalità, poiché sembra che l’Egitto non abbia intenzione di consentire loro l’ingresso per ragioni di sicurezza nazionale.

L’Egitto, che ospita circa nove milioni di migranti provenienti dal Sudan, dalla Siria, dallo Yemen, dalla Libia e da altri paesi, e che per di più si trova ad affrontare una crisi economica, è riluttante ad aprire semplicemente il valico di Rafah a centinaia di migliaia di rifugiati.

Ciò è particolarmente vero perché storicamente i palestinesi sfollati non sono stati in gran parte in grado di tornare alle loro case. La maggior parte degli abitanti di Gaza sono rifugiati della guerra arabo-israeliana del 1948, quando subirono la pulizia etnica dalle loro case che ora fanno parte di Israele.

READ  Leader dell'Isis ucciso nel raid Usa in Siria

Sia l’Egitto che la Giordania hanno affermato che i palestinesi devono rimanere nella loro patria per poter raggiungere l’obiettivo di creare uno Stato palestinese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *