Il Canada rimane in silenzio ma monitora attentamente la resa dei conti del limite del debito degli Stati Uniti – Canada News

Il Canada rimane in silenzio ma monitora attentamente la resa dei conti del limite del debito degli Stati Uniti – Canada News

Il governo federale del Canada ha osservato da vicino e ha detto poco martedì mentre una corsa contro il tempo ad alto rischio è iniziata sul serio alla Casa Bianca, con la salute dell’economia globale in bilico.

Il presidente Joe Biden ha incontrato i leader del Congresso, tra cui il presidente della Camera Kevin McCarthy, il suo principale oppositore in una lunga situazione di stallo sul tetto del debito, il limite legislativo al potere di indebitamento del governo degli Stati Uniti.

Il segretario al Tesoro Janet Yellen ha avvertito la scorsa settimana che l’attuale limite potrebbe essere raggiunto già dal 1° giugno, momento in cui gli Stati Uniti non avrebbero abbastanza soldi per pagare tutte le bollette.

I repubblicani della Camera affermano che non accetteranno di aumentare il limite – una volta una questione procedurale di routine, ora un punto ricorrente e fin troppo familiare di tensione politica – senza tagli profondi alla spesa pubblica.

Politicamente, il Canada è in testa alla classifica. In pratica, però, sono sulla stessa barca.

“Per molti versi, siamo come il 51esimo stato: siamo uniti all’indietro con gli Stati Uniti”, ha affermato Andreas Schutter, professore di economia internazionale presso la Ivy School of Business della Western University a Londra, Ontario.

READ  Gli Stati Uniti annunciano la prima carenza di giacimenti occidentali, che porta a riduzioni

Shooter ha affermato che le aziende e le istituzioni canadesi che vendono prodotti o servizi o prestano denaro al governo degli Stati Uniti sentiranno quasi immediatamente l’impatto del default, per non parlare dell’impatto sui mercati azionari di entrambi i paesi.

I tassi di interesse, che sono già in aumento, aumenteranno ulteriormente, il che colpirà duramente i contribuenti e i mutuatari privati. La domanda di titoli sui mercati monetari come i buoni del Tesoro diminuirà, il che ostacolerà la capacità degli Stati Uniti di coprire i costi del suo elevato debito.

Shooter ha chiarito che non si aspetta che gli Stati Uniti escano da un precipizio fiscale, anche se nell’attuale clima politico è probabile che si avvicinino all’orlo.

Ma per il partner commerciale numero uno dell’America e la relazione bilaterale del valore di 3,25 miliardi di dollari canadesi su base giornaliera, l’impatto di un default sarebbe profondo e di vasta portata, ha aggiunto.

“Default degli Stati Uniti, nessuno può permetterselo.”

Nonostante i rischi, il protocollo richiede che il resto del mondo, compreso il Canada, mantenga una distanza diplomatica di sicurezza dal conflitto.

“Le potenziali conseguenze di un default degli Stati Uniti sul proprio debito saranno globali e sono in corso discussioni tra il presidente, l’esecutivo e il Congresso”, ha affermato l’ambasciata canadese in una nota.

Il Canada sta seguendo da vicino questo problema.

L’assistente del ministro delle finanze Randy Boissonault dirà solo martedì che la situazione di stallo è una “questione sovrana” che gli Stati Uniti devono affrontare da soli, anche se ha notato che i ministri delle finanze del G7 si incontreranno questa settimana in Giappone.

READ  Elsa si prepara a colpire il Canada Atlantico come una tempesta post-tropicale

“È una conversazione attiva parlare di finanze, post-pandemia, per tutte le nostre democrazie, quindi lasceremo agli Stati Uniti la decisione sul tetto del debito”, ha affermato Boissonault.

“Nel nostro caso, la nostra posizione finanziaria è la più forte del G7, quindi continueremo a gestire il quadro finanziario”.

La resa dei conti martedì è stata fissata da gennaio, quando Yellen ha avvertito per la prima volta che un default potrebbe essere imminente all’inizio dell’estate senza aumentare il limite del debito. I repubblicani che controllano la Camera dei Rappresentanti affermano che non lo faranno senza tagli alla spesa.

Hanno già approvato una legislazione in gran parte simbolica chiamata Shortfalls America Act, che limiterebbe la spesa discrezionale ai livelli del 2022, in calo di almeno $ 142 miliardi rispetto al 2023.

Biden ha promesso di porre il veto in qualche modo se passerà al Senato, dove 43 repubblicani stanno con i loro colleghi della Camera, chiedendo “tagli alla spesa e riforma del bilancio come punto di partenza” nei colloqui.

Biden ha rifiutato di essere coinvolto nei negoziati, insistendo sul fatto che non parlerà di tagli fino a quando la Camera dei Rappresentanti non accetterà prima di alzare il tetto senza vincoli.

“I repubblicani tengono in ostaggio l’intera economia e affermano che, a meno che la loro agenda non sia completamente completata, andranno incontro a un default senza precedenti”, ha detto martedì l’addetto stampa della Casa Bianca Karen Jean-Pierre.

“Quello che sta facendo il presidente è l’opposto di quello. Vuole assicurarsi che lo togliamo dal tavolo e facciamo una conversazione separata”.

Daniel Pfeiffer, ex consigliere della Casa Bianca del presidente Barack Obama che ha lottato due volte con i colloqui sul tetto del debito durante i suoi due mandati, ha offerto uno sguardo alla strategia della linea dura di Biden in un articolo per il New York Times lunedì.

READ  L'agente della polizia segreta cinese accusato negli Stati Uniti ha condotto un addestramento in BC - BC News

Sia Pfeiffer che Biden, all’epoca vicepresidente di Obama, avevano posti in prima fila quando la Casa Bianca fece un “grande affare” con il presidente della Camera John Boehner nel 2011, solo per vedere il caucus separatista del GOP staccarsi dal loro leader.

“Abbiamo imparato una lezione dolorosa”, ha scritto Pfeiffer. “Negoziare contro il tempo per un tracollo finanziario globale è stata una proposta persa”.

Aggiungi al mix il fatto che i repubblicani della Camera in questi giorni sono molto più imprevedibili di quanto non fossero 12 anni fa, e non c’è da meravigliarsi se Biden non ce la farà, ha detto John Aldrich, professore di politica alla Duke University.

“McCarthy è bloccato con una maggioranza partigiana molto piccola e una paura molto reale che la sua ala destra (di nuovo) si rivolterà contro di lui come presidente”, ha detto Aldrich.

Ha detto che il presidente aveva bisogno di uscire dalla crisi attraverso un “sentiero stretto”, che probabilmente avrebbe comportato due progetti di legge separati: uno che aumenta il tetto del debito senza vincoli e uno che taglia la spesa per placare i repubblicani.

“Questo è un bel lavoro e potrebbe facilmente andare storto”, ha detto Aldrich. “La perdita di credibilità degli Stati Uniti fa male a tutti e nel futuro”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *