“Governatore della Contea di Hare, non possiamo accettarlo così” – Südtirol News

HDS critica la prevista chiusura di negozi al dettaglio e ristoranti

Sabato 19 dicembre 2020 | 16:00.

Bolzano – “Per avere un argomento di allentamento nella libertà dei viaggi intercomunitari, si sacrificano il commercio e la gastronomia. Dove nessuno ha a che fare con l’altro! Il metodo indipendente altoatesino dovrebbe punire ripetutamente il commercio con regole più severe del resto d’Italia?” Poco prima di Natale, l’HDS – Associazione Commercio e Servizi Alto Adige non ha inviato un messaggio a Gesù Bambino, ma al governatore Arno Kombacher. I suoi piani di designare tutto l’Alto Adige come zona rossa dal 24 dicembre al 6 gennaio destano grande preoccupazione nell’associazione, e se viene effettivamente presa una decisione in merito, non può essere accettata: “Una chiusura di 14 giorni di negozi e ristoranti dal 24 dicembre al 6 dicembre Il secondo (gennaio) “non sarà accettabile per noi”, ha criticato il presidente della Camera Philip Moser.

Sarebbe incomprensibile e incomprensibile se l’Alto Adige seguisse una strada più dura del resto d’Italia. C’è commercio al dettaglio fino a quando Dreikönig non è autorizzato ad aprire almeno quattro giorni. Non possiamo accettare questa punizione in nessun caso: fare la spesa in Alto Adige è sempre stato sicuro anche in tempi di Corona. “La vendita al dettaglio non è un punto caldo”, spiega Moser.

“Il commercio al dettaglio e la gastronomia in questo Paese hanno fatto i compiti, aderendo alle rigide normative e ai concetti di igiene che garantiscono che lo shopping nei vivaci paesi e città dell’Alto Adige sia ancora possibile. 14 giorni sono un tempo lungo: quindi il commercio al dettaglio non alimentare deve essere messo in atto. È consentito garantire l’approvvigionamento locale degli altoatesini con un pacchetto completo e non solo con merci di cui c’è bisogno. Ora non si tratta di pretendere un risarcimento. Il commercio e la gastronomia devono poter continuare a funzionare “, esige il capo dell’HDS. “La costante attività di vendita al dettaglio, in particolare, sta lottando con grandi difficoltà da diversi mesi ed è una delle principali vittime di questa crisi. Non accettiamo solo blocchi obbligatori ”, sottolinea Moser.

READ  WhatsApp condivide i piani per una nuova politica sulla privacy

Da: luk

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *