L’ambasciata turca a Roma ha rivelato le critiche di Erdogan in Italia

Levent Keynes / Stoccolma

Il governo turco ha usato i suoi diplomatici in Italia Per caratterizzare gli oppositori del presidente turco Recep Tayyip Erdogan e raccogliere informazioni su di loro per aiutare a formare un procedimento penale contro i critici.

I documenti del tribunale hanno confermato che quattro cittadini turchi sono stati identificati dai diplomatici turchi e denunciati al ministero degli Esteri di Ankara. Le informazioni sono state successivamente utilizzate in un atto d’accusa per terrorismo da parte del pubblico ministero turco.

Secondo la decisione del pubblico ministero Adam Akinci del 21 dicembre 2018, l’ufficio del pubblico ministero di Ankara ha aperto un’indagine (fascicolo n. 2018/43629) nei confronti di cittadini turchi che sono stati inclusi nei file di spionaggio inviati dai diplomatici turchi senza alcuna prova concreta di illeciti . Secondo i documenti, Akinci è stato accusato di “appartenere a un gruppo terroristico”.

Il documento giudiziario dell’11 dicembre 2018 rivela lo spionaggio dei critici da parte delle missioni diplomatiche turche. (Gli indirizzi e i nomi dei cittadini turchi sono stati omessi per motivi di sicurezza):

versione italiana

I documenti di profilazione sono stati inviati ad Ankara da Murat Selim Esenli, ambasciatore turco in Italia tra il 2016 e il 2021.

L’ambasciatore Murat Salim Essenli (a sinistra) e il ministro della Difesa turco Hulusi Akar (Ambasciata turca a Roma / 9 ottobre 2020)

I critici del governo di Erdogan all’estero, in particolare i membri del movimento Hizmet/Fülen, hanno subito sorveglianza, molestie, minacce di morte e rapimenti da quando il presidente Erdogan ha deciso di abbandonare il gruppo a causa dei suoi problemi legali. Spesso venivano loro negati servizi consolari come la procura e il registro delle nascite, oltre al ritiro del passaporto. I loro beni in Turchia vengono confiscati e i loro familiari a casa rischiano accuse penali.

READ  Euro 2020: l'Italia fa il possibile per annunciare la sua rosa

Recentemente, l’insegnante Orhan Inandi, incluso in documenti precedentemente pubblicati da Nordic Monitor, è stato rapito in Kirghizistan il 31 maggio e trasferito illegalmente in Turchia. Inandi, che vive in Kirghizistan da quasi 30 anni, è stato arrestato il 12 luglio con l’accusa di appartenenza a un’organizzazione terroristica. Un rapporto confidenziale del governo turco di 105 pagine ottenuto da Nordic Monitor ha confermato che è stata l’agenzia di intelligence turca MIT a rapire e trasferire illegalmente il doppio cittadino turco-kirghiso scomparso a Bishkek.

Rehan, la moglie di Orhan Inandi, ha detto che le foto che mostrano il marito ammanettato rivelano le torture a cui è stato sottoposto. È chiaro che hanno torturato mio marito. “Ha perso molto peso”, ha detto.

Come in precedenza una dichiarazione Secondo Nordic Monitor, il 19 febbraio 2018 il Ministero degli affari esteri ha inviato elenchi di cittadini turchi identificati in due CD all’ufficio del pubblico ministero di Ankara, alla polizia nazionale e all’agenzia di intelligence turca MIT tramite un documento ufficiale per ulteriori azioni amministrative o legali, punizione dei loro parenti in Turchia e il sequestro delle loro origini.

Il Procuratore Generale Akinci, che ha ricevuto il documento del Ministero degli Esteri il 23 febbraio 2018 CD classificati Comprese informazioni su 4.386 critici di Erdogan all’Unità per la criminalità organizzata del dipartimento di polizia di Ankara per ulteriori azioni. La polizia ha trasferito i risultati delle sue indagini alla Procura.

per me Documenti giudiziari Emesso dalla Quarta Alta Corte Penale di Ankara il 16 gennaio 2019, il Ministero degli Affari Esteri ha compilato un lungo elenco di entità straniere possedute e/o gestite da persone percepite come vicine al movimento.

Il ministro degli Esteri Mevlut Cavusoglu confermato Spionaggio sistematico sui critici del governo turco in territorio straniero, come hanno fatto le missioni diplomatiche turche nel febbraio 2020. Çavuşoğlu ha affermato che i diplomatici turchi assegnati alle ambasciate e ai consolati hanno ricevuto istruzioni ufficiali dal governo per svolgere tali attività all’estero. Se guardi alla definizione di diplomatico, questo è chiaro. Cavusoglu ha dichiarato ai giornalisti turchi il 16 febbraio 2020 dopo la conferenza sulla sicurezza di Monaco… La raccolta di informazioni è compito dei diplomatici, aggiungendo che “la raccolta di informazioni e la raccolta di informazioni sono una realtà”.

READ  Il Pinot Grigio italiano è più vario di quanto si possa pensare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.