Il Parlamento albanese approva il contestato accordo migranti con l’Italia

Il Parlamento albanese approva il contestato accordo migranti con l’Italia

Porto di Shengjin, Albania, dove con soldi italiani verranno costruiti centri per migranti (ADNAN BECI)

Giovedì il Parlamento albanese ha approvato un controverso accordo firmato con l’Italia per ospitare due centri di detenzione per i migranti soccorsi nelle acque italiane.

L'accordo, che richiedeva l'approvazione a maggioranza semplice, è stato approvato con il sostegno di 77 deputati su 140 seggi in parlamento, mentre l'opposizione ha boicottato il voto.

“L’Albania sta al fianco dell’Italia scegliendo di agire come Stato membro dell’UE”, ha detto il primo ministro Edi Rama in un post sui social media.

Ha detto che Tirana aiuta “a condividere il peso che l'Europa deve affrontare, unita come un'intera famiglia nell'affrontare una sfida coraggiosa che trascende le tradizionali divisioni tra sinistra e destra”.

L’accordo è stato regolarmente condannato dai partiti di opposizione in entrambi i paesi e dai gruppi per i diritti umani, portando ad una causa intentata davanti alla Corte Suprema dell’Albania a Tirana.

Alla fine del mese scorso, la Corte Costituzionale ha approvato l'accordo, aprendo la strada al voto di giovedì.

Dopo il voto, l'opposizione albanese ha criticato l'accordo.

“L'accordo sui migranti danneggia la sicurezza nazionale, l'integrità territoriale e l'interesse pubblico”, ha detto ai giornalisti il ​​leader dell'opposizione di destra Gazmind Bardi.

L'approvazione del Parlamento è arrivata settimane dopo che anche i rappresentanti italiani hanno votato a favore dell'accordo, poiché la Camera dei Rappresentanti lo ha sostenuto con una maggioranza di 155 voti favorevoli, 115 contrari e due membri che si sono astenuti dal voto.

– Finanziamenti italiani –

L'accordo prevede la costruzione di due centri vicino al porto albanese di Shingjin, dove verranno registrati i migranti per la richiesta di asilo, oltre ad una struttura nella stessa zona per ospitare coloro che attendono una risposta alle loro richieste.

READ  La crociera di una vita in Italia, Turchia e Grecia

Questi centri, che saranno gestiti dall'Italia, possono ospitare un massimo di 3.000 persone alla volta in attesa di una decisione sulle loro richieste.

Anche l’International Rescue Committee, una ONG, ha condannato l’accordo definendolo “disumano”, mentre Amnesty International lo ha definito “illegale e inapplicabile”.

Ma le autorità albanesi hanno risposto affermando che l'accordo è in linea con i precedenti trattati firmati con l'Italia, ed è coerente con il diritto internazionale e la costituzione del Paese.

L'Italia sosterrà i costi di costruzione dei due centri e delle infrastrutture necessarie, oltre alle spese relative alla sicurezza e all'assistenza medica per i richiedenti asilo, secondo le autorità albanesi.

Il primo ministro Giorgia Meloni – leader del partito di estrema destra Fratelli d’Italia – è stato eletto in carica nel 2022 e ha promesso di impedire l’arrivo di barconi di migranti dal Nord Africa.

Ma i numeri degli arrivi hanno continuato ad aumentare, da circa 105.000 migranti nel 2022 a quasi 158.000 l’anno scorso, mostrano i dati ufficiali.

bmi/ds/ach

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *