Un duca italiano risponde alle accuse di Sting di essere stato indotto con l’inganno a comprare un vigneto

Il figlio del duca italiano Sting dice di averlo indotto con l’inganno a comprare un vigneto, e ha risposto alle accuse del cantante, definendo i suoi commenti una “calunnia tossica”.

Dal 2017, quando ha parlato con lui Commercio di bevandeIl cantante di “Roxanne” Sting ha ripetuto l’affermazione di essere stato indotto con l’inganno ad acquistare una tenuta vinicola toscana da un duca italiano.

Abbiamo riportato i commenti di Sting all’epoca. Ha detto che il precedente proprietario del Palagio ha dato a Sting un bicchiere di Barolo di alta qualità e lo ha passato come vino della tenuta che Sting stava discutendo di acquistare.

“Stavamo cercando una casa in Italia e abbiamo trovato questa bella e accogliente tenuta in rovina, così come i vigneti”, ha detto Sting. dB.

Sostiene che in seguito si è reso conto che il vino della tenuta che aveva acquistato non era attualmente di alta qualità, anche se cadere nell’astuzia lo ha determinato a cambiare le sorti di un’azienda vinicola in difficoltà.

Ora, la storia viene raccontata di nuovo, come ha detto Sting alla rivista Sette:

“Ci ha regalato un bicchiere rosso da una brocca durante una delle nostre prime visite a Il Palagio.

“Stavamo trattando l’acquisto. La tenuta ci è piaciuta molto, anche se era in rovina. Il Duca mi ha chiesto se volevo assaggiare il vino che produceva la tenuta e io ho detto di sì. Era un ottimo vino e questo mi ha convinto ad acquistare anche le vigne. Solo più tardi abbiamo saputo che il Duca ci ha regalato il Barolo, non il suo vino”.

READ  L'Italia potrebbe espellere la scuola di `` lottatori '' di Steve Bannon dall'estrema destra da un monastero di 800 anni, regole della Corte Suprema del Paese

Tuttavia, il figlio del duca italiano preoccupato ha risposto ferocemente alle accuse di Sting, definendole una “calunnia avvelenata” contro il suo defunto padre.

Nei commenti a una lettera a un quotidiano italiano verità quotidiana, Tradotto da Sesta pagina Tra gli altri punti vendita, Simone San Clemente Jr. ha criticato. I commenti di Sting.

Simone di San Clemente avrebbe usato un “trucco da pub” per trasmettere il Barolo come vino prodotto nella sua azienda agricola. Egli ha detto.

“A parte il fatto che un signore di esperienza internazionale come Sting (all’epoca aveva 46 anni) non doveva confondere il Barolo con il Chianti, e il Nebiolo con il Sangiovese, niente di più esotico nel carattere, nelle abitudini e nel comportamento di mio padre, insomma Uno per la sua anima, piuttosto che agire come un locandiere disonesto”.

Ha completato:

“Mio padre ha vissuto fino al 2012, quindi Sting ha avuto il tempo di fargli rispondere di persona ai suoi dubbi, ma la dichiarazione non era solo in malafede, ma era anche talmente assurda che sembrava riprendersi. Sting invece ha deciso di farlo .”un padre defuntoCome si dice in Toscanae Quando il padre è morto.

San Clemente Jr. ha anche continuato a criticare i lavori di ristrutturazione della proprietà di Sting, descrivendo il Palagio nella sua forma attuale come un “resort in stile Palm Beach”.

“Credo che il signor Gordon Matthew Thomas Sumner debba a me e alla mia famiglia delle scuse”. Il messaggio si è concluso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *