La riunione del G20 si conclude senza consenso sulla guerra della Russia in Ucraina | Notizie della guerra tra Russia e Ucraina

La riunione del G20 si conclude senza consenso sulla guerra della Russia in Ucraina |  Notizie della guerra tra Russia e Ucraina

In una riunione delle maggiori economie mondiali, Cina e Russia si sono rifiutate di firmare una dichiarazione di condanna di Mosca per la sua invasione dell’Ucraina.

I leader finanziari delle maggiori economie mondiali non sono riusciti a concordare una dichiarazione congiunta che condanni la Russia per la sua guerra contro l’Ucraina sabato, con Cina e Russia che si rifiutano di firmarla.

L’India, in qualità di capo delle economie del Gruppo dei 20 (G20), che ha ospitato un incontro nella città di Bengaluru, era riluttante a sollevare la questione della guerra, ma i paesi occidentali hanno insistito sul fatto che non potevano sostenere alcun risultato che non includesse la condanna.

La mancanza di consenso tra i membri del G20 ha portato l’India a pubblicare un “documento di riepilogo e risultato del presidente” in cui si limitava a riassumere due giorni di colloqui ea notare le differenze.

“La maggior parte dei membri condanna fermamente la guerra in Ucraina e sottolinea che sta causando enormi sofferenze umane e aggravando l’attuale fragilità dell’economia globale”, ha affermato, citando l’interruzione delle catene di approvvigionamento, i rischi per la stabilità finanziaria e la persistente insicurezza alimentare ed energetica.

“C’erano altre opinioni e diverse valutazioni della situazione e delle sanzioni”, ha detto, riferendosi alle misure prese da Stati Uniti, paesi europei e altri per punire la Russia per l’invasione e privarla di entrate.

Parla il ministro delle finanze indiano Nirmala Sitharaman, mentre il ministro degli Affari economici Ajay Seth e il governatore della Reserve Bank of India Shaktikanta Das stanno a guardare. [Samuel Rajkumar/Reuters]

Il risultato è stato simile al vertice del G-20 a Bali lo scorso novembre, quando l’Indonesia ospitante ha rilasciato una dichiarazione finale riconoscendo le differenze. Il G20, formatosi più di 20 anni fa per affrontare le crisi economiche, stenta sempre più a raggiungere il consenso necessario per rilasciare un comunicato ufficiale al termine della riunione.

READ  Petroliera russa colpita dalle sanzioni statunitensi diretta in Malesia

Il ministro delle finanze indiano Nirmala Sitharaman ha dichiarato: “Anche se non c’era quella che chiameremmo una dichiarazione ufficiale, ma solo una dichiarazione sui risultati, crediamo ancora di aver fatto dei progressi nel coinvolgere tutti i ministri”.

Il ministro delle finanze tedesco Christian Lindner ha dichiarato che il rifiuto della Cina di aderire alla dichiarazione è “deplorevole”.

Il segretario al Tesoro degli Stati Uniti Janet Yellen ha detto in precedenza che era “assolutamente necessario” che qualsiasi dichiarazione condannasse la Russia. Due delegati hanno detto a Reuters che Russia e Cina non vogliono utilizzare la piattaforma del G20 per discutere di politica.

La Russia, membro del G-20 ma non del G-7, ha definito le sue azioni in Ucraina una “operazione militare speciale”, evitando di definirla un’invasione o una guerra.

L’India ha mantenuto una posizione ampiamente neutrale, astenendosi dall’incolpare la Russia per l’invasione, cercando una soluzione diplomatica e aumentando aggressivamente i suoi acquisti di petrolio russo.

Cina e India sono stati tra i paesi che si sono astenuti giovedì quando le Nazioni Unite hanno votato in modo schiacciante per chiedere a Mosca di ritirare le sue forze dall’Ucraina e di fermare i combattimenti.

Oltre ai paesi del G7, il G20 include anche paesi come l’Australia, il Brasile e l’Arabia Saudita.

Il ministro delle finanze giapponese Shunichi Suzuki ha dichiarato ai giornalisti: “È diventato difficile per il G20 impegnarsi in discussioni costruttive a causa dell’invasione russa dell’Ucraina, un atto che scuote le fondamenta dell’ordine mondiale”.

Trattative sul debito

A margine, sabato il Fondo monetario internazionale ha tenuto un incontro con la Banca mondiale, la Cina, l’India, l’Arabia Saudita e il Gruppo dei sette sulla ristrutturazione del debito per le economie in difficoltà, ma ci sono anche disaccordi tra i membri, ha affermato la direzione del FMI. Regia di Kristalina Georgieva.

READ  I vigili del fuoco di Lake Country salvano un cane bloccato sul ghiaccio a Wood Lake

Georgieva, che ha co-presieduto la tavola rotonda con il ministro delle finanze indiano Nirmala Sitharaman, ha detto ai giornalisti: “Abbiamo appena terminato una sessione in cui era chiaro che c’era l’obbligo di colmare le differenze a beneficio dei paesi”.

Un delegato ha detto a Reuters che sono stati compiuti alcuni progressi iniziali, soprattutto in termini di formulazione della questione, ma la ristrutturazione non è stata discussa in dettaglio.

Yellen ha detto che non ci sono stati “punti da asporto” dall’incontro, che è stato per lo più organizzativo.

Ulteriori discussioni sono previste in occasione delle riunioni del Fondo monetario internazionale e della Banca mondiale in aprile.

Aumentano le pressioni sulla Cina, il più grande creditore bilaterale del mondo, e su altri paesi affinché riducano drasticamente i prestiti ai paesi in via di sviluppo in difficoltà.

In un discorso video alla riunione del G20 di venerdì, il ministro delle finanze cinese Liu Kun ha ribadito la posizione di Pechino secondo cui anche la Banca mondiale e altre banche multilaterali di sviluppo dovrebbero impegnarsi nella riduzione del debito adottando misure drastiche.

La spinta dell’India per una regolamentazione più rigorosa delle risorse crittografiche private ha ottenuto un ampio sostegno durante l’incontro.

Georgieva ha affermato che i responsabili politici “non dovrebbero togliere dal tavolo” l’opzione di un divieto totale se la regolamentazione fallisce. Yellen non ha approvato tale divieto, ma ha affermato che è fondamentale mettere in atto un solido quadro normativo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *