Il potere curativo del sentimento

Il potere curativo del sentimento

“Il modo per liberarsi dai sentimenti difficili è trovarli proprio all’interno dei sentimenti stessi”, scrive Andy Carr nel suo nuovo libro. nello specchio. Qui condivide una pratica di localizzazione e lavoro con emozioni difficili nel corpo sottile per la guarigione definitiva.

Immagine di Puwadon Sang-ngern

Foto di Puwadon Sang-ngern Nel mondo moderno abbiamo spesso a che fare con sentimenti come relazioni lontane che riconosciamo solo quando vediamo i loro post su Facebook o Twitter. Alcuni sentimenti sembrano infastidire i fratelli più piccoli, che non ci lasciano soli mentre giochiamo o guardiamo un film. Ci dimeniamo e abbracciamo i sentimenti l’uno dell’altro come bambini carini, finché non sputano sui nostri vestiti carini e puliti. Siamo persone forti. C’è così tanta attenzione nel pensare alla nostra educazione che spesso ci sentiamo intorpiditi dal collo in giù.

Riconoscere i sentimenti è il primo passo per lavorare con loro.

Ironia della sorte, molti di noi sono in grado di conoscere i propri sentimenti intellettualmente ma non sono in grado di provarli direttamente. Come siamo arrivati ​​qui? Questo può tornare alla nostra infanzia. L’amore dei nostri genitori potrebbe essere stato condizionato dal nostro comportamento e dai nostri successi. Ci hanno inondato di affetto quando abbiamo fatto un buon lavoro, hanno rifiutato il calore o ci hanno punito quando non abbiamo fatto bene o ci siamo comportati male, o ci hanno completamente ignorato. Forse siamo stati rifiutati e vittime di bullismo da parte dei ragazzi fighi o siamo spesso imbarazzati di fronte ai nostri coetanei. Forse siamo traumatizzati da una malattia pericolosa per la vita, relazioni dannose o solitudine. Alcuni di noi sperimentano uno stress prolungato spingendo noi stessi a compiacere gli altri. Alcuni di noi sperimentano un lavoro incessante e pressioni professionali che ci mettono costantemente sulla difensiva.

C’è poco nella nostra cultura che ci incoraggi a relazionarci con questi sentimenti dolorosi in modo semplice e diretto, al contrario. Abbiamo imparato innumerevoli modi per analizzare, razionalizzare ed evitare i nostri sentimenti. La nostra vita ruota attorno al lavoro, alla realizzazione e al progresso. Qualunque cosa proviamo, abbiamo imparato: continua così. La connessione diretta con i sentimenti sembra molto intensa, molto acuta, molto penetrante.

READ  Gli scienziati affermano che il mondo nascosto "Pianeta Nove" ai margini del nostro sistema solare potrebbe in realtà essere qualcos'altro

All’inizio di un lampo di paura, eccitazione o imbarazzo, impariamo a smorzare i sentimenti con la retorica, drogarli con sostanze intossicanti, sopprimerli con l’ignoranza o rivolgerci ai nostri vari schermi per distrarci. Invece di provare sentimenti, finiamo per sperimentare versioni concettuali deboli dei sentimenti. Le emozioni intasate e congestionate si fissano in schemi psicosomatici distorti che disturbano i nostri corpi e le nostre menti. Queste diventano lunghe ferite purulente che si manifestano come disturbi fisici e nevrosi mentale. Questi modelli colorano la nostra visione della vita, le nostre immagini di noi stessi e le nostre relazioni con le persone intorno a noi. Se le deformità e le ostruzioni sono abbastanza grandi, possono portare al collasso e persino alla psicosi.

La mente è impotente a guarire queste ferite. Questo non è qualcosa che puoi risolvere capendolo. Non sarai in grado di sciogliere nodi o rimuovere ostacoli con la mente pensante perché la mente pensante è parte del problema. Solo entrando direttamente nel regno dei sentimenti può iniziare la guarigione.

corpo nascosto

Le emozioni compaiono in luoghi specifici e viaggiano lungo percorsi regolari nel nostro corpo. Queste posizioni e percorsi sono talvolta chiamati corpo calloso, ma non sono caratteristiche anatomiche o strutture fisiche. Non li troverai esaminando il corpo al microscopio. Sebbene i meditatori a volte visualizzino il corpo sottile in varie forme e colori, il corpo sottile non è una raccolta di simboli esoterici nascosti sotto la pelle.

Il corpo sottile è il luogo dell’esperienza emotiva. È qui che i sentimenti si incontrano faccia a faccia. Ma non sarai in grado di conoscere analiticamente il corpo sottile: “È reale?” “Esisti?” “Di cosa è fatto?” Tutte queste domande fanno parte del modo di conoscere della mente. Ti impediscono di affrontare direttamente i sentimenti e il corpo sottile. L’unico modo per sentire i sentimenti è lasciare andare il pensiero e lasciare che la coscienza riposi dolcemente sul tessuto dei sentimenti stessi.

Quando lo fai, la prima cosa che probabilmente sperimenterai è la paura. Questo può farti deragliare e innescare una reazione a catena di risposte emotive e retoriche. è normale. Non c’è bisogno di aver paura della paura. Anche se avere paura può farti del male, la paura non ti farà del male. Se ti respinge, prova a tornare gentilmente in contatto con i tuoi sentimenti di paura. Cerca di notare dove sono i sentimenti. Esamina la trama e le dimensioni della paura. Se la paura ti spaventa, non scoraggiarti. sii gentile. Concediti del tempo. Puoi imparare a lavorare con la paura.

READ  La prima immagine del buco nero ottiene un aggiornamento, che rileva intensi campi magnetici

Quando entri nel regno dei sentimenti, potresti sentirti insensibile piuttosto che spaventato. Se lo fai, senti come ci si sente ad essere insensibili. Cos’è il tessuto intorpidito? Cerca di sentirti a tuo agio in questo.

Proverai tutti i tipi di sentimenti. sentili. Non tentare di identificarli o capirli con una mente pensante. Toccali delicatamente. Accontentati dei sentimenti. Connettiti con loro senza narrazioni o giudizi di alcun tipo. Sii e ​​lascia che i sentimenti siano.

I sentimenti possono aprirsi, ma se ti avvicini a loro con un programma per farli cambiare o trasformare, si solidificheranno e diventeranno più difficili e duraturi. Il modo per liberarsi dai sentimenti difficili è trovarli proprio all’interno dei sentimenti stessi. Quando vedi che stai cercando di sbarazzarti dell’emozione, senti quell’impulso e lascialo andare. La guarigione inizia quando cambi il tuo atteggiamento nei confronti dei sentimenti difficili e dai loro il benvenuto a rimanere per tutto il tempo che desiderano.

come esercitare

Puoi lavorare con il tuo corpo sottile, sia nelle sessioni di meditazione che nella vita di tutti i giorni. Quando mediti e noti disagio, puoi mettere in pausa la tua tecnica di meditazione e lavorare direttamente con i sentimenti.

Inizia la pratica del corpo sottile abbandonando il pensiero e lasciando che la consapevolezza riposi direttamente sulle sensazioni. Sii gentile con i sentimenti se si tirano indietro. Rilassati con i sentimenti. Se ti ritrovi distratto e perso nel raccontare, giudicare o pensare al motivo per cui provi questi sentimenti, abbandona l’attività retorica e torna a sperimentare solo la trama dei sentimenti.

Non forzare nulla. Sappi quando vuoi far sparire i sentimenti o trasformarli in qualcosa di più piacevole. Sentilo e poi sistemati in ciò che ti sembra giusto. Se i sentimenti si aprono e ti rilassi, allora così sia. Se non si aprono e non si rilassano, allora così sia. Sii solo con tutto ciò che accade nel corpo sottile. Quando i sentimenti diminuiscono o cambiano, torna a una tecnica di meditazione. Se non diminuiscono o si spostano, va bene lo stesso. Se provi sentimenti, diventano più solidi e dolorosi.

READ  Questo telescopio alimentato da smartphone porta la gioia di esplorare il cielo a tutti - Yanko Design

Quando non stai riflettendo e sorgono sentimenti difficili, potresti essere tentato di ignorarli e andare avanti con qualunque cosa tu stia facendo. Non farlo! È meglio dedicare almeno qualche momento alla pratica di questi sottili esercizi fisici. Se stai per avere una conversazione difficile con qualcuno, ad esempio, è normale provare sensazioni spiacevoli. Se provi a sopprimere l’emozione e continui la conversazione, l’emozione distorcerà le tue percezioni e la tua comunicazione. Se potessi passare solo pochi istanti a toccare il tenero corpo, i sentimenti non sarebbero alla guida dell’autobus. Questo non significa che se ne andranno, ma ci sarà un po’ di spazio intorno a loro e questo darà spazio allo spirito per far sorgere l’arguzia in modo che tu possa davvero stare con l’altra persona.

A volte ti innervosisci così tanto che inizi a cantare il mantra “così tanto da fare, così poco tempo”. Agitazione, irrequietezza e irascibilità si accumuleranno nel tuo corpo delicato. Potresti essere in grado di alleviare temporaneamente questi sentimenti con l’esercizio, lo yoga o varie attività calmanti e distraenti, ma una volta che questi sentimenti si accumulano, se non li affronti a testa alta, tendono a persistere. Riconoscere i sentimenti è il primo passo per lavorare con loro. Una volta che li conosci, identifica dove si trovano nel tuo corpo sottile e passa il tempo a fare amicizia con loro attraverso questa pratica del corpo sottile.

da Nello specchio: un viaggio buddista attraverso la mente, la materia e la natura della realtà di Andy Carr © 2023 di Andy Carr. Ristampato in collaborazione con Shambhala Publications, Inc. Masso, CO. www.shambhala.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *