I tacchini Scrum non voteranno per il Natale e fisseranno la legge

Domenica scorsa ad Aviva, il mondo del rugby ha assistito incredulo a una legge profondamente imperfetta che ha imposto una forte farsa sulla partita del Sei Nazioni. All’inizio della partita, l’Italia ha perso entrambe le prostitute. La prostituta titolare, Gianmarco Lucchesi, ha riportato un grave infortunio al braccio e il suo sostituto, Epalahame Faiva, ha ricevuto un cartellino rosso per una grave interferenza. Senza prostitute, l’arbitro non ha avuto altra scelta che chiedere un graffio incontrastato.

In questo momento è scesa la confusione. Poiché l’Italia era la squadra che non poteva origliare, l’arbitro georgiano Nika Amashukeli è stato costretto ad applicare una legge così vaga che pochissimi erano nemmeno a conoscenza della sua esistenza. La legge prevedeva che l’Italia dovesse squalificare un altro giocatore.

Amashukeli, che ha svolto un lavoro encomiabile nella sua prima partita nel Campionato Sei Nazioni, ha avuto le mani legate a causa della ridicola punizione obbligatoria che i Campionati del mondo di rugby hanno collegato all’atto di scrutinio. Era una situazione confusa, frustrante, ingiusta e imbarazzante per il gioco. Gli spettatori di tutto il mondo hanno spento i televisori e i fan della partita hanno lasciato i loro posti per non tornare mai più. È stato un disastro di marketing poiché la stimata istituzione delle Sei Nazioni è scivolata in una bufala.

Ironia della sorte, la legge che ha causato il caos è stata creata da gruppi all’interno del World Rugby che si concentrano sul mantenimento del potere delle leggi sulla mischia esistenti forzando un concorso completo. Quando la legge è stata applicata, ha trovato il contrario. L’Italia è stata ingiustamente punita in assenza di concorrenza.

READ  Herberth prende 12 ore e vince l'Hungaroring

Questi custodi delle attuali leggi sulla mischia hanno virato ingiustamente verso paesi con una forte mischia. La disperata politica interna del rugby mondiale, ossessionata dal mantenimento del potere delle nazioni dominanti, ha creato una situazione terribile che ha ridotto l’Italia a 13 giocatori. Questa regola ha rifiutato di riconoscere la possibilità di condizioni in una partita che potrebbero costringere legalmente una squadra a non essere in grado di cercare in sicurezza una partita.

Questa è una posizione giuridica incomprensibile che l’organo di governo deve assumere. Nell’ultima partita del match, il talentuoso mediano italiano, Paolo Garbesi, è stato comicamente costretto a inserirsi in mischia come una serratura, mentre il subentrato junior, Alessandro Fusco, è diventato il più giovane numero otto della nazionale italiana; Sono rimaste solo quattro difese difensive italiane.

Inversione di ruolo

Immaginate l’indignazione se quel quadro fosse invertito e fosse l’Irlanda ad essere costretta a ridurre a 13, se Johnny Sexton dovesse mettere la testa in seconda fila, con Craig Casey che finirebbe ottavo. L’Italia si è quindi arrampicata in una facile corsa per una famigerata vittoria. La rabbia non era ancora cessata.

Peccato che le leggi del World Rugby abbiano umiliato l’Italia in questo delicato scenario.

Domenica scorsa, la comunità del rugby ha dato un’occhiata al mondo intrecciato e politicamente disconnesso dei processi legislativi disfunzionali del rugby. Il post italiano che ha distrutto il gioco ha mostrato che World Rugby è un’organizzazione che non solo è quasi incapace di creare nuove leggi cercando di stare al passo con lo sviluppo del gioco, ma è anche bloccata internamente al punto che chiaramente non è riuscita a cancellare molte leggi vecchie o mal organizzate che non sono più adatte allo scopo. Proprio come quello che ha rovinato la partita di domenica scorsa.

READ  "Preoccupa il look dell'attaccante dell'Inter Lautaro Martinez"

Non è un caso che la Legge Demoniaca che ha creato il caos fosse incentrata sul mantenimento del potere di Scrum. Scrum è arrivato a esemplificare la paralisi politica del rugby globale a causa della riforma legislativa.

Ho menzionato più volte in questo articolo che negli anni ’80 e ’90 tutte le violazioni tecniche di mischia erano calci di punizione. Non erano consentiti tiri in porta o calci da toccare. Questo rugby ha consentito di vincere o perdere le partite di rugby a causa di decisioni arbitrali basate sugli aspetti tecnici della mischia. Era una legge popolare e di enorme successo.

È essenziale ricordare che i gratta e vinci sono semplicemente intesi come una gara che riavvia il gioco, non per controllare il gioco. Le mischie non sono mai state pensate per essere una maratona di scramble tra i due giganti che ha prodotto uno tsunami di calci di rigore con la palla che vedeva a malapena la linea di fondo.

Negli ultimi anni, i paesi a dominanza della membrana hanno cercato incessantemente e con successo di apportare modifiche alle leggi sulla mischia che preferivano. Hanno sistematicamente sostituito quasi tutti i calci di punizione dai falli tecnici ai calci di rigore pieni.

Attualmente, i paesi che ottengono rigori con graffi dominanti calciano o toccano tre punti per i tentativi. Ciò ha portato alla situazione inimmaginabile che le prostitute internazionali hanno ora tre volte più probabilità di vivere rispetto al Centro Internazionale.

Le leggi sulla mischia esistenti hanno avuto l’effetto disastroso di ridurre il tempo in cui si gioca la palla poiché si sprecano fasce di tempo. Siamo costretti ad accettare che queste missioni richiedano almeno 90 secondi, fino a tre minuti, e che le partite possano essere vinte o perse ai calci di rigore assegnati a lotterie arbitrali, il tutto sulla base di interpretazioni tecniche delle leggi create dalla legislazione che favorisce un pochi paesi d’élite.

READ  Svelate le nuove Ducati Multistrada V2 e V2 S

Ciò ha spinto i packer all’infinito mentre cercavano penalità che annullassero l’attacco di backline da zero, la migliore piattaforma offensiva del gioco.

Nonostante le numerose chiamate di allenatori vincitori della Coppa del Mondo, ex giocatori e pensatori di rugby di tutto il mondo, i legislatori del World Rugby si sono rifiutati di riparare questo flagello del nostro gioco.

Solo il Sudafrica e l’Inghilterra beneficiano dell’importanza che la mischia può avere. Foto: David Rogers/Getty Images

Chi trae vantaggio dall’avere denti forti ed è nel loro interesse fissare le leggi della mischia? Il Sud Africa ha vinto tre Coppe del Mondo basandosi su potenza eccessiva, attacco altrettanto potente e un’alta percentuale di marcatori che ha ottenuto tre punti per violazioni di mischia tecnica.

Sebbene il Sud Africa abbia dominato l’Inghilterra nell’ultima finale della Coppa del Mondo, il gioco inglese è stato tradizionalmente dominato da un gioco costante, con un marcatore preciso come centro di forza. Johnny Wilkinson, Owen Farrell e Marcus Smith. Devo dire di più?

Pensi che i tacchini di mischia voteranno per il Natale e modificheranno le leggi sulla mischia? L’evidenza dice chiaramente il contrario.

I pesi massimi sono così disperati nel mantenere il pregiudizio della legge sulla mischia nei suoi confronti che hanno creato una legge grottescamente ingiusta che afferma che, per qualsiasi motivo, inclusi infortuni e cartellini rossi, la tua squadra non può completare una competizione a tutti gli effetti. Il giocatore verrà rimosso dal campo.

Questo concetto ingiusto e incomprensibile è ciò a cui abbiamo assistito domenica scorsa.

Quali paesi gestiscono il pallone e beneficiano della riforma e del ritorno di tutte le leggi sulle infrazioni tecniche di mischia sui calci di punizione? L’inizio dell’Irlanda Figi, Tonga, Giappone, Samoa, Scozia, Galles, Australia.

Il piccolo ne trarrà beneficio, quindi si oppone ai giganti. Come disse Tucidide 2.500 anni fa: “I forti fanno quello che possono, mentre i deboli fanno quello che devono”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.