Violenza durante le proteste contro le misure di Corona in Italia

La polizia ha denunciato che 28 persone hanno distrutto e resistito alle forze di sicurezza durante le violente proteste a Milano contro le nuove misure restrittive adottate dal governo italiano per combattere il COVID. La polizia ha detto martedì che 13 di loro erano minorenni.

A Torino, dove lunedì sera si sono svolte anche violente proteste e saccheggi di negozi, sono state arrestate 15 persone e altre sei. Due persone sono state accusate di aver fatto irruzione in un negozio di lusso e di aver rubato diversi oggetti. In Italia da lunedì sono aumentate le proteste contro il “mini lockdown” imposto dal governo.

Innumerevoli persone sono scese in piazza lunedì sera in varie città per protestare contro la chiusura dei bar alle 18 e contro la chiusura di cinema, teatri e sale da concerto. A Napoli i tassisti hanno manifestato martedì in piazza del Plebiscito, la piazza principale di Napoli, contro il divieto di uscita notturno dalle 23:00 alle 5:00. Hanno anche protestato per la chiusura dei ristoranti alle 18, che ha ferito gravemente i 2.400 tassisti del Vesuvio. Il premier Giuseppe Conte ha introdotto misure più restrittive domenica in una conferenza stampa, entrata in vigore lunedì.

A partire dal lunedì, i bar e i ristoranti devono chiudere alle 18:00. Un massimo di 4 persone possono sedersi a un tavolo nei ristoranti. I servizi di ricezione sono ancora in fase di pianificazione. Cinema, teatri, sale giochi, club, impianti sportivi pubblici e piscine saranno completamente chiusi.

Il

Consegnato

informazioni Un clic su un’icona aggiunge la parola chiave ai tuoi post.

Consegnato

informazioni
Facendo clic sull’icona, si apre la pagina “I miei argomenti”. loro hanno 15 parole chiave salvate e dovrai rimuovere le parole chiave.

READ  8 elementi essenziali della cucina italiana: salse, olio e altro per cucinare pasta, pizza e altri piatti deliziosi | Prodotti più cercati

Consegnato

informazioni Un clic su un’icona rimuove la parola chiave dai tuoi post.

Consegnato

Aggiungi argomento ai tuoi post.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *