Kosher Brooklyn, la food blogger Chaney Apfelbaum diventa italiana – The Forward

Quando Chanie Apfelbaum, fondatrice del blog “Busy in Brooklyn kosher food”, è tornata da un viaggio in Italia quest’estate, ha riportato un nuovo slogan: “Riprendilo”, dice. “Per addolcire il suo tono.”

Apfelbaum, un’ebrea osservante, vive a Brooklyn, ha cinque figli, un libro di cucina, “Millennial Kosher”, un altro libro di cucina kosher in arrivo, un blog attivo e Instagram.

Ha programmato il viaggio perché i suoi figli erano all’estero e voleva realizzare il sogno di una vita, di visitare Venezia, Firenze, Toscana e Roma in sei giorni – estenuante fisicamente ma mentalmente.

Ha detto che il viaggio è stato comprensibile per una donna che è cresciuta con zuppa di kogel, cavoli ripieni e palline di matzo e ha iniziato la sua fama gastronomica con il “salame hasselback ubriaco”, un piatto diventato virale 11 anni fa. In esso, Apfelbaum taglia un grosso pezzo di salame, mescola una salsa di marmellata di albicocche, zucchero di canna, brandy, senape marrone e ketchup e lo affetta sulle bistecche. Quindi cuocere fino a quando non è marrone e croccante. Sembrano deliziosi ma non sono l’epitome della semplicità.

Dopo l’Italia, lo rifaresti?

mai dire mai. Ma non c’è dubbio che il suo tour italiano le abbia aperto gli occhi su un nuovo rapporto con cosa e come mangia. Sono rimasto stupito dal modo in cui gli italiani vedono e trattano il loro cibo con rispetto. Nessuno lo butta nel carrello del supermercato. Entra in un negozio di alimentari e vedrai prodotti di provenienza locale splendidamente esposti di cui il proprietario del negozio si prende gentilmente cura. Il cliente sa di non toccarlo. Questo è un lavoro da droghiere. Digli (o lei) cosa vuoi e lui lo sceglierà e lo imballerà per te, con la stessa cura di un gioiello.

READ  Eduscopio 2020, da Milano a Roma e da Torino a Napoli. Ecco la classifica delle migliori scuole secondarie in Italia

Appfelbaum ha detto che anche tu provi rispetto per il cibo mentre viene preparato. Alla Cantina Giuliano in Toscana, un’azienda vinicola kosher e un ristorante a km zero, Apfelbaum è stata servita mezza pesca, appena raccolta da un albero, arrostita, ricoperta di briciole e servita con crema di mandorle: uno studio semplice.

Ovunque mangiasse, rimaneva scioccata dalla preparazione del cibo croccante. Gli chef hanno usato un po’ di spezie. Servire le patatine da sole, senza ketchup. Non c’era salsa di immersione per i carciofi fritti. Il condimento spesso non era altro che sale e pepe. Anche le insalate arrivano senza condimento.

“Porta l’insalata in tavola con una bottiglia di olio extra vergine di oliva, sale, pepe e limone”, ha detto. “Tutto si riduce a far brillare gli ingredienti”.

Anche lì non troverai molto pascolo tra i pasti.

“Non è la cultura dello spuntino”, ha detto. Ci sono pochi, se non nessuno, snack venduti nei negozi di alimentari. Nessuno cammina per strada mangiando pasticcini. Quando era a Firenze, e ha chiesto allo chef del ristorante vegetariano Ruth’s Kosher una pizza già pronta, lui ha detto: “Vai? Vuoi coltello e forchetta? La mangerai per strada?”

Tutto si riduce al rispetto per il cibo, ha detto Abfelbaum. Siediti a un tavolo con coltello e forchetta. Rispetta il pasto.”

Abfelbaum è un grande fan di Frank Bresenzano, lo chef italo-americano che ha condiviso il suo viaggio in Italia quest’anno sul suo Instagram. Abfelbaum è ispirato dalla sua passione per il buon cibo. Devono essere preparati con cura e preparati utilizzando la tecnologia appropriata.

Per Rosh Hashanah quest’anno, Apfelbaum preparerà un piatto di pesce che ha chiamato “Branzino a la Frank”. È un pesce intero (a Frank piace mangiare il pesce intero), servito con la testa, ma poiché è Capodanno, non ci sarà la coda perché la tradizione ebraica dice che a Capodanno vuoi essere come la testa e non la coda.

Il piatto ruota attorno agli ingredienti: pesce fresco su letto di patate a fette sottili, pomodori arrostiti, capperi al prezzemolo, olio d’oliva e limone. È in un distillato di ciò che ha visto, imparato e mangiato durante il suo viaggio.

Offrirà anche le sue selezioni tradizionali di diversi tipi di mele e miele. È uno dei suoi punti salienti di Rosh Hashanah e un corso in sé, realizzato con due ingredienti puri e deliziosi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *