Donald Trump autorizza il trasferimento dei poteri – USA 2020

Quasi tre settimane prima delle elezioni, il capo della GSA Emily Murphy ha riconosciuto formalmente Joe Biden come il chiaro vincitore della presidenza, aprendo la strada a una transizione di potere che Donald Trump ha bloccato con i suoi appelli. Presunta frode elettorale. Questa è la prima ammissione dell’amministrazione di aver sconfitto Trump, con quest’ultimo costretto a diventare verde all’inizio del periodo di transizione, mentre solleva minacce contro Murphy e si prepara a continuare la sua battaglia legale.

La GSA ha informato il team di Joe Biden che ora poteva contare sui fondi federali e sulle risorse fornite e che i suoi consiglieri potevano iniziare a coordinarsi con i consiglieri del presidente uscente. La mossa è arrivata dopo che la Commissione elettorale del Michigan ha approvato il controverso risultato delle elezioni di Trump e il numero crescente di legislatori repubblicani ha deplorato i ritardi nel trasferimento pacifico del potere. Biden e il suo equipaggio hanno accusato il ritardo che minaccia la sicurezza nazionale e la capacità della nuova amministrazione di pianificare efficacemente la lotta alla pandemia. Anche il presidente eletto è stato escluso dal briefing dell’intelligence.

Trump ha dovuto cedere alla decisione di Murphy, ringraziandola su Twitter per la sua “incrollabile dedizione e lealtà al nostro paese” ma denunciando di essere stata “molestata, minacciata e maltrattata”. “Non voglio che questo accada a te, alla tua famiglia o al personale GSA”, ha scritto, sottolineando: “Il nostro caso sta andando avanti con vigore, continueremo la lotta e penso che vinceremo”. “Tuttavia, per il bene del nostro paese, raccomando che Emily e il suo team facciano ciò che deve essere fatto riguardo ai protocolli iniziali e hanno chiesto al mio team di fare lo stesso”.

READ  Sonam Kapoor, Anand Ahuja si godono la giornata dei bambini in Italia, un pasto delizioso alla volta

Nella sua lettera, il capo dell’agenzia governativa ha affermato che “non è mai stata sottoposta a pressioni dirette o indirette da nessuna autorità esecutiva,
Compresi coloro che lavorano alla Casa Bianca o al Servizio di sicurezza generale ”. Giustifica il ritardo nella sua decisione dicendo che non vuole aspettarsi che il processo costituzionale conti i voti e scelga un presidente.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.