“Scienza”: i vaccini contro il Coronavirus sono “una svolta dell’anno”

Il 31 dicembre 2019, i funzionari sanitari cinesi hanno segnalato una strana malattia polmonare a Wuhan che ha colpito 27 persone. Una settimana dopo, si è scoperto essere un nuovo tipo di coronavirus e la sua sequenza di DNA è stata pubblicata il 10 gennaio. A fine gennaio il virus rappresentava chiaramente una minaccia per il mondo intero, anche se l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) lo ha dichiarato ufficialmente pandemia solo l’11 marzo.

Una storia di successo scientifica

Quella che seguì è una storia di sofferenza per il mondo intero: finora sono state infettate circa 75 milioni di persone in tutto il mondo e quasi 1,7 milioni sono morte. Ma è anche una storia di successo scientifica, poiché la rivista di settore statunitense Science crede nel suo ultimo numero e ha assegnato il titolo “Anno di svolta”. La dichiarazione afferma che un numero così elevato di concorrenti non ha precedenti nel lavorare insieme apertamente e regolarmente e che gli sforzi congiunti di governi, industria, scienza e organizzazioni senza scopo di lucro sono stati unici.

Holden Thorpe, redattore capo di Wie “Science” ScriveÈ stato solo nelle ultime settimane prima della scadenza del rilascio che è diventato chiaro che la speranza di vaccini efficaci sarebbe stata soddisfatta: “Il raggiungimento dei vaccini Covid-19 è la testimonianza del lavoro di molti scienziati impegnati oggi e in passato. Il giornalista John Cohen aggiunge: “Che modo esaltante di concludere il 2020”. Infine, una risposta alla domanda su quando finirà tutto questo. È davvero un trucco per tutti, riassume Thorpe.

Agence France-Presse – Jeff Kowalski

Un operatore sanitario americano è stato tra i primi a essere vaccinato il 15 dicembre

La scienza funziona meglio quando diversi ricercatori lavorano insieme. Mentre studi più piccoli hanno prodotto dati contraddittori sul farmaco antimalarico idrossiclorochina, due grandi serie di studi hanno dimostrato che non aiuta a combattere il COVID-19. Migliaia di scienziati lo avranno Nota di Jon Snow È stato firmato, in risposta ad alcuni professionisti medici che rivendicavano l’immunità di gregge piuttosto che la distanza. E, ultimo ma non meno importante, lo sviluppo di più vaccini in pochi mesi è un’espressione di collaborazione di successo.

“Combattimento ineguale con la politica”

Tuttavia, la velocità ha anche portato a errori e illuminato le fessure tra studiosi e politici. “Ci sono state prime dichiarazioni su maschere e trasporto aereo che dovevano essere riviste. C’erano esperti in televisione che mettevano in dubbio l’efficacia del vaccino sulla base di test sugli animali che si sono rivelati insignificanti”, elenca Thorpe.

Le notizie su reinfezioni e test hanno causato confusione, mentre gli studi sulla pre-copia hanno ricevuto un’attenzione che avrebbe dovuto essere ritirata a causa delle vulnerabilità. “Ci sono state lotte asimmetriche con i politici che cercavano di sfruttare la pandemia e gli scienziati, e la scienza è stata spesso manipolata”, continua il redattore capo della sua critica.

“Rafforzare i legami tra scienza e società”

Ha detto che non è riuscito a convincere alcuna parte del pubblico delle raccomandazioni di salute pubblica, che potrebbero portare a giorni difficili anche se vengono lanciati vaccini salvavita. Di conseguenza, il corrispondente scientifico tedesco Kai Kupforschmidt difende: “La conclusione di quest’anno non può essere semplicemente un’ulteriore ricerca di agenti patogeni sconosciuti in agguato nella natura. Piuttosto, dovrebbe essere uno sforzo per rilanciare e rafforzare i legami tra la scienza e il resto della società”. CoV-2 non solo ha disturbato il mondo, ma ha anche “frantumato il fragile specchio che pensiamo sia reale”.

Monumento a Li Wenliang in un campus americano a metà febbraio

Agence France-Presse – Mark Ralston

Monumento a Li Wenliang in un campus americano a metà febbraio

La rivista non solo tiene traccia dell’evoluzione dell’epidemia, ma elenca anche una cronologia con le pietre miliari della ricerca sul Covid 19. La rivista onora anche undici ricercatori morti di Covid-19 nel 2020, incluso un oftalmologo. Li Wenliang, Avvertito della malattia a fine dicembre, è stato rimproverato dalle autorità cinesi ed è morto poche settimane dopo.

Pionieri: pittura rupestre, intelligenza artificiale e lotta al razzismo

Secondo Science, gli altri nove principali progetti di ricerca di quest’anno includono la scoperta finora Le pitture rupestri più antiche Sull’isola indonesiana di Sulawesi, due studi sulle sorprendenti capacità cognitive degli uccelli, il primo utilizzando una forbice genetica (CRISPR) Malattie trattate Anche Uso dell’intelligenza artificiale Per prevedere le pieghe delle proteine. Vale anche la pena notare i miglioramenti nelle previsioni sul riscaldamento globale. Inoltre, gli autori lo chiamano Una crescente presenza di suoni neri Nella comunità scientifica come sviluppo pionieristico nel mondo della ricerca.

Grotta di pittura a Sulawesi

La guerra di Sardi

Grotta di pittura a Sulawesi

Un’altra svolta degli autori è il primo contatto osservabile tra stelle magnetiche, cioè stelle di neutroni, ed esplosioni radio veloci, chiamate anche flash radio veloci. L’origine di questi lampi estremamente brevi di radiazioni radio rimane un mistero per l’astronomia, la cui soluzione potrebbe ora essere un passo avanti.

READ  Cos'è la malattia di Parkinson?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *