Il telescopio spaziale Hubble osserva NGC 3254 | astronomia

Gli astronomi che utilizzano il telescopio spaziale Hubble della NASA/ESA hanno catturato un’immagine dettagliata di una parte sorprendente della galassia a spirale NGC 3254.

Questa immagine di Hubble mostra NGC 3254, una galassia a spirale situata a circa 118 milioni di anni luce di distanza nella costellazione del Leone Minore. L’immagine a colori è stata creata da esposizioni separate scattate nelle regioni visibile e infrarossa dello spettro con la Wide Field Camera 3 (WFC3) di Hubble. Sono stati utilizzati quattro filtri per il campionamento di diverse lunghezze d’onda. Il colore risulta dall’assegnazione di tonalità diverse a ciascuna immagine monocromatica associata a un singolo filtro. Credito immagine: NASA/ESA/Hubble/Riess e altri.

NGC 3254 cadere quasi 118 milioni di anni luce Lontano nella costellazione del Leone Minore.

La galassia nota come IRAS 10265 + 2944, LEDA 30895 e UGC 5685, fu scoperta dall’astronomo britannico di origine tedesca William Herschel il 13 marzo 1785.

Appartiene al gruppo di galassie NGC 3254, che comprende anche NGC 3245, NGC 3265 e altre galassie.

“Nella nuova immagine, NGC 3254 sembra una tipica galassia a spirale, vista fianco a fianco”, hanno detto gli astronomi di Hubble.

“Tuttavia, NGC 3254 ha un meraviglioso segreto nascosto in bella vista: è galassia sievert, il che significa che ha un nucleo insolitamente attivo, noto come nucleo galattico attivo, che rilascia tanta energia quanto il resto della galassia combinato.”

“Le galassie Sievert non sono rare: si ritiene che circa il 10% di tutte le galassie siano galassie Sievert”, hanno spiegato i ricercatori.

“Appartengono alla classe delle galassie attive – galassie con buchi neri supermassicci al centro che stanno accumulando attivamente materiale, che rilasciano enormi quantità di radiazioni mentre si accumulano”.

READ  Peel ha il primo caso di West Nile Human Virus durante la stagione

“Esiste un secondo tipo di galassia più attivo noto come quasar”.

I nuclei attivi delle galassie di Seyfert, come quelli in NGC 3254, sono molto più luminosi se osservati alla luce al di fuori dello spettro visibile.

“Ad altre lunghezze d’onda, questa immagine sarebbe molto diversa, con il nucleo galattico che brilla intensamente”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *