Immagini di 42 dei più grandi asteroidi del sistema solare

Un enorme team di astronomi ha unito le forze per utilizzare il Very Large Telescope (VLT) dell’Osservatorio europeo meridionale (VLT) dell’ESO per fornire la visione più ampia mai vista di 42 dei più grandi oggetti nella fascia degli asteroidi, situata tra Marte e Giove.

Opportunamente, la raccolta di foto è stata rilasciata nel 42° anniversario della pubblicazione della “Guida galattica per autostoppisti” di Douglas Adams. Nel libro, il numero 42 è la risposta all’ultima domanda sulla vita, sull’universo e su tutto. Queste 42 immagini rappresentano alcune delle viste più vivide di sempre di queste creature, che possono contribuire a rispondere a queste ultime domande!

Inoltre, c’è anche un fantastico poster di asteroidi:

Questo poster mostra 42 dei più grandi oggetti nella fascia degli asteroidi, situata tra Marte e Giove (orbite non in scala). Le immagini nel cerchio esterno di questo grafico sono state scattate utilizzando lo strumento High Contrast Exoplanet Finder (SPHERE) sul Very Large Telescope dell’ESO. Il campione di asteroidi contiene 39 oggetti di diametro superiore a 100 km, di cui 20 di diametro superiore a 200 km. Il poster mette in evidenza alcuni oggetti, tra cui Cerere (l’asteroide più grande della cintura), Urania (il più piccolo ripreso), Caliope (il più intensamente fotografato) e Lutetia, visitati dalla missione Rosetta dell’Agenzia spaziale europea. Credito: ESO. Puoi trovare versioni più grandi di questa immagine e altre a questo link di ESO.

“Finora sono stati ripresi con un elevato livello di dettaglio solo tre grandi asteroidi, Cerere, Vesta e Lutetia”, ha affermato Pierre Vernazza, dei Laboratori di Astrofisica di Marsiglia in Francia, che ha guidato lo studio sugli asteroidi. Pubblicato in Astronomia e Astrofisica, È stato anche visitato dalle missioni spaziali Dawn e Rosetta rispettivamente della NASA e dell’Agenzia spaziale europea. Le nostre osservazioni dell’ESO hanno fornito immagini nitide di molti obiettivi, 42 in totale. “

READ  Le rane hanno perso i denti più di 20 volte nella loro storia evolutiva

Sessantasette astronomi hanno contribuito a questo sforzo e gli scienziati hanno spiegato nel loro articolo che il loro obiettivo principale è essere in grado di ricostruire forme 3D e acquisire la densità degli asteroidi bersaglio. Sono stati in grado di utilizzare lo strumento altamente sensibile High Contrast Exoplanet Finder (SPHERE) di Spectro-Polarimetric installato sul VLT.

“I nostri dati SPHERE sono stati utilizzati insieme ai dati della curva di luce per vincolare i parametri di rotazione (asse di rotazione e periodo) e ci hanno permesso di ricostruire la prima forma 3D di ciascun bersaglio”, ha scritto il team. nella loro carta.

“Le osservazioni ELT degli asteroidi della fascia principale ci consentiranno di studiare oggetti con un diametro compreso tra 35 e 80 chilometri, a seconda della loro posizione nella fascia, e crateri di dimensioni fino a circa 10-25 chilometri”, ha affermato Vernazza. “Avere uno strumento simile a una Sfera nell’ELT ci consentirà persino di visualizzare un campione simile di oggetti nella lontana fascia di Kuiper. Ciò significa che saremo in grado di descrivere la storia geologica di un campione molto più ampio di piccoli corpi della Terra”.

La maggior parte dei 42 oggetti nel loro campione ha dimensioni maggiori di 100 km; In particolare, il team ha ripreso quasi tutti gli asteroidi della cintura più grandi di 200 chilometri, 20 su 23. I due oggetti più grandi che il team ha studiato sono Cerere e Vesta, che hanno un diametro di circa 940 e 520 chilometri, mentre i due asteroidi più piccoli sono Urania e Osonia. , ciascuno di circa 90 chilometri Just.

READ  Lucasfilm si separa da Gina Carano di Mandalorian

Nel ricostruire le forme dei corpi, il team ha scoperto che gli asteroidi osservati sono essenzialmente divisi in due famiglie. Alcuni sono quasi completamente sferici, come Igea e Cerere, mentre altri hanno una forma “allungata” più insolita, come l’asteroide osso di cane Cleopatra.

Il calcolo delle densità degli oggetti ha rivelato che la composizione degli asteroidi varia notevolmente tra 42 oggetti. La migliore teoria per spiegare le differenze è che corpi diversi hanno avuto origine in diverse regioni del sistema solare. Ad esempio, i risultati confermano che asteroidi meno densi si sono formati in aree remote al di fuori dell’orbita di Nettuno e si sono spostati nella posizione attuale.

Leggi di più sul lavoro del team qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *