Un astronauta della NASA trascorrerà finalmente un anno intero nello spazio: Ars Technica

Un astronauta della NASA trascorrerà finalmente un anno intero nello spazio: Ars Technica
Ingrandire / L’astronauta della NASA Frank Rubio osserva il comportamento di una bolla d’acqua che vola libera all’interno del modulo Kibo Laboratory della Stazione Spaziale Internazionale.

NASA

Undici giorni prima di Natale dell’anno scorso, un piccolo meteorite colpì la navicella spaziale Soyuz attraccata alla Stazione Spaziale Internazionale. Ciò ha rotto il sistema di raffreddamento dell’auto, creando un drammatico spruzzo di liquido refrigerante nello spazio per ore prima che non rimanesse nulla.

Prima di questo incidente accidentale, l’astronauta della NASA Frank Rubio aveva programmato di tornare a casa entro le vacanze di primavera del 2023 per vedere sua moglie, Deborah, e quattro figli. Per il suo primo volo spaziale, all’ex pilota di elicottero e chirurgo di volo sono bastati sei mesi nello spazio.

Ma alla fine gli ingegneri russi e americani decisero che la navicella spaziale Soyuz che lui e due compagni di equipaggio russi – i cosmonauti Sergei Prokopyev e Dmitry Petlin – trasportarono alla stazione spaziale potrebbero non essere sicure per il viaggio di ritorno. È probabile che la temperatura della cabina dell’equipaggio aumenti. Quindi la navicella spaziale danneggiata è tornata a casa senza nessuno a bordo, e una navicella spaziale Soyuz sostitutiva è volata autonomamente alla stazione.

Sfida inaspettata

Quel veicolo, Soyuz MS-23, avrebbe dovuto trasportare tre membri dell’equipaggio alla stazione. Ma poiché era vuoto, toccò a Rubio e ai russi completare la missione che gli occupanti originali della Soyuz MS-23 avrebbero dovuto compiere. Di conseguenza, a Rubio è stato detto che non avrebbe dovuto viaggiare in aereo, ma due volte, ogni sei mesi.

“È stato inaspettato”, ha detto Rubio mercoledì a bordo della stazione spaziale. “In un certo senso questa è stata una sfida incredibile.”

READ  I Nunavimmiut hanno maggiori probabilità di morire di cancro ai polmoni, suggerisce lo studio

A causa della perdita della Soyuz, Rubio è ora l’astronauta della NASA con il periodo di tempo continuo più lungo nello spazio. Lunedì scorso ha battuto il record di 355 giorni stabilito da Mark Vande Heij nel 2021 e nel 2022, e quando arriverà alla fine di questo mese, Rubio avrà trascorso 371 giorni nello spazio.

Durante una videochiamata con l’amministratore della NASA Bill Nelson e il vice amministratore Pam Milroy, Rubio ha affermato di aver perso alcuni momenti importanti durante l’estate del 2023, tra cui la laurea e la partenza di suo figlio a West Point. Tuttavia, ha detto che gli è piaciuto il tempo extra nello spazio.

Rubio prenderà il suo posto in cima a questo elenco di record di durata dei voli spaziali in solitario per gli astronauti della NASA.
Ingrandire / Rubio prenderà il suo posto in cima a questo elenco di record di durata dei voli spaziali in solitario per gli astronauti della NASA.

NASA

Rubio e i suoi colleghi russi sono nello spazio da così tanto tempo che hanno vissuto e lavorato insieme a 28 colleghi provenienti da diversi paesi, tra cui Italia, Giappone, Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti. Cinque diverse missioni Crew Dragon hanno visitato la stazione spaziale durante il mandato di Rubio: Crew 4, Crew 5, Crew 6 e Crew 7, oltre alla missione speciale Axiom 2.

“Avere quella diversità qui è stata una sensazione unica”, ha detto Rubio.

Mantenere la salute del suo corpo

Rubio, un chirurgo di volo che ha conseguito il dottorato in medicina presso la Uniformed Services University of the Health Sciences, ha affermato di aver lavorato duramente per mantenersi in forma nello spazio. La sua routine di esercizi consiste in circa 75 minuti al giorno su una macchina di resistenza, che imita le attività di sollevamento pesi, per mantenere la densità ossea. Inoltre, trascorre dai 30 ai 45 minuti al giorno su una cyclette o su un tapis roulant per attività cardiovascolare.

READ  La sonda solare Parker completa l'oscillazione senza precedenti del sole

Rubio conosce lo sforzo che trascorrere a lungo in microgravità può logorare le ossa umane, la forza muscolare e altre parti del corpo umano che si sono evolute nel corso di centinaia di milioni di anni per vivere nella gravità terrestre. “Come medico, sono davvero entusiasta di vedere come si comporterà il mio corpo quando torno”, ha detto Rubio.

Prima della chiamata, Nelson ha elogiato Rubio per aver accettato volentieri l’incarico di un anno.

“Lavorare e vivere sulla Stazione Spaziale Internazionale è l’opportunità di una vita, ma non c’è dubbio che richiede anche sacrificio, soprattutto tempo lontano da amici e famiglia”, ha detto Nelson ad Ars. “Frank ha gestito il ritardo inaspettato del suo ritorno con gentilezza e professionalità. Siamo grati per l’eccellente lavoro scientifico che ha svolto durante il suo soggiorno da record e non vediamo l’ora di accoglierlo a casa tra due settimane.”

Lo dice la NASA I dati provenienti da missioni come quella di Rubio aiuteranno l’agenzia spaziale a pianificare missioni di lunga durata oltre l’orbita terrestre bassa. Rubio (47 anni), entrato nella NASA nel 2017, potrebbe essere tra gli astronauti che ne piloteranno uno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *