Sean Penn parla del “raccapricciante” Vladimir Putin e reagisce allo scatto di Trump – Variety

Sean Penn parla del “raccapricciante” Vladimir Putin e reagisce allo scatto di Trump – Variety

Nel suo nuovo documentario Superpower, Sean Penn valuta la guerra in corso tra l’Ucraina e la Russia e il significato della parola “libertà” in un mondo impazzito. Rivisita anche il suo passato con il leader russo Vladimir Putin, un momento che Ben ha descritto come un oscuro ricordo di decenni prima del suo incontro con il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyj.

Nel documento, Penn ricorda una visita del 2001 al Festival del cinema di Mosca, dove è stato presentato in anteprima il suo lavoro da regista The Pledge. Lui e l’eroe del film, Jack Nicholson, hanno avuto un breve incontro con Putin, e una sua foto appare nel film “Superpower”.

“Abbiamo avuto la possibilità di parlare per circa 20 minuti quella notte, uno contro uno”, ha detto Ben. diversificato Durante un’intervista davanti alla telecamera sul suo film originale Paramount Plus, che accompagna il ricco profilo dell’attore di Stephen Roderick nell’episodio di questa settimana diversificato copertina.

“Il presidente Bush aveva appena avuto il famoso incontro, dove disse di aver guardato [Putin] Ai suoi occhi e sapeva che poteva fidarsi di lui. “Non credo che i miei pensieri fossero più profondi di quelli del presidente Bush”, ha detto Penn. “Penso che sapesse essere impressionante e dirigere la conversazione… Sapeva che sarei stato interessato. Avevo due figli e lui parlava di suo figlio. Parlava di judo e parlava di cose che sono sicuro era abile nel parlare, a seconda di chi era.” Il suo obiettivo era non fare del male al suo paese nella conversazione. Era un po’ inquietante, ma direi che non provavo molto rispetto per quello lo mostrava a chiunque nella stanza. Era più come, ‘Qual è il mio prossimo passo?’

READ  Il film documentario mostra gli uomini di Okanagan al primo spettacolo di Kelowna - Kelowna News

Bush non è stato l’unico presidente degli Stati Uniti a cui Penn ha accennato in relazione a Putin. diversificato Gli è stato chiesto del futuro degli sforzi indipendentisti in Ucraina e di come potrebbero essere influenzati dalle imminenti elezioni presidenziali americane del 2024.

“È lungi da me fare speculazioni su chi vincerà le elezioni presidenziali o anche su chi vi parteciperà. Sappiamo quali sono le conversazioni e le probabilità riguardo a tutto ciò. Penso che, per ora, vorrei tenere gli occhi puntati la palla… Supponiamo che qualcuno pensi che Donald Trump sarà eletto “Un presidente che sarebbe terribile, imbarazzante, pericoloso, sconvolgente, sconvolgente e poco amorevole per i nostri figli”. Questa non è la notizia peggiore, perché per questo perché ciò accadesse, molte persone non hanno votato o sono state troppo ciniche. Essi [are the people who say]“Questi uomini vogliono solo il potere, mentre loro stessi non fanno nulla per il mondo.”

Davanti alla telecamera con lui diversificato Sono stati condotti nei giorni successivi all’arresto di Trump in Georgia, avvenuto il 24 agosto, dove Trump era stato accusato di aver tentato di ribaltare le elezioni presidenziali del 2020.

“L’ho visto davvero, un venditore di auto usate arrabbiato”, ha detto Penn della famigerata immagine di Trump. Mago fallito a Las Vegas.

Ben è un attivista affermato da decenni, solitamente spinto da crisi come l’uragano Katrina o i devastanti terremoti di Haiti nel 2010. Il suo percorso verso la “superpotenza”, dice, è stato un po’ diverso. Lui e il produttore Billy Smith si sono interessati a Zelenskyj dopo aver vinto le elezioni del 2019. “Penn e Smith volevano raccontare questa strana storia del suo comico, che interpretava un presidente in una commedia e poi divenne il presidente dell’Ucraina”. La storia alla fine avrebbe cambiato il tono del documento, che vedeva Penn nella capitale ucraina sul punto di aumentare la produzione quando la Russia lanciò il suo primo attacco nel 2022.

READ  Lauren Ash condivide lo stato della relazione nelle foto delle vacanze a Las Vegas

Abbiamo chiesto che, qualunque sia la soluzione che verrà fuori dalla guerra in Ucraina, Ben prenderà in considerazione la creazione di un progetto basato sul suo attuale amico Zelenskyj.

“È stata una fortuna per i tempi della mia generazione, quando ero nella tarda adolescenza, la ragazza che ti piaceva era il film che avresti visto quel fine settimana. Uno dopo l’altro, erano film che duravano attraverso i secoli, come grandiosi eventi nel cinema, mi manca”, ha detto, riferendosi alla scarsità di cinema mondiale nella sua giovinezza.

“Oggi è disponibile e sottotitolato il film vincitore del premio come miglior film del cinema mondiale… Per quanto riguarda la storia di Zelenskyj, mi piacerebbe vederla, ma non ho motivo di farlo. Ci sono grandi Registi ucraini, e noi siamo “Adesso sono disposto a guardare film in lingue straniere, quindi penso che ci sia una bella storia da raccontare a riguardo, ma non sarà la mia storia”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *