Coprifuoco notturno: diverse regioni in Italia rischiano la chiusura parziale imminente per affrontare Corona

Coprifuoco notturno
Diverse regioni in Italia sono contrarie all’imminente blocco parziale di Corona

Poco prima dell’inizio previsto del blocco parziale in Italia, diverse regioni hanno preso d’assalto la politica della Corona da Roma. Il governo di centrosinistra ha dichiarato che 4 delle 20 regioni del paese mediterraneo sono zone rosse ad alto rischio, compresa la Lombardia economicamente forte.

(Foto: dpa)

Il presidente della Regione Attilio Fontana di Milano ha criticato uno “schiaffo in faccia alla Lombardia”. Nelle regioni rosse, le persone dovranno rimanere a casa in gran parte da venerdì. Tuttavia, puoi andare a lavorare, fare acquisti e dottore. Molti negozi stanno chiudendo. Inoltre, venerdì inizierà il coprifuoco notturno in tutto il paese. Valido dalle 22:00 alle 5:00. Ci sono anche eccezioni ai metodi accelerati.

Il premier Giuseppe Conte ha annunciato mercoledì la divisione nelle tre nuove zone di pericolo. Le aree rosse hanno restrizioni molto rigide. Nelle zone arancioni del centro i cittadini possono uscire di casa, ma solo in casi eccezionali. Il resto d’Italia, compresa la capitale, è una regione gialla con restrizioni moderate.

In Campania, nel sud Italia, è stata sollevata la lagnanza opposta: l’area è etichettata “gialla”, ei politici sperano di inasprirla. “Gli ospedali di Napoli e Campania sono sull’orlo del collasso”, ha detto l’agenzia di stampa Ansa citando il sindaco di Napoli, Luigi de Magistres. Il ministro della Salute italiano Roberto Speranza ha parlato di “argomenti inutili”. Secondo quanto riportato dalla tv, la Roma può cambiare la classifica in breve tempo.

READ  Questo ospite sarà nello spettacolo martedì

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *