Stephen Sondheim, compositore e drammaturgo pionieristico, è morto all’età di 91 anni

È morto Stephen Sondheim, il cantautore che ha ridisegnato il teatro musicale americano nella seconda metà del XX secolo con le sue canzoni intelligenti dai ritmi complessi, il suo uso di melodie evocative e la sua volontà di affrontare temi insoliti. Aveva 91 anni.

Rick Miramontez, presidente di DKC/O&M, ha annunciato la morte di Sondheim. Rick Pappas, un avvocato di Sondheim in Texas, ha dichiarato al New York Times che il compositore è morto venerdì nella sua casa di Roxbury, nel Connecticut.

Sondheim ha influenzato diverse generazioni di drammaturghi, in particolare con musical importanti come un’aziendae stoltezza e Sweeney ToddChe è considerato uno dei suoi migliori lavori. le sue canzoni più famose, entra i pagliacci, è stato registrato centinaia di volte, anche da Frank Sinatra e Judy Collins.

Rifiutandosi di ripetersi, l’artista ha trovato ispirazione per le sue performance su temi così diversi come il film di Ingmar Bergman (un po’ di musica notturna), e l’apertura del Giappone all’Occidente (Ouverture del Pacifico), il pittore francese Georges Seurat (Domenica in giardino con George), Le fiabe dei Grimm (Nella forestae anche gli assassini dei presidenti americanigli assassini), tra gli altri.

“Il teatro ha perso uno dei più grandi geni del mondo e il mondo ha perso uno dei suoi scrittori più grandi e originali. Sfortunatamente, ora c’è un gigante nel cielo. Ma lo splendore di Stephen Sondheim rimarrà qui come le sue canzoni leggendarie e il produttore Cameron Mackintosh ha scritto in onore degli spettacoli che verranno rappresentati per sempre”.

READ  Questo ospite sarà nello spettacolo martedì

Sei dei musical di Sondheim hanno vinto Tony Awards per la migliore colonna sonora e ha anche vinto un Premio Pulitzer (Domenica in giardino), e un Academy Award (per la canzone Presto o tardi dal film Dick Tracy), Cinque premi Oliver e la Medaglia d’Onore presidenziale degli Stati Uniti. Nel 2008 ha ricevuto un Tony Award alla carriera.

La musica e i testi di Sondheim davano caratteristiche oscure e drammatiche alle sue esibizioni, mentre il tono dominante nei musical prima di lui era spumeggiante e comico. A volte è stato criticato come autore di canzoni insolite, un distintivo che non ha infastidito Sundem.

Per gli amanti del teatro, la raffinatezza e la brillantezza di Sondheim lo hanno reso un’icona. Il teatro di Broadway prende il suo nome. La copertina della rivista New York chiedeva: “Dio è un sole?” Il Guardian una volta ha posto questa domanda: “Stephen Sondheim è lo Shakespeare del teatro musicale?”

Presentando i tre principi necessari per un cantautore nel suo primo volume di Collected Words: il contenuto detta la forma; meno è di più; Dio è nei dettagli. Scrisse che tutti questi assiomi erano “al servizio della chiarezza, senza la quale nient’altro ha importanza”. Insieme hanno guidato versi incredibili come: “La strada dal colpo e dal pugno al sacco, al sacco e alla pensione è molto breve”.

Insegnato da un genio nientemeno che Oscar Hammerstein, Sondheim ha spinto il musical in un luogo più oscuro, più ricco e intellettuale. Ha scritto nel suo libro del 2010: “Se pensi a un musical come a un racconto, come faccio io, ogni riga ha il peso di un paragrafo”, cappello finito, il primo volume della sua raccolta di testi e commenti.

READ  Brian Cox descrive Johnny Depp come troppo sopravvalutato

Classici del teatro pop-up

All’inizio della sua carriera, Sondheim ha scritto i testi per due spettacoli considerati classici del teatro americano, Storia del lato ovest (1957) e zingara (1959). Storia del lato ovestCon la musica di Leonard Bernstein, “Romeo e Giulietta” di Shakespeare è sceso nelle strade e nelle bande della moderna New York. zingara, con la musica di Jules Stein, racconta la storia dietro le quinte di una madre e una figlia finaliste che sono diventate Gypsy Rose Lee.

Non è stato fino al 1962, quando Sondheim ha scritto la musica e i testi per lo spettacolo di Broadway, e si scopre che è un grandissimo È successo qualcosa di divertente sulla strada per il forumZero Mostel interpreta uno schiavo astuto nell’antica Roma desideroso di libertà.

Il compositore e poeta americano Stephen Sondheim è stato visto nell’agosto del 1962. (Michael Hardy/Express/Getty Images)

Dopo il suo prossimo spettacolo, Chiunque può fischiare (1964), flop, dopo aver eseguito solo nove spettacoli, ma ha raggiunto lo status di cult dopo l’uscita del suo record Attori.

È stato un’azienda, che ha debuttato a Broadway nell’aprile 1970, che ha cementato la reputazione di Sondheim. Le avventure episodiche di uno scapolo (interpretato da Dean Jones) con l’incapacità di impegnarsi in una relazione sono state acclamate come catturare la natura ossessiva dei newyorkesi egocentrici. Lo spettacolo, prodotto e diretto da Hal Prince, Sondheim ha vinto il suo primo Tony per la migliore colonna sonora. Donne che pranzano È diventato uno standard per Elaine Stretch.

L’anno successivo, Sundem scrisse la colonna sonora di stoltezzaUno sguardo alle speranze deluse e ai sogni delusi delle donne che sono apparse in sontuose commedie in stile Ziegfeld. La musica e i testi hanno reso omaggio a grandi compositori del passato come Jerome Kern, Cole Porter e Gershwins.

Nel 1979, Sondheim e Prince hanno collaborato a quello che molti credono essere il capolavoro di Sondheim, sanguinoso e spesso divertente Sweeney Todd. Un atto ambizioso, ha interpretato Cariou nel ruolo del protagonista come un barbiere assassino i cui clienti finiscono in torte di carne preparate dal partner di Todd, interpretato da Angela Lansbury.

Sondheim presenta Tim Burton, che ha diretto un adattamento cinematografico di Sweeney Todd, con un premio a New York City nel gennaio 2008. (Lucas Jackson/Reuters)

Domenica in giardinoScritto con James Labin, Sondheim potrebbe essere lo spettacolo più personale di Sondheim. Una storia di creatività artistica senza compromessi, racconta la storia dell’artista Georges Seurat, interpretato da Mandy Patinkin. Il pittore immerge tutto nella sua vita, compreso il suo rapporto con la sua modella (Bernadette Peters), per la sua arte.

Tre anni dopo Domenica Per la prima volta, Sondheim ha collaborato di nuovo con Lapine, questa volta nel musical fantasy Nella foresta. Lo spettacolo ha interpretato Peters come una strega strega e si è occupato principalmente delle relazioni turbolente tra genitori e figli, utilizzando personaggi delle fiabe popolari come Cenerentola, Cappuccetto Rosso e Raperonzolo.

Vita familiare travagliata

Sondheim è nato il 22 marzo 1930 da una famiglia benestante, unico figlio del produttore di abbigliamento Herbert Sondheim e Helen Fox Sondheim. All’età di 10 anni, i suoi genitori divorziarono e la madre di Sondheim acquistò una casa a Doylestown, in Pennsylvania, dove uno dei loro vicini della contea di Bucks era il cantautore Oscar Hammerstein II, il cui figlio, James, era compagno di stanza di Sondheim in collegio. Oscar Hammerstein era il mentore professionale e buon amico del giovane.

Ha avuto un’infanzia solitaria, che includeva abusi verbali da parte della sua fredda madre. Ha ricevuto una lettera da lei sulla quarantina che gli diceva che si pentiva della sua nascita. Ha continuato a sostenerla finanziariamente e a vederla occasionalmente, ma non ha partecipato al suo funerale.

Nel settembre 2010, l’Henry Miller Theatre è stato Ribattezzato Stephen Sondheim Theater. “Sono così imbarazzato. Sono felice, ma così imbarazzato”, ha detto mentre il sole tramontava davanti a dozzine di fan che applaudivano a Times Square. Poi ha rivelato il suo piano perfetto: “Ho sempre odiato il mio cognome. Semplicemente non canta”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *