Empagliflozin fornisce un beneficio consistente nell’HFrEF, indipendentemente dal suo utilizzo come diuretico

Empagliflozin fornisce un beneficio consistente nell’HFrEF, indipendentemente dal suo utilizzo come diuretico

Nitish K. Dhingra, MD
Credito: X.com

L’analisi post hoc dello studio EMPEROR-Reduced fornisce ai medici ulteriori informazioni sugli effetti dell’uso di empagliflozin in sottogruppi di pazienti con insufficienza cardiaca con frazione di eiezione ridotta (HFrEF).

Analisi che esaminano gli effetti in base all’uso diuretico di base I risultati dello studio suggeriscono effetti tempestivi di empagliflozin sulla morte cardiovascolare o sull’ospedalizzazione per insufficienza cardiaca indipendentemente dallo stato del trattamento diuretico al basale, senza differenze nel profilo di sicurezza tra i sottogruppi di pazienti.1

“I presenti risultati sulla consistenza dell’effetto di empagliflozin sull’esito primario della malattia [cardiovascular] Morte o [heart failure] I ricoveri nello studio HFrEF, indipendentemente dalle dosi basali di diuretici, rispecchiano i risultati precedenti dello studio DAPA-HF (Dapagliflozin in Patients with Heart Failure and Low Ejection Ejection Fraction), hanno scritto i ricercatori.1 “Tuttavia, a differenza dell’analisi del DAPA-HF, che è grossolana [heart failure] Tassi di ospedalizzazione e tempi di ricovero [heart failure] L’ospedalizzazione non è stata valutata.Questa analisi dimostra anche la potenziale efficacia attenuante di empagliflozin [heart failure] Ricoveri ospedalieri tra i pazienti che assumevano le dosi più elevate di agenti diuretici.

Empagliflozin è stato determinante nell’ascesa dell’inibitore SGLT2 alla ribalta nel campo della cura cardiovascolare. Con l’approvazione per l’insufficienza cardiaca in tutto il range della frazione di eiezione in pazienti con e senza diabete, e con una potenziale indicazione per la malattia renale cronica all’orizzonte, il numero di pazienti che assumono l’agente è aumentato a passi da gigante negli ultimi anni.2

Guidato da Nitish K. Condotto per conto dei comitati e dei ricercatori dello studio EMPEROR-Reduced, il presente studio è stato lanciato con l’obiettivo di esplorarne ulteriormente l’efficacia.Sperimentazione clinica degli inibitori SGLT2 in base all’uso diuretico di base. Con questo in mente, i ricercatori hanno progettato l’analisi per valutare l’esito primario dello studio nonché l’effetto su peso corporeo, pressione arteriosa sistolica, NT-proBNP ed ematocrito in 4 gruppi definiti come nessuna dose di diuretico o dose di diuretico equivalente a furosemide. <40. و 40 و> 40 mg al giorno al basale.1

READ  Il grave incidente si è fermato in ospedale

Dei 3.730 pazienti arruolati nel programma EMPEROR-Reduced, 3.656 pazienti sono stati inclusi nell’attuale analisi. In questo gruppo, il 13,2% non riceveva alcuna terapia diuretica e il 20,0%, 38,6% e 28,2% ricevevano rispettivamente <40 mg, 40 mg e >40 mg.1

Dopo l’analisi, i risultati hanno indicato che l’effetto di empagliflozin sull’esito primario era coerente indipendentemente dall’uso di diuretici di base (S =.192):1

  • >40 mg: FC, 0,88; IC al 95%, 0,71-1,10
  • 40 mg: frequenza cardiaca, 0,65; IC al 95%, 0,51-0,82
  • <40 mg: FC, 0,65; IC al 95%, 0,46-0,92
  • Nessun agente diuretico: HR, 0,78; IC al 95%, 0,47-1,29

Ulteriori analisi indicano che lo stato diuretico al basale non ha influenzato l’effetto di empagliflozin su peso corporeo, pressione arteriosa sistolica, NT-proBNP o ematocrito a 52 settimane. L’analisi dei risultati di sicurezza ha rivelato un andamento simile, in cui il profilo di sicurezza correlato al placebo non è stato influenzato dall’uso del diuretico primario. Tuttavia, i ricercatori hanno notato che i tassi complessivi di eventi avversi erano maggiori tra coloro che assumevano dosi basali più elevate di agenti diuretici, con questa tendenza indipendente dall’assegnazione del trattamento.1

“In sintesi, empagliflozin nello studio EMPEROR-Reduced ha dimostrato un effetto consistente sull’esito composito primario del ricovero ospedaliero. [heart failure] O [cardiovascular] “La mortalità, insieme a un profilo di sicurezza simile, era indipendente dalle dosi basali di diuretici”, hanno scritto i ricercatori.1

Riferimenti:

  1. Dhingra NK, Verma S, Butler G, et al. Efficacia e sicurezza di empagliflozin in base all’uso diuretico di base nell’insufficienza cardiaca con frazione di eiezione ridotta. JACC: insufficienza cardiaca. Pubblicato online a settembre 2023. doi:10.1016/j.jchf.2023.06.036
  2. Campbell P, Iapoce C. 10 anni di inibitori SGLT2: un decennio di ridefinizione della cura delle malattie cardiovascolari. Operatore sanitario in diretta. 29 marzo 2023. Accesso il 15 settembre 2023. https://www.hcplive.com/view/10-years-of-sglt2-inhibitors-a-decade-of-redefining-cardiometabolic-care.
READ  Reti neurali convoluzionali unidimensionali per il rilevamento di esopianeti in transito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *