La densità ossea ha rivelato lo stile di vita dei più grandi dinosauri carnivori

Lo Spinosaurus, il più grande dinosauro carnivoro conosciuto, e il suo parente più stretto hanno a lungo sconcertato gli scienziati che cercavano di capire come queste insolite bestie amanti dell’acqua vivevano le loro vite e inseguivano le loro prede. Hanno guadato fiumi e laghi come aironi? O nuotavano sott’acqua come un ippopotamo o un coccodrillo?

Si scopre che la risposta era nelle loro ossa: la loro densità ossea, per l’esattezza. Gli scienziati hanno detto mercoledì che lo Spinosaurus e suo cugino Baryonyx possedevano ossa altamente compresse che li avrebbero aiutati a rimanere sommersi per nuotare sott’acqua dove i predatori semi-acquatici prendono di mira grandi prede.

Entrambi erano membri di un gruppo di dinosauri del periodo Cretaceo chiamati spinosauri che vantavano adattamenti anatomici come nasi di coccodrillo e denti conici per la caccia alle prede acquatiche. Ma i ricercatori hanno scoperto che un altro spinosauride chiamato Sochomymus mancava di ossa dense ed era probabilmente un predatore trampoliere, mostrando un inaspettato grado di diversità ecologica all’interno di questo gruppo.

Cosa rende strano lo spinosauro

Lo Spinosaurus, che era lungo circa 15 metri e pesava sei tonnellate, visse 95 milioni di anni fa in Africa. La sua anatomia era diversa da quella di qualsiasi altro dinosauro, con un bacino relativamente piccolo, zampe posteriori corte, una coda simile a una pagaia e piedi di propulsione nell’acqua, e una peculiare struttura a vela di spine ossee alte due metri sulle sue Indietro.

Matthew Fabri è un ricercatore post-dottorato in paleontologia al Field Museum di Chicago e autore principale del libro Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Nature.

I lavoratori regolano una replica di uno scheletro di Spinosaurus durante la preparazione e l’anteprima multimediale per l’EXPO dei dinosauri al Museo Nazionale della Natura e della Scienza a Tokyo, in Giappone, nel 2016. (Yuya Shino/Reuters)

“Mi piace molto l’idea di questo animale gigante, del peso di diverse tonnellate, che si tuffa sott’acqua per cacciare la preda. Per me è sorprendente che abbia una vela gigante sul dorso. Gli avrebbe reso difficile nascondersi sotto di essa. “, ha detto il paleontologo dell’Università di Oxford e coautore dello studio Roger. Benson:

Baryonyx, la cui lunghezza è di 10 metri, visse 125 milioni di anni fa in Europa. Sushomemus, la cui lunghezza è di 11 metri, visse 120 milioni di anni fa in Africa.

Nel determinare che una maggiore densità ossea è direttamente correlata alla presenza di vita acquatica, i ricercatori hanno raccolto dati su 297 specie animali viventi ed estinte, abitanti della terra e dell’acqua.

È stato riscontrato che la compressione ossea è una caratteristica distintiva negli animali che si sono adattati alla vita nell’acqua come balene, foche, dugonghi, ippopotami, coccodrilli, pinguini e vari rettili marini estinti. Non sono stati trovati altri dinosauri con la densità ossea di Spinosaurus e Baryonyx, indicando che erano gli unici tra i dinosauri a conquistare il mondo acquatico.

“Spinosaurus ha la più alta densità ossea dei tre”, ha detto Fabry. “Baryonyx ha una densità ossea leggermente inferiore, ma è ancora molto simile allo Spinosaurus. Schomemus, che è stato trovato come animale terrestre nel nostro studio, ha una densità ossea simile ai dinosauri terrestri, ai rettili e ad altri mammiferi”.

Polemica su come fosse lo Spinosaurus acquatico

Lo Spinosaurus supera persino le dimensioni del Tyrannosaurus Rex, ma la sua anatomia ha a lungo confuso gli scienziati. I suoi fossili originali dall’Egitto furono distrutti durante la seconda guerra mondiale. Ma la scoperta di uno scheletro in Marocco nel 2008 e la pubblicazione di ulteriori coccige hanno successivamente portato alcuni paleontologi a Diciamo che lo Spinosaurus era semi-acquatico Un nuotatore attivo. Altri ricercatori che hanno esaminato gli stessi fossili non erano d’accordo.

Un uomo cammina davanti a una replica di uno scheletro di Spinosaurus al Museo Nazionale della Natura e della Scienza a Tokyo, in Giappone. Spinosaurus e suo cugino Baryonyx hanno ossa altamente compresse che li aiuterebbe a rimanere sommersi per nuotare sott’acqua come predatori semi-acquatici che prendono di mira grandi prede. (Yuya Shino/Reuters)

Il nuovo studio è stato lanciato nel tentativo di dirimere la controversia.

Forse i grandi pesci nei fiumi e nei laghi, così come i dinosauri che camminavano lungo le loro sponde, erano attraenti per lo Spinosaurus.

“Gli spinosauri potrebbero essersi spostati lungo acque poco profonde usando una combinazione di ‘camminare sul fondo’ – come i moderni ippopotami – e i colpi laterali della sua coda gigante”, ha affermato Guillermo Navalon, ricercatore post-dottorato presso l’Università di Cambridge, e coautore di lo studio. “Questo mezzo di locomozione potrebbe essere stato utilizzato non per inseguire la preda su lunghe distanze in mare aperto, ma per tendere imboscate e catturare pesci molto grandi come il polmone o i celacanti”.

READ  La NASA vuole testare per la prima volta il GPS sulla luna - OI Canadian

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.