I colloqui tra Serbia e Kosovo falliscono nuovamente Notizie sul conflitto

I colloqui tra Serbia e Kosovo falliscono nuovamente  Notizie sul conflitto

Il massimo diplomatico dell’Unione europea Josep Borrell ha accusato il Kosovo di non aver attuato l’accordo con la Serbia sulla normalizzazione delle relazioni tra gli ex rivali.

I colloqui tra i leader di Serbia e Kosovo per migliorare le relazioni non sono riusciti a raggiungere una svolta dopo che Pristina ha respinto la proposta di soluzione dell’UE, ha detto il capo della politica estera dell’Unione europea.

“Ci abbiamo provato, ma sfortunatamente non è stato possibile colmare le differenze oggi”, ha detto giovedì Josep Borrell, il massimo diplomatico dell’UE.

Borrell ha accusato il Kosovo di non aver attuato un accordo con la Serbia sulla normalizzazione delle relazioni tra gli ex nemici in guerra, affermando che il primo ministro kosovaro Albin Kurti “non era pronto ad andare avanti”.

Bruxelles cerca da anni di risolvere l’annosa disputa tra i vicini balcanici, che ha messo a dura prova le relazioni sin dalla guerra tra loro più di vent’anni fa.

L’UE ritiene di aver superato l’impasse definendo un piano per normalizzare le relazioni a marzo, ma da allora sono stati fatti pochi progressi.

Il Kosovo insiste nel volere che la Serbia faccia il primo passo verso il riconoscimento formale della sua indipendenza.

Belgrado vuole innanzitutto raggiungere un accordo per la creazione di un’unione che comprenda dieci comuni a maggioranza serba del Kosovo.

Borrell ha detto di aver proposto di lanciare le due operazioni “in parallelo” nel tentativo di fare progressi.

Ma lui ha detto che Kurti ha rifiutato questa proposta, anche se è stata accettata dal presidente serbo Aleksandar Vucic. Vucic ha detto che i colloqui “si sono conclusi senza successo” dopo il rifiuto del suo omologo.

READ  I consiglieri sono stati frustrati dalle case sfitte durante la crisi immobiliare

Kurti ha accusato la parte serba del fallimento ed ha sottolineato che da parte del Kosovo c’è “piena disponibilità” ad attuare il piano di marzo.

Serie di fallimenti

L’ultimo ciclo di dialogo si è concluso a giugno senza raggiungere risultati tangibili.

Vucic e Kurti si sono rifiutati di incontrarsi faccia a faccia, e Borrell, che ha avuto colloqui separati con i due uomini, ha ammesso di avere “interpretazioni diverse delle cause e anche dei fatti, delle conseguenze e delle soluzioni”.

Borrell ha affermato che non sono stati compiuti progressi negli sforzi per disinnescare la disputa elettorale nel nord del Kosovo che ha scatenato disordini a maggio. I serbi si sono scontrati con le forze di sicurezza, comprese le forze di pace della Forza del Kosovo guidata dalla NATO che operava lì, lasciando 93 soldati feriti, dopo la nomina di sindaci di etnia albanese in seguito alle controverse elezioni.

Borrell ha avvertito che le misure adottate dal Kosovo per calmare le tensioni organizzando nuove elezioni “non hanno soddisfatto” le richieste internazionali. Ha insistito affinché i sindaci si dimettessero.

Egli ha avvertito che la situazione di stallo sta danneggiando il desiderio della Serbia e del Kosovo di unirsi un giorno al blocco dei 27 paesi.

Ha aggiunto: “Alla fine, coloro che soffrono di più per l’incapacità dei loro leader di mantenere le proprie parole sono i cittadini”.

“Ciò è particolarmente preoccupante in un momento in cui l’UE sta chiaramente procedendo nella direzione dell’allargamento”.

Soldati delle forze di pace della NATO si scontrano con i serbi davanti al municipio di Zvecan. [File: Georgi Licovski/EPA]

Tensioni storiche

Il Kosovo è una regione con una popolazione a maggioranza etnica albanese ed era in passato una provincia della Serbia. Ha dichiarato la propria indipendenza nel 2008, ma Belgrado ha rifiutato di riconoscere la mossa. I due partiti sono rimasti in disaccordo per decenni e la guerra scoppiata tra loro tra il 1998 e il 1999 ha provocato la morte di oltre 10.000 persone, la maggior parte dei quali albanesi del Kosovo.

READ  L'Ucraina risponderà a ogni colpo dopo i micidiali attacchi russi | Notizie della guerra tra Russia e Ucraina

La Serbia ha rifiutato di riconoscere lo Stato del Kosovo e lo considera ancora parte della Serbia, sebbene non vi abbia alcun controllo formale.

L’indipendenza del Kosovo è stata riconosciuta da circa 100 paesi, compresi gli Stati Uniti.

Tuttavia, Russia, Cina e cinque paesi dell’UE si sono schierati con la Serbia. Questa stagnazione ha portato a continue tensioni e ha impedito il raggiungimento di una completa stabilità nella regione dei Balcani dopo le sanguinose guerre degli anni ’90.

In Occidente sono diffusi i timori che Mosca possa utilizzare Belgrado per riaccendere i conflitti etnici nella regione dei Balcani, che ha visto una serie di sanguinosi conflitti negli anni ’90 durante la disgregazione della Jugoslavia, per distrarre l’attenzione del mondo dalla guerra.

Ma allo stesso tempo, Kurti – un attivista di lunga data per l’indipendenza del Kosovo che ha trascorso del tempo nelle carceri di Serbia e Kosovo – ha frustrato gli europei e si è rivelato difficile per i negoziatori lavorare con lui da quando è diventato primo ministro nel 2021.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *