Trieste e la nuova via della seta | Economia | DW

Per l’Impero Asburgico, la città portuale di Trieste era un tempo l’unica entrata al mare e quindi aveva un’importanza strategica. 1719 alla zona di libero scambio di Carlo VI. Ha dichiarato, la città è diventata il centro dell’Europa orientale.

Più tardi nel XX secolo – durante la Guerra Fredda – perse il suo splendore e la sua rilevanza e divenne l’oceano isolato dell’Europa, vittima della cortina di ferro. Ma la città portuale italiana di Trieste sta vivendo una nuova era d’oro.

La fine dell’isolamento?

“Per capire l’importanza crescente del porto basta guardare la mappa”, spiega il presidente dell’Autorità Portuale Zeno D’Agostino Hu.

Da quando D’Agostino si è insediato nel 2015, il porto di Trieste si è sviluppato rapidamente. È molto popolare in città ed è visto come uno degli eroi del cambiamento nel porto. “La linea ferroviaria per il nord, che è in parte un’eredità della monarchia austro-ungarica, è un grande vantaggio per Trieste”, continua.

Il presidente dell’Autorità portuale di Trieste, Zeno D’Agostino, ha firmato nel 2019 un accordo con la Cina.

Raramente altrove in Italia è stato così influenzato dalla geopolitica come Trieste. Fino ad ora. La sua posizione strategica lo rende la tappa ideale sulla nuova Via della Seta Marittima. Nel marzo 2019 l’Italia ha firmato un memorandum con la Cina, entrando così a far parte della Nuova Via della Seta, il primo Paese del G7.

Dure critiche alla situazione di Trieste

Questo è stato criticato, soprattutto da Bruxelles e da altri paesi dell’Unione europea. “Quello che è stato promosso nell’opinione pubblica italiana come una pubblicità puramente commerciale di intenti è in realtà il riconoscimento politico del progetto Via della Seta di uno Stato membro del G7, che è molto pericoloso”, spiega la sinologa italiana Giada Messiti.

READ  La produzione di Ciserom dal comune di Spatch è diminuita del 25% quest'anno. Il più grande impianto di stoccaggio della Romania sta subendo gli effetti dell'epidemia

Nel suo ultimo libro, In the Head of a Dragon (“Nella testa del Dragone”, 2020), ha cercato di spiegare la Cina e la sua strategia politicamente e culturalmente: “I cinesi hanno pianificato dall’inizio di diventare ciò che sono oggi. Stavo portando avanti un progetto economico. Fin dalla sua importanza economica nel mondo Così potenti, è ovvio che vogliono influenzare il mondo “.

Italiani - Trieste

Sempre strategicamente importante: Deepwater Port Trieste / Italia

Trieste come gioco nella politica internazionale?

Il porto internazionale di acque profonde è il porto più importante per le petroliere del Mediterraneo. Raggiungere è strategico. In un memorandum con la Cina, è prevista la partecipazione della China Telecom Construction Corporation (CCCC) nel porto di Trieste. Il porto semplicemente non può essere venduto, come il porto greco del Pireo, la maggior parte del quale è di proprietà cinese dal 2016. L’Autorità Portuale di Trieste lo conferma più e più volte.

Tuttavia, il controverso accordo tra Cina e Italia non ha ancora prodotto alcun progetto concreto. Per diversi mesi dopo che Xi Jinping ha visitato Roma, c’è stato uno stallo. Ma dietro le quinte sembra diverso: “In effetti, da tempo trattiamo con i cinesi”, dice Francesco Baresi.

In qualità di Presidente di PLT, è stato incaricato di costruire un nuovo terminal multifunzionale nel Distretto Portuale di Trieste e sta cercando partner per sviluppare ulteriormente il progetto. “Non preferiamo necessariamente la Cina come partner commerciale, ci rendiamo solo conto che il paese è cresciuto ed è ora il partner commerciale numero uno”.

La storia economica della città

Parisi si occupa delle attività di trasporto in tutto il mondo. La sua azienda, fondata nel 1807, fa parte della storia della città. In qualità di imprenditore di ottava generazione, è chiaro che non può ignorare il confronto tra Stati Uniti e Cina.

Ha vissuto personalmente l’era della cortina di ferro a Trieste: “Personalmente, sono preoccupato per l’idea della Guerra Fredda – come uomo d’affari e come cittadino dell’Unione europea. Ma il commercio internazionale può essere un ponte e aiutare a mantenere la pace”.

Ma qui le opinioni divergono: è lecito trattare con un paese noto per violare i diritti umani? Come comportarsi nel bel mezzo di una disputa commerciale tra Cina e Stati Uniti? La pressione politica è alta e all’improvviso Trieste ha anche la responsabilità nel conflitto globale.

Nuovo partner europeo a bordo

Ma alla fine di settembre 2020, verrà annunciato che un partner europeo parteciperà all’ulteriore sviluppo del porto. Il comunicato stampa afferma che “Hamburger Hafen und Logistik AG (HHLA) acquisisce una maggioranza del 50,01% del Terminal multifunzionale del porto di Trieste”. Una decisione puramente commerciale? Forse, ma Trieste è sempre stata una questione di geopolitica.

Giada Messetti è scenologa e autrice.

Giada Messetti è una scenologa e autrice.

La sinologa Giada Messetti vorrebbe una posizione europea comune più chiara sulla Cina: “L’Europa rischia di diventare un campo di battaglia tra Cina e America. Ma l’Unione Europea potrebbe essere il terzo attore nell’arena globale. Spero che scelga quello, esattamente lo è”, spera.

Tra le altre cose, ciò richiede anche una logistica europea comune. La cooperazione tra Amburgo e Trieste con una rete ferroviaria sviluppata è un primo passo in questa direzione.

READ  Calzolaio Arrabbiato - Nuovo Quotidiano Alto Adige

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *