The Guardian: Per l’Europa, la perdita del Regno Unito è grave. Mantenere l’Ungheria e la Polonia potrebbe essere peggio: internazionale

La frase “brexit significa Brexit” – ed è un ritornello dell’ex primo ministro britannico Theresa May – merita un posto nei libri di filosofia come la frase più insignificante contenente la parola “media”. Ma non lasciamoci ingannare dal fatto che nel caso in cui ci fosse un accordo commerciale tra l’Unione Europea e il Regno o nessun accordo, scopriremo finalmente cosa significa Brexit. Ci vorranno almeno cinque anni, ma probabilmente 10 anni, per vedere un progetto chiaro per il nuovo rapporto tra l’arcipelago e la terraferma.

Fino ad allora, l’Unione europea potrebbe diventare una società completamente diversa e il Regno Unito non potrebbe più esistere. Con un nuovo referendum probabile nei prossimi anni, gli scozzesi decideranno se abbandonare l’unione di 300 anni con l’Inghilterra e aderire all’Unione Europea. Se voteranno per l’indipendenza, nonostante i problemi economici ad essa associati, il Regno Unito praticamente scomparirà.

Qualsiasi politico britannico che voglia che gli scozzesi rimangano con gli inglesi dovrà presto presentare un’altra forma, federale, della Confederazione britannica come alternativa all’indipendenza. Quindi la scelta sarebbe tra la scomparsa del regno e la federazione del regno unito di gran bretagna (il regno unito farebbe una sfortunata scorciatoia [„FUK” – n.trad.]). Il cammino dal referendum del 2016 a una difficile Brexit dell’Unione Europea è pieno di false promesse: dall’articolo che Boris Johnson ha pubblicato sul Daily Telegraph quattro giorni dopo il voto, in cui si afferma chiaramente che “il libero scambio e l’accesso al mercato unico continueranno”, e anche la dichiarazione dell’allora ministro del Commercio Liam Fox, che l’accordo di libero scambio con l’Unione europea “deve essere uno degli accordi più facili della storia umana”.

In una vittoria per dissonanza cognitiva, i sostenitori della Brexit sono stati in grado di contemplare allo stesso tempo due idee incompatibili: che “l’Europa” fosse un famigerato complotto franco-tedesco per seppellire l’Inghilterra nell’impero napoleonico. Ma anche il nuovo Napoleone stesso (su richiesta dell’industria automobilistica tedesca) dovrebbe dare al regno un accesso privilegiato e illimitato al mercato unico, in modo che gli inglesi si vedano con pancetta in soffitta e cavoli grassi.

READ  Campagna di donazioni per famiglie bisognose - Südtirol News

La domanda ora è se ci sarà una dinamica di convergenza o divergenza tra l’Unione europea e il Regno. Qualsiasi alternativa ragionevole all’attuale governo populista britannico sarebbe una Brexit più moderata. Il che significa un governo conservatore più pragmatico ed efficiente sotto un nuovo leader come Rishi Sunak, l’attuale cancelliere [ministrul finanțelor – n.trad.]. Sarebbe molto più sano nel caso di un gabinetto laburista – o gestito dal partito laburista – sotto Kerr Starmer.

Ciò, insieme alla logica del proprio interesse economico, indica che il Regno si riavvicinerà nuovamente all’Unione Europea, gradualmente, nel tempo, campo dopo area, questione dopo questione. D’altra parte, la più dura Brexit, il regno dovrà cercare un modello di business alternativo. Come evidenziato dal vaccino Oxford-AstraZeneca per Covid-19, anche solo Inghilterra e Galles hanno ancora grandi punti di forza: servizi finanziari, università eccellenti, biotecnologia, DeepMind [companie de inteligență artificială – n.

trad.]Energie alternative e industrie creative. L’economia sarà più piccola di quanto sarebbe stata senza Brexit, ma potrebbe sviluppare un nuovo profilo più competitivo nel tempo. Questi indicano la differenza. Il risentimento e le accuse reciproche per una Brexit senza accordo, se raggiunto, rischiano di ostacolare e ostacolare la cooperazione in altri settori, come la politica estera e di sicurezza, per qualche tempo.

Tuttavia, il futuro della Brexit dipenderà anche dagli sviluppi sulla sponda continentale del canale. [Mânecii]. Le persone in Germania, Francia e Italia ora parlano molto poco della Brexit, non solo perché ne sono stanche, ma anche perché l’Unione europea sta affrontando altre due grandi crisi, che saranno sicuramente discusse nel Consiglio europeo di questa settimana. L’Unione Europea deve adottare con urgenza il suo impressionante budget e il suo fondo per la ripresa di 1,8 trilioni di euro, perché senza di loro la ripresa post-pandemia sarà più difficile e le tensioni tra nord e sud della zona euro potrebbero diventare di nuovo acute.

READ  La Chiesa italiana è tornata in attività, ma non come al solito

Ma per farlo, deve sconfiggere le minacce di veto di Ungheria e Polonia, che hanno tenuto in ostaggio il resto dell’Unione europea al fine di indebolire ulteriormente la proposta condizionalità di quel denaro attraverso lo stato di diritto. Alcuni hanno sostenuto che la Brexit potrebbe effettivamente aiutare l’Unione Europea, perché ora è sfuggita allo scomodo cliente anglosassone e altri Stati membri saranno in grado di muoversi agevolmente verso un’integrazione più profonda.

Ma è solo un’illusione. Questa estate è stata necessaria una conferenza sulla maratona di cinque giorni per concordare il budget e il fondo di recupero, a causa della feroce resistenza dei “quattro frugali” (Austria, Danimarca, Svezia e Paesi Bassi), a cui sta giocando il primo ministro olandese Mark Root. Ruolo di Thatcher. Quello che i primi ministri ungherese e polacco Viktor Orban e Matthews Moraveki, rispettivamente, fanno ai loro partner dell’Unione europea fa sembrare la Thatcher un dolce europeo.

L’ex primo ministro britannico potrebbe aver gridato “Rivoglio i miei soldi”, ma almeno il Regno Unito ha contribuito notevolmente al bilancio dell’UE. Dopo essersi assicurato il suo avversario, ha promosso in modo aggressivo un progetto fondamentale di integrazione europea – il mercato unico delle “pari opportunità” (una metafora importante britannica) ora insistendo sul fatto che l’UE dovrebbe accettarlo. D’altra parte, l’Ungheria e la Polonia saranno i principali beneficiari netti dei due fondi, che insieme possono contribuire per oltre il 6% al PIL dell’Ungheria.

Tuttavia rifiutano di accettare altre condizioni minime per lo Stato di diritto, senza le quali l’Unione europea cesserà gradualmente di essere una comunità di democrazie e un sistema giuridico unificato. In effetti, il messaggio che i leader ungheresi e polacchi stanno inviando ai contribuenti tedeschi e olandesi è: non ti permetteremo di effettuare quelle rimesse tanto necessarie ai paesi dell’eurozona meridionale come l’Italia e la Spagna, entrambi colpiti duramente dal virus Covid-19, a meno che tu non ci permetta di continuare. Usa grandi quantità di denaro senza alcuna condizione importante.

READ  Apple potrebbe creare una batteria magnetica per i suoi iPhone

In Ungheria, ciò potrebbe significare una ridistribuzione dei fondi per rafforzare il regime sempre più antidemocratico di Orban, senza contare che probabilmente trarrà beneficio dai suoi parenti e amici. Se questo vergognoso ricatto avrà successo, allora i partiti populisti, xenofobi e nazionalisti in Ungheria e Polonia potranno continuare a fare quasi quanto vogliono, essere pagati generosamente per questo e, inoltre, mordere mani e mani tedesche. Gli olandesi che li nutrono.

Ricetta veloce Ungexit o Polexit? Perché sono così stupidi? Johnson può parlare quanto vuole del mangiare pancetta grassa e cavolo; Orbán lo fa davvero. No, la minaccia immediata per l’Unione europea non è che l’Ungheria e la Polonia seguano l’esempio della Gran Bretagna, ma piuttosto che rimangono membri a pieno titolo del club pur continuando a violare le sue regole più importanti.

È difficile dire quale sia la più grande minaccia ora per il futuro dell’Unione europea: una Brexit democratica o la sopravvivenza dell’Ungheria antidemocratica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *